Pop Corn

Calano le tenebre sul mondo di Hogwarts

Harry Potter si avvia al termine con "I Doni della Morte"

Nulla è più come prima nella terra della magia. Dopo la morte di Silente il potere del male avanza e Voldemort - il signore oscuro - conquista maggiore potere facendo forza sui suoi seguaci all'interno del Ministero. Hogwarts è lontana, il terrore regna ovunque e ovunque non esiste posto dove poter essere al sicuro. Dopo sette anni insieme, Harry, Ron ed Hermione abbandonano i loro amici, i loro conoscenti e le loro famiglie per intraprendere - completamente soli - la lotta contro il male. Il loro obiettivo sarà la ricerca degli Horcrux, misteriosi manufatti che racchiudono altrettanti frammenti dell'anima di Voldemort.



Giunti all'ultimo libro della saga firmata J.K. Rowling, Harry Potter e i Doni della Morte si sdoppia in due film, aumentando l'attesa dei fan e lasciando spazio ad una maggiore fedeltà descrittiva rispetto alle pagine del romanzo. Alla regia torna David Yates che, dopo i non troppo entusiasmanti esperimenti ne L'ordine della Fenice e Il Principe Mezzosangue, in quest'ultimo film affila le sua macchina da presa e conduce a giusta maturazione tutti gli aspetti della storia. Dimentichiamo l'ovattato mondo fiabesco di Hogwarts, dimentichiamo le frivole serate di gala con le prime cotte adolescenziali: nei "Doni della Morte" l'atmosfera si fa cupa, potremmo dire «autunnale» citando il critico cinematografico Adriano Ercolani. Non certo un prodotto per bambini come eravamo stati abituati. C'é morte, c'é sangue, c'é sofferenza in questo ultimo capitolo. Per il momento dimentichiamo anche i grandi saloni e le calde torri della scuola di Hogwarts: Harry e i suoi compagni vagheranno disperati, senza meta, senza alcuna protezione per la ricerca degli Horcrux, e li vedremo perdersi in freddi boschi solitari, mentre all'orizzonte la guerra incombe.



La scelta della produzione di spaccare in due la trama si rivela una strizzata d'occhio all'aspetto meramente commerciale, ma tecnicamente i tempi di questa prima parte risultano fortemente rallentati nelle parti centrali. Eppure non mancano momenti di intensa emozione, quasi del tutto legati al personaggio di Hermione, ancora una volta interpretata dalla sempre più matura Emma Watson (ancora piuttosto statici i due compagni di scena Daniel Radcliffe e Rupert Grint): la pellicola si apre con lo struggente addio della giovane strega alla sua famiglia, cancellandone memoria e ricordi, e più avanti sarà sempre lei a narrare la fantastica storia dei "tre fratelli", una fiaba che da sempre si racconta nel mondo della magia e che sarà alla base dello svolgimento della trama. Tuttavia davvero ristretto è lo spazio lasciato a tutti gli altri grandissimi attori del film: dalla breve new entry Bill Nighy (Rufus Scrimgeour) allo stravagante ma altrettanto marginale Rhys Ifans (Xenophilius Lovegood), dal fin troppo sottovalutato David Thewlis (il licantropo Remus Lupin) al tenebroso Alan Rickman (Severus Piton).

I Doni della Morte ha il suo potere in una tenebrosa atmosfera grigia di attesa, nella fantasia che mescola con grande equilibrio il mondo umano con quello della magia, nella crescita psicologica a cui sono definitivamente giunti i protagonisti. La paura della morte si unisce alle gelosie, ai fallimenti, alla materializzazione degli incubi più profondi e ricorrenti. Insomma, un ottimo prologo alla tanto attesa conclusione della saga che da anni sta monopolizzando l'orizzonte fantasy della cinematografia contemporanea.



La storia dei tre fratelli
Tratto dalle Fiabe di Beda il Bardo di J.K. Rowling
C'erano una volta tre fratelli che viaggiavano lungo una strada tortuosa e solitaria al calar del sole. Dopo qualche tempo, giunsero a un fiume troppo profondo per guadarlo e troppo pericoloso per attraversarlo a nuoto. Tuttavia erano versati nelle arti magiche, e così bastò loro agitare le bacchette per far comparire un ponte sopra le acque infide. Ne avevano percorso metà quando si trovarono il passo sbarrato da una figura incappucciata. E la Morte parlò a loro. Era arrabbiata perché tre nuove vittime l'avevano appena imbrogliata: di soliti i viaggiatori annegavano nel fiume. Ma la Morte era astuta. Finse di congratularsi con i tre fratelli per la loro magia e disse che ciascuno di loro meritava un premio per essere stato tanto abile da sfuggirle. Così il fratello maggiore, che era un uomo bellicoso, chiese una bacchetta più potente di qualunque altra al mondo: una bacchetta che facesse vincere al suo possessore ogni duello, una bacchetta degna di un mago che aveva battuto la Morte! Così la Morte si avvicinò ad un albero di sambuco sulla riva del fiume, prese un ramo e ne fece una bacchetta, che diede al fratello maggiore. Il secondo fratello, che era un uomo arrogante, decise che voleva umiliare ancora di più la Morte e chiese il potere di richiamare altri dalla morte. Così la Morte raccolse un sasso dalla riva del fiume e lo diede al secondo fratello, dicendogli che quel sasso aveva il potere di riportare in vita i morti. Infine la Morte chiese al terzo fratello, il minore, che cosa desiderava. Il fratello più giovane era il più umile e anche il più saggio dei tre, e non si fidava della Morte. Perciò chiese qualcosa che gli permettesse di andarsene senza essere seguito da lei. E la Morte, con estrema riluttanza, gli consegnò il proprio Mantello dell'Invisibilità. Poi la Morte si scansò e consentì ai tre fratelli di continuare il loro cammino, e così essi fecero, discutendo con meraviglia dell'avventura che avevano vissuto e ammirando i premi che la Morte aveva loro elargito.A tempo debito i fratelli si separarono e ognuno andò per la sua strada. Il primo fratello viaggiò per un'altra settimana o più, e quando ebbe raggiunto un lontano villaggio andò a cercare un altro mago con cui aveva da tempo una disputa. Armato della Bacchetta di Sambuco, non poté mancare di vincere il duello che seguì. Lasciò il nemico a terra, morto, ed entrò in una locanda, dove si vantò a gran voce della potente bacchetta che aveva sottratto alla Morte in persona e di come essa l'aveva reso invincibile. Quella stessa notte, un altro mago si avvicinò furtivo al giaciglio dove dormiva il primo fratello. Il ladro rubò la bacchetta e per buona misura tagliò la gola al fratello più anziano. E fu così che la Morte chiamò a sé il primo fratello. Nel frattempo, il secondo fratello era tornato a casa propria, dove viveva solo. Estrasse la pietra che aveva il potere di richiamare in vita i defunti e la girò tre volte nella mano. Con sua gioia e stupore, la figura della fanciulla che aveva sperato di sposare prima della prematura morte di lei gli apparve subito davanti. Ma era triste e fredda, separata da lui come da un velo. Anche se era tornata nel mondo dei mortali, non ne faceva veramente parte e soffriva. Alla fine il secondo fratello, reso folle dal suo disperato desiderio, si tolse la vita per potersi davvero riunire a lei. E fu così che la Morte chiamò a sé il secondo fratello. Ma sebbene la Morte avesse cercato il terzo fratello per molti anni, non riuscì mai a trovarlo. Fu solo quando ebbe raggiunto una veneranda età che il fratello più giovane si tolse infine il Mantello dell'Invisibilità e lo regalò a suo figlio. Dopodiché salutò la Morte come una vecchia amica e andò lieto con lei, da pari a pari, congedandosi da questa vita.
  • Cinema
Altri contenuti a tema
Il cinema per dialogare coi giovani, il progetto "Prova a prendermi" anche a Barletta Il cinema per dialogare coi giovani, il progetto "Prova a prendermi" anche a Barletta A novembre una serie di incontri: ecco il programma
Ultimo weekend D'autore D'Estate AFC a Spinazzola Ultimo weekend D'autore D'Estate AFC a Spinazzola Tanti gli ospiti: il grande Marco Spoletini per Dogman, Luigi Pane, regista de "L'Avenir"
Luca Bellino e Silvia Luzi presentano "Il Cratere" a Spinazzola Luca Bellino e Silvia Luzi presentano "Il Cratere" a Spinazzola “Il Cratere”, considerato tra le opere più belle passate alla Mostra del Cinema di Venezia 74
Donatella Altieri, produttrice tra le più attive del sud Italia ha preso a cuore il nostro territorio Donatella Altieri, produttrice tra le più attive del sud Italia ha preso a cuore il nostro territorio Appuntamento con lei al cinema di Spinazzola
Chiara Balestrazzi e la sceneggiatura al Cine –Teatro Buccomino di Spinazzola Chiara Balestrazzi e la sceneggiatura al Cine –Teatro Buccomino di Spinazzola La sceneggiatrice si racconta
Matteo Garrone a Spinazzola per incontrare il pubblico Matteo Garrone a Spinazzola per incontrare il pubblico Lunedì 10 settembre presso il Cine-Teatro Supercinema Buccomino
A Spinazzola si promuove il cinema d'autore con le associazioni dell'alta Murgia A Spinazzola si promuove il cinema d'autore con le associazioni dell'alta Murgia Incontro promosso dall'assessore De Marinis e dalla vice sindaca Silvestri
Via alla seconda parte della rassegna di Cinema D’Autore D’Estate AFC a Spinazzola Via alla seconda parte della rassegna di Cinema D’Autore D’Estate AFC a Spinazzola "The White Side of the Screen" dal 30 agosto
© 2001-2018 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.