Francesco Lotoro
Francesco Lotoro
Eventi

Il maestro Lotoro e la rinascita della musica dei lager

Sarà presentato il libro dedicato al pianista barlettano

"Se tutti questi musicisti fossero sopravvissuti, la cultura umana e il mondo musicale del XX secolo si sarebbero sviluppati in modo diverso". Durante la Seconda Guerra Mondiale il compositore polacco Jozef Kropinski scriveva opere musicali a lume di candela nascondendosi ogni notte nella sala di sezionamento cadaveri del Lager di Buchenwald, sapeva di essere al sicuro poiché persino le SS preferivano tenersi alla larga da quel posto inquietante; Kropinski scrisse oltre 400 opere ma solo 111 di esse sopravvissero con lui e il suo violino durante la marcia della morte nel marzo 1945, molte opere le abbandonò nel Lager, altre le bruciò per riscaldarsi dal freddo. Il giovane ingegnere e musicista polacco Alexander Kulisiewicz, uomo dalla memoria eccezionale deportato a Sachsenhausen, quasi impazzì a causa dell'eccezionale sforzo di memorizzare le oltre 750 canzoni clandestine che i suoi compagni di prigionia affidarono al suo cervello, milioni di note e parole che non smetteva un attimo di mormorare come un mantra, per non dimenticarle.

Auschwitz, Dachau, Mauthausen Stutthof, Majdanek, Buchenwald, Treblinka, Janowska sino ai Campi aperti dai giapponesi in Manciuria e Thailandia, dai francesi in Algeria e Tunisia e dai britannici in Kenia, Sudafrica e persino sull'Himalaya: nessun Campo di concentramento civile o militare nei luoghi più sperduti del mondo in guerra è mai riuscito a soffocare la musica che scorre nel cervello e nel cuore dei musicisti. Nel libro Il Maestro dello scrittore francese Thomas Saintourens (Edizioni Piemme, 2014 - traduzione da Le Maestro - edito da Stock Paris, 2011) il protagonista di questa storia è il pianista barlettano Francesco Lotoro, definito dallo scrittore "eroe silenzioso che un giorno scoprì di avere una missione ossia trovare e riportare in vita la musica creata in tutti i Campi di concentramento dai musicisti deportati".
La copertina del libro
Due anni fa il giornalista israeliano Menachem Gantz scrisse sulla famosa testata giornalistica Yedioth Ahronoth: "Difficilmente si riesce a pensare a un progetto musicale più gigantesco. Si tratta di uno dei progetti più splendidi e commoventi che si possano immaginare nella Storia della musica. Il lavoro del pianista Lotoro fa rabbrividire, provoca dolore e suscita riflessione, tuttavia porta con sé anche un grande ottimismo". Da quasi 30 anni Lotoro gira il mondo, visita biblioteche, rovista ininterrottamente archivi, incontra sopravvissuti o loro figli e nipoti, sino a oggi ha meticolosamente raccolto migliaia di partiture scritte nei Campi di concentramento ma lui continua ostinatamente a cercare e suonare la musica dei deportati fino all'ultimo frammento recuperabile. "Se tutti questi musicisti fossero sopravvissuti, la cultura umana e il mondo musicale del XX secolo si sarebbero sviluppati in modo diverso", spiega Francesco Lotoro, oggi è difficile comprenderlo da uomini liberi ma quando si è vicini alla morte le forze umane raddoppiano e, nel momento più tragico della Storia, l'uomo ha trovato forza e lucidità per scrivere musica. Soprattutto per i musicisti ebrei deportati, essi realizzarono che non sarebbe rimasto nulla di loro tranne la loro musica, il loro testamento del cuore e dell'ingegno. Come scrisse il compositore Viktor Ullmann a Theresienstadt, non siamo rimasti seduti a piangere sulle sponde dei fiumi della Babilonia, non ci siamo chiusi nel lutto ma abbiamo cantato, suonato, scritto musica, consapevoli che il Reich sarebbe stato distrutto e il fascismo sarebbe crollato ma il popolo ebraico, nonostante la catastrofe della quale fu testimone e vittima, sarebbe sopravvissuto".

Thomas Saintourens racconta l'opera del pianista di Barletta in un libro molto scorrevole, scevro da leziosità e sentimentalismi; dal piccolo studio nel quale il maestro semplicemente annega in migliaia di opere e documenti e audio-videocassette da sbobinare alle giornate passate sul pianoforte a studiare e memorizzare centinaia di opere recuperate dall'oblìo del Lager, dalle nottate passate sul computer a stendere intere partiture in collegamento con l'inseparabile amico di ventura Paolo Candido agli innumerevoli aneddoti talora divertenti e talora drammatici (la valigia piena di partiture rubata all'aeroporto di Barcellona, la registrazione del quaderno musicale di Heilbut nell'afoso luglio 2009 a Foggia con 43 gradi, l'esaurimento dopo aver suonato e registrato la colossale VIII. Sinfonia per pianoforte di Schulhoff, il figlio del sopravvissuto che ritrova un pezzo scritto nel Lager da suo padre tra le carte del pianista).

Il libro Il Maestro sarà presentato giovedì 13 novembre alle ore 18,00 presso il Salone degli Affreschi dell'Università degli Studi di Bari; parteciperanno il Rettore dell'Università degli Studi di Bari Antonio Felice Uricchio, l'assessore regionale al Mediterraneo Silvia Godelli, il giornalista Costantino Foschini, modera Guido Regina (ordinario di Chirurgia vascolare presso l'Università degli Studi di Bari). L'attore e regista Gianluigi Belsito leggerà stralci del libro su accompagnamento chitarristico di Domenico Mezzina.

[Luciana Doronzo]
  • Presentazione libro
  • Francesco Lotoro
Altri contenuti a tema
Presentazione "TrumpAdvisor”, il carisma di Pinuccio colpisce i suoi lettori Presentazione "TrumpAdvisor”, il carisma di Pinuccio colpisce i suoi lettori Si tratta di un viaggio turistico tra le singolarità e contraddizioni del nostro territorio
"Io, Emanuela, agente della scorta di Paolo Borsellino", la presentazione del libro "Io, Emanuela, agente della scorta di Paolo Borsellino", la presentazione del libro La scrittrice Annalisa Strada parlerà del suo libro venerdì 1 Dicembre presso il "Future Center"
Viaggiare nel tempo è davvero possibile? Intervista allo scrittore Michele Dinicastro Viaggiare nel tempo è davvero possibile? Intervista allo scrittore Michele Dinicastro "Viaggio nel tempo. Un'ipotesi possibile": l'ultimo libro del ricercatore barlettano
1 “Non ci resta che correre”, un libro omaggio al grande Pietro Mennea “Non ci resta che correre”, un libro omaggio al grande Pietro Mennea L'autore Biagio D’Angelo presenta il suo romanzo questo pomeriggio presso la Libreria Punto Einaudi
Grande successo per la presentazione del libro di Tommy Dibari Grande successo per la presentazione del libro di Tommy Dibari «Racconto l’età della giovinezza, quella in cui fagocitavi i sogni, sempre proiettato verso l’avvenire»
1 "La musica rende liberi", Barletta su Rai 2 con le note salvate dai lager "La musica rende liberi", Barletta su Rai 2 con le note salvate dai lager Nel programma “Sorgente di vita” approfondimento sulla Cittadella della musica concentrazionaria
1 "Venticinque anni di lotte No Tav", Wu Ming 1 presenta il libro a Barletta "Venticinque anni di lotte No Tav", Wu Ming 1 presenta il libro a Barletta Un viaggio tra le emergenze ambientali, lontane ma vicine
Lo scrittore di Barletta Tommy Dibari ospite del Senato della Repubblica Lo scrittore di Barletta Tommy Dibari ospite del Senato della Repubblica La cerimonia in occasione della Settimana della Famiglia 2017
© 2001-2017 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.