Trilogia di Bernard Cornwell
Trilogia di Bernard Cornwell
La Finestra sul comò

"Il romanzo di Excalibur" di Bernard Cornwell: tra storia e mitologia

Intrighi politici, guerra e amicizia, nonché punti di incontro tra mondi diversi, oltre alla ipocrisia del mondo religioso e politico

Forse in pochi hanno sentito il nome di Bernard Cornwell e, forse, anche meno sanno che si tratta di uno degli autori di romanzi storici più importanti di sempre. Le sue opere sono ambientate durante periodi importanti, come il ciclo de "Alla ricerca del Santo Graal", collocato durante la guerra edoardiana, ossia la prima fase della Guerra dei cent'anni, e "Le storie dei re sassoni", situato nel IX secolo, e da alcune di queste sono state tratte serie di successo, come "The Last Kingdom". Tuttavia, a detta dello stesso autore, i suoi migliori libri, nonché i suoi preferiti, sono una trilogia incredibile, scritta con passione e con una capacità narrativa al di là di ogni immaginazione. Stiamo parlando de "Il romanzo di Excalibur".

La trilogia, il cui titolo originale è "The Warlord Chronicles", ossia "Le cronache del signore della guerra", tratta il ciclo più famoso della letteratura fantastica e della mitologia britannica. Stravolgendo l'ambientazione fiabesca e anacronistica, pullulante di maghi, draghi, stregoni e magia cui siamo abituati da sempre, Cornwell dipinge un quadro assai differente, descrivendo la Britannia dei secoli bui, frammentata in una alleanza di regni facenti capo al mitologico re Uther, padre di Arthur, anche in questa saga suo figlio illegittimo come nella storia originale, ma militare in Gallia. Dopo la nascita del nipote Mordred, suo nipote ed erede al trono, e non figlio di Artù come nei racconti, Uther richiama Arthur per far da tutore al piccolo e contrastare i nemici dell'unità di quei regni, quali i Pitti provenienti dalla Scozia, ma soprattutti i Sassoni, provenienti dalla Germania e dalla cui unione con gli Angli, avrebbero dato origine al popolo Anglosassone e all'Inghilterra, la terra degli Angli.

Il narratore, tuttavia, non è Arthur, ma il vero e proprio protagonista dell'opera: Derfel. Derfel viene presentato come un anziano sacerdote cristiano che narra, alla sua sovrana, la vera storia di Arthur, suo grande amico e signore, che, sin da pochi decenni dopo gli eventi raccontati, inizia ad essere corrotta e mutata da quei racconti di fantasia che si sarebbero trasformati nelle leggende dei nostri giorni: Re Artù e i cavalieri della Tavola Rotonda, mago Merlino, Ginevra e Lancillotto, la Fata Morgana e la Dama del Lago, nonché la leggendaria spada di Re Artù, Excalibur. Durante il racconto di Derfel, il vero tema dell'opera viene mostrato inizialmente in modo timido per divenire la vera e propria colonna portante dell'intera storia. Dopo l'abbandono da parte dei romani, i culti divini britannici basati sugli dei cosiddetti pagani iniziano ad essere soppiantati da un nuovo culto che, oramai da due secoli, è la religione ufficiale dell'Impero Romano dopo l'Editto di Tessalonica emanato da Teodosio: il Cristianesimo.

La Cristianità e il mondo pagano si scontrano in combattimenti verbali e fisici sempre più feroci, fino alla capitolazione dell'ultimo a favore del primo. Stando alle parole di Merlino, "Il dio chiamato Yahweh è più forte dei nostri dèi". Interessante osservare come, nonostante il ciclo arturiano sia ambientato in un mondo in cui storicamente il Cristianesimo e le sue liturgie ancora non erano presenti, oggi le figura di Artù e dei suoi cavalieri siano divenute una sorta di richiamo ad essa: il re giusto, severo ma indulgente, il sovrano ideale di cui si attende il ritorno, attorniato da dodici cavalieri, esattamente come gli apostoli – per quanto i cavalieri della Tavola Rotonda fossero molti di più – chiamato a difendere il regno dal male.

Al giorno d'oggi, è difficile reperire i libri in italiano, suddivisi in cinque per meri motivi economici. Io consiglio la lettura in inglese per addentrarsi in un contesto storico affascinante e misterioso, dove Cornwell riesce ad incastrare tutti i taselli di un mosaico che, pian piano, metterà in risalto elementi quali il peso e la responsabilità del potere, intrighi politici, guerra e amicizia, nonché punti di incontro tra mondi diversi, oltre alla ipocrisia del mondo religioso e politico, mostrando il lato più umano e mortale di personaggi oggi quasi divini ed immortali. Bernard Cornwell è un autore che va, davvero, scoperto. I titoli dei libri sono: "The Winter King", "Enemy of God" e "Excalibur". Non possiamo che augurarvi buona lettura!
  • Storia
  • Cronache dalla storia
  • lettura
  • La finestra sul comò
Altri contenuti a tema
1 “Storia della città di Barletta”, assegnate quattro borse di studio ​ “Storia della città di Barletta”, assegnate quattro borse di studio ​ I progetti hanno riguardato archeologia, documenti archivistici, storia ecclesiastica e altri aspetti della storia barlettana
105 anni dalla Grande Guerra, Grimaldi: «Il ruolo primario di Barletta» 105 anni dalla Grande Guerra, Grimaldi: «Il ruolo primario di Barletta» Il responsabile dell'archivio di stato, Michele Grimaldi, ripercorre gli esiti della mostra “L’Italia chiamò: Barletta e la Grande Guerra”
I "gemelli" del Castello di Barletta, un viaggio tra le fortezze I "gemelli" del Castello di Barletta, un viaggio tra le fortezze L'idea di dare origine a un gemellaggio con il patrocinio dei comuni legittimerebbe operazioni artistiche ed eventi itineranti
I Moderat tra i vinili: alla scoperta della trilogia metropolitana I Moderat tra i vinili: alla scoperta della trilogia metropolitana Tra le tracce degne di nota per Luigi c'è: "Let in the Light"
"In the end" dei Linkin Park: in un attimo di nuovo il 2000 "In the end" dei Linkin Park: in un attimo di nuovo il 2000 Un "cane nero" pian piano consuma la figura carismatica di Chester Bennington conducendolo all'incontro con una "vecchia amica"
5 aprile 1994: muore Kurt Cobain dei Nirvana 5 aprile 1994: muore Kurt Cobain dei Nirvana Il gruppo diede voce al disagio e all'apatia di un'intera generazione: la generazione X
"La luna e i falò" di Cesare Pavese: Il ritorno alle radici "La luna e i falò" di Cesare Pavese: Il ritorno alle radici Da leggere ascoltando necessariamente Francesco de Gregori
"Storie di sfigati che hanno spaccato il mondo": chi ha mai detto che le biografie sono noiose? "Storie di sfigati che hanno spaccato il mondo": chi ha mai detto che le biografie sono noiose? Quando incontra il coraggio e il talento, la sfiga perde la sfida
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.