Sapori & Saperi

La “crostarda” di uva

Una frolla che fa faville

E siamo alla frutta, anzi al dessert. Con Semplicità, carattere e mani fredde la riuscita della pasta frolla è assicurata. Ricordate la mostarda di cui abbiamo esposto la bontà poche settimane fa? Bene, quella marmellata sulla frolla è davvero deliziosa. E' un dolce tipico barlettano, da preparare in autunno, allorquando la vendemmia ha dato il frutto più dolce della terra, l'uva. Questa ricetta per la pasta frolla ben si adatta a qualsiasi tipo di confettura e farcitura: ottima con ricotta e fichi, o con confettura di albicocche e mele caramellate, o ancora marmellata di arance e gocce di cioccolato.
Per la frolla:
  • 300 gr farina 00
  • 150 gr burro sciolto e raffreddato
  • 3 tuorli d'uovo
  • 100 gr zucchero a velo
  • Vanillina
Mettete in una ciotola la farina e la vanillina e setacciatele per bene, senza che vi siano grumi. Sbattete, in un'altra ciotola, i tuorli con lo zucchero a velo, finché non raggiungete la consistenza di una crema. Aggiungete il burro fuso, ma freddo. Infine, aggiungete la farina vanigliata, poco alla volta e impastate con le mani fredde. Una strategia per far uscire la frolla friabile è quella di bagnarsi le mani con due cubetti di ghiaccio e impastare finché la pasta non è morbida e setosa. Riponete la palla di pasta in frigorifero per circa un'ora, coperta da pellicola.
Per la farcitura
  • Un vasetto di Mostarda
  • 200 gr mandorle tostate
Tostate le mandorle in forno già caldo per 5 minuti, non di più. A vostro piacimento, potete scegliere se tritarle o lasciarle intere. Mescolatele in una ciotola con la mostarda. Passata l'ora di refrigeramento della frolla, lasciate da parte una pallina per le strisce e stendete la frolla rimanente con l'aiuto di un mattarello infarinato. Disponete il disco di frolla nel canonico tegame da forno, a forma circolare da 24 cm di diametro e farcitelo con il mix di mandorle e mostarda. Continuate con la decorazione, con le strisce alternate verticali e orizzontali e chiudete i bordi del disco, ripiegando la pasta sui bordi. Terminate con una spolverata di zucchero di canna e infornate a 180°C per mezz'ora. I vostri commensali, se amanti della cucina autentica nostrana, vi saranno grati.
  • Sapori pugliesi
  • Autunno
Altri contenuti a tema
A scuola con gusto. Expo arriva a Barletta con Giovanni Rana A scuola con gusto. Expo arriva a Barletta con Giovanni Rana "Buon appetito Mondo" educa i più piccoli alla sana alimentazione
Calzone di sponsali Calzone di sponsali Il sapore della Barletta salata
Torta al vino Torta al vino Dalla cantina al forno
“Antiche ricette”, eterno sapere: le voci di chi promuove la nostra terra “Antiche ricette”, eterno sapere: le voci di chi promuove la nostra terra «Il Bio è un brand, necessaria una carta dei vini di Puglia»
Mostarda: a Barletta tutto un altro sapore Mostarda: a Barletta tutto un altro sapore Una vendemmia in confettura
Zucchine alla poverella, un contorno che fa sempre centro Zucchine alla poverella, un contorno che fa sempre centro Semplicità e freschezza le parole d’ordine di questo piatto
Estate autunnale? Sapori&Saperi torna sulle tavole barlettane Estate autunnale? Sapori&Saperi torna sulle tavole barlettane Nuove puntate e nuove ricette per la rubrica di BarlettaViva
Riso, patate e cozze: il tegame che mette tutti d’accordo Riso, patate e cozze: il tegame che mette tutti d’accordo D’estate non si può non mangiare la famosa “tiella”
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.