Paolo Villaggio in
Paolo Villaggio in "Io speriamo che me la cavo"
Territorio

Paolo Villaggio e la Barletta-Spinazzola, "Io speriamo che me la cavo"

Le riprese del film della Wertmüller nei ricordi del casellante di Canne della Battaglia

"Io speriamo che me la cavo", titolo profetico per il destino della Barletta-Spinazzola, la linea ferroviaria divenuta per qualche settimana, nell'inverno 1991, il set cinematografico dell'omonimo film diretto da Lina Wertmüller, protagonista Paolo Villaggio in questo suo ultimo viaggio.

Quando poi uscì nella stagione 1992, la pellicola (definita subito ed ancora oggi da molti critici un capolavoro di autentica "poesia sociale" nella storia cinematografica italiana più recente, alla pari dell'omonimo libro di Marcello D'Orta) suscitò immediatamente un coro di consensi. Apprezzamenti per lei, Lina Wertmüller, la regista dagli occhiali bianchi già molto amata dal pubblico. Ma soprattutto per lui, l'attore protagonista che vestiva i panni del maestro settentrionale sbalzato nel Sud di un'Italia di provincia dal sapore molto, tutto pugliese: Paolo Villaggio.

Villaggio, reduce dagli esordi televisivi ed inventore del ragionier Fantozzi, seppe dare quel tocco - fra drammatico ed ironico - al personaggio. Interpretazione superba. Ma fu la Wertmüller a saper scegliere i luoghi, le suggestioni, il fascino di ambienti naturali dove raccontare la storia difficile di bambini difficili, alla fine vincitori di se stessi proprio grazie all'umanità di quel maestro che si allontana da Corzano in treno, salutato e commosso dallo slancio dei ragazzini…

Quella "Corzano" di fantasia - dove si parlava con accento napoletano - era in realtà proprio Spinazzola, la stazione capolinea (dal suo look inconfondibile) della linea ferroviaria che, risalendo da Barletta, stava purtroppo imboccando proprio in quegli anni un'altra galleria: il tunnel di un progressivo abbandono oggi purtroppo sempre all'ordine del giorno. Ma nel film la Barletta-Spinazzola ritrova (proprio grazie alla regia) il riscatto: esce da protagonista, valorizzata dalla Wertmuller in tagli di ripresa e sequenze degne di ben altro rilievo.

Se Corato è la città che fa da sfondo alle scene più urbanizzate di contesti all'epoca degradati ma oggi (dopo anni) risanati, è la campagna lungo l'Ofanto, le campagne attraversate dalla Barletta-Spinazzola che sanno accompagnare il maestro Paolo Villaggio nel suo ritorno a casa. E nelle riprese conclusive del film, epilogo di una storia emozionante ed attualissima, la Wertmüller inquadra i viottoli di campagna, la processione con la confraternita e la banda fra Canosa e Minervino, la cava abbandonata, la strada che imbocca la curva e si sfila all'ultima inquadratura dal viaggio parallelo ai binari…

«Vennero alla stazioncina di Canne della Battaglia – ricorda l'ex casellante di allora, l'andriese Mimì Lomuscio – tutti quelli della produzione e la invasero: bambini, attori e comparse si cambiarono d'abito nelle camere da letto della mia famiglia al piano superiore. Io offrì un caffè. E poi tutti salirono sul treno che venne da Barletta. Paolo Villaggio scambiò con me qualche battuta e proprio in extremis successe l'imprevisto: alla signora Wertmüller non piacque come aveva recitato una certa battuta di saluto quell'attore scelto, e proprio lei volle che fossi io a dirla davanti alla macchina da presa. Un ricordo incancellabile…»
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Cinema
  • Barletta-Spinazzola
  • film
Altri contenuti a tema
Il Tranifilmfestival fa tappa a Barletta: ospiti Nico Cirasola e Antonello De Leo Il Tranifilmfestival fa tappa a Barletta: ospiti Nico Cirasola e Antonello De Leo Due appuntamenti per la nuova sezione “Director’s CuLt”
“Camei Pugliesi: Barletta”, presentazione in Sala Rossa “Camei Pugliesi: Barletta”, presentazione in Sala Rossa Mercoledì prossimo l'evento per conoscere il progetto di promozione territoriale
Bud Spencer portò la Disfida sugli schermi: il 45° anniversario Bud Spencer portò la Disfida sugli schermi: il 45° anniversario Un bollo speciale per rendere omaggio all'attore
Il ricordo di Lina Wertmuller, regista che ha valorizzato Barletta - Spinazzola Il ricordo di Lina Wertmuller, regista che ha valorizzato Barletta - Spinazzola Uno dei nostri lettori ricorda la regista venuta a mancare il 9 dicembre 2021
Elodie a Barletta per girare il suo prossimo film Elodie a Barletta per girare il suo prossimo film Racconterà attraverso la sua performance la Quarta Mafia
Andrea Bettinetti, regista di "Marina Cicogna – La vita e tutto il resto”, ospite a Barletta Andrea Bettinetti, regista di "Marina Cicogna – La vita e tutto il resto”, ospite a Barletta Il documentario è stato presentato alla Festa del Cinema di Roma
Un docu-film sulla cultura del nord barese coinvolge anche Barletta Un docu-film sulla cultura del nord barese coinvolge anche Barletta La produzione è a cura dell'associazione "Filmax" di Corato
Riparte la circolazione dei treni sulla Barletta-Spinazzola Riparte la circolazione dei treni sulla Barletta-Spinazzola Ultimati i lavori nell'ultimo tratto tra Canosa e Minervino
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.