Rebecca la prima moglie
Rebecca la prima moglie
La Finestra sul comò

"Rebecca, la prima moglie": il romanzo che Hitchcock catturò sullo schermo

Un intreccio di intrighi e passioni che si susseguiranno fino alla sconvolgente rivelazione finale

"Sognai l'altra notte che ritornavo a Manderley…" È questo l'incipit di uno dei romanzi più celebri della scrittrice inglese Daphne du Maurier. Un romanzo che è riuscito a far innamorare il Maestro del Brivido Alfred Hitchcock, tanto da portarlo sul grande schermo nel 1940, con gli attori Joan Fontaine e Lawrence Olivier.

Il libro a cui faccio riferimento è, ovviamente, "Rebecca la prima moglie" e racconta la vita di una giovane governante che sposa, dopo soli pochi giorni dal primo incontro, Maxim de Winter un affascinante vedovo padrone di Manderley, la dimora inglese in cui si sviluppa la tortuosa vicenda. Quando la giovane sposa arriva a Manderley si rende conto, fin da subito, che l'intero castello continua a vivere nel ricordo di Rebecca, la defunta moglie del suo sposo. Una presenza che aleggia giorno dopo giorno, e ora dopo ora, sulla coppia appena nata. Il nome della prima signora de Winter è sulla bocca di tutti, domina la scena, tanto da inglobare la figura, e i sentimenti, della nuova moglie condannata a trascorrere i suoi giorni da novella sposa in completa solitudine. Dall'altra parte abbiamo lo sposo, Maxim, che lotta drammaticamente per mettere fine al suo passato e per accettare finalmente il suo futuro, un futuro che potrebbe perdere ancor prima di averlo davvero conquistato. Un intreccio di intrighi e passioni che si susseguiranno fino alla sconvolgente rivelazione finale che ovviamente non posso, e non devo, spoilerare!

Una chicca però posso anche concederla a chi mi sta leggendo: per tutta la durata del romanzo il lettore non verrà mai a sapere il nome della protagonista principale, ovvero il nome della nuova signora de Winter. Una scelta ben meditata dalla scrittrice che tende a sottolineare, ancora una volta, come il perno della vicenda sia solo e soltanto Rebecca. Rebecca che è la più bella, la più intelligente, la più amata. Rebecca che è ovunque: nella sala, seduta allo scrittoio, nella sua camera da letto e soprattutto nei ricordi della governante del castello. Rebecca sempre e solo Rebecca. Leggete Rebecca la prima moglie, da questo romanzo noir non potrete rimanere delusi.


Giusy Marzocca
  • Cinema
  • La finestra sul comò
  • Libri
Altri contenuti a tema
Consigli d'Autore, l'iniziativa di Vecchie Segherie Mastrototaro in diretta anche sul Viva Network Consigli d'Autore, l'iniziativa di Vecchie Segherie Mastrototaro in diretta anche sul Viva Network Il ricco programma culturale online fino al 21 dicembre in streaming su Facebook
"Opera senza Autore", intervista al giovane autore Luciano De Pascalis "Opera senza Autore", intervista al giovane autore Luciano De Pascalis Lo studente di origine andriese, ma salentino di adozione, si racconta
Saccheggiata la "libreria telefonica" in Piazza Castello Saccheggiata la "libreria telefonica" in Piazza Castello Sono spariti i 125 libri presenti negli scaffali
"Aiutaci a crescere. Regalaci un libro", raccolti oltre 1000 libri per scuole e ospedali della Bat "Aiutaci a crescere. Regalaci un libro", raccolti oltre 1000 libri per scuole e ospedali della Bat Donate ben 3 bibliotechine da Nino Marmo: «I libri sono il più straordinario strumento di diffusione culturale»
1 La Puglia saluta Mariolina De Fano, scomparsa a 79 anni La Puglia saluta Mariolina De Fano, scomparsa a 79 anni L'addio a un'attrice poliedrica, al cinema anche con Leonardo Pieraccioni
1 Barletta e il cinema all'aperto: quando lo spettacolo resiste Barletta e il cinema all'aperto: quando lo spettacolo resiste Le sale cinematografiche restano chiuse, ma per l'estate sono state realizzate due iniziative all'aria aperta
I Moderat tra i vinili: alla scoperta della trilogia metropolitana I Moderat tra i vinili: alla scoperta della trilogia metropolitana Tra le tracce degne di nota per Luigi c'è: "Let in the Light"
"In the end" dei Linkin Park: in un attimo di nuovo il 2000 "In the end" dei Linkin Park: in un attimo di nuovo il 2000 Un "cane nero" pian piano consuma la figura carismatica di Chester Bennington conducendolo all'incontro con una "vecchia amica"
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.