Monsignor Seccia
Monsignor Seccia
Eventi

Dior a Lecce, con il placet del vescovo barlettano Michele Seccia

Evento online da sessanta milioni di follower: «La bellezza è un dono di Dio»

Elezioni Regionali 2020
La Puglia è diventata per un giorno palcoscenico mondiale della haute couture. La maison Dior ha scelto Lecce per la sua sfilata esclusivamente online da sessanta milioni di follower: un evento raccontato e ammirato in tutto il mondo, le cui immagini hanno fatto il giro di tv e social catalizzando una forte attenzione mediatica su Lecce e sulla Puglia intera, prescelta cornice di questo evento unico nel suo genere.

Connotata da una forte "pugliesità" grazie alla stilista Maria Grazia Chiuri, di origini leccesi, direttore creativo della maison francese, la sfilata della collezione Cruise 2021 è stata eccezionalmente ospitata in Piazza Duomo, non senza l'apprezzamento da parte dell'arcivescovo di Lecce, il barlettano monsignor Michele Seccia.

Sebbene la scelta della cornice "ecclesiastica" non sia stata apprezzata da tutti, monsignor Seccia invece non ha fatto mistero del suo orgoglio per questa occasione di visibilità per Lecce. Riportando una dichiarazione pubblicata sull'agenzia di stampa Sir, Seccia ha riferito pochi giorni prima dell'evento: «Sono certo che Dior utilizzerà tutti gli strumenti possibili per promuovere a livello internazionale questa splendida terra, le sue tradizioni e le sue potenzialità, sostenendone così il rilancio a vantaggio di tutti i lavoratori. Piazza Duomo – con l'antica cattedrale, l'episcopio e il palazzo dell'antico seminario – insieme con Santa Croce e con tutti gli altri splendidi monumenti barocchi, rappresenta il biglietto da visita della nostra città. La vetrina mondiale che, insieme ad altre iniziative collaterali Dior ci offrirà, rappresentano un prezioso contributo alla nostra rinascita».

In altre dichiarazioni a mezzo stampa l'arcivescovo ha anche ricordato l'abilità sartoriale della sorella di sua madre, creatrice di tantissimi abiti da sposa: motivo aggiuntivo di carattere personale che ha amplificato il placet del monsignore rispetto a questo evento.

Nel video promozionale di Dior, diretto da Edoardo Winspeare, in cui si mostrano i valori e gli elementi tipici della pugliesità che hanno caratterizzato poi l'allestimento della sfilata, è stato intervistato anche monsignor Seccia, che in una scena sintetizza il suo pensiero: «Proprio per il momento che stiamo attraversando c'è bisogno di cultura e di speranza per la gente, nella contemplazione del bello. La bellezza è un dono di Dio».
  • moda
Altri contenuti a tema
Jadea Academy, spazio al talento di giovani aspiranti fashion designer Jadea Academy, spazio al talento di giovani aspiranti fashion designer Intimo Artù, azienda di Andria, racconta il successo del marchio Jadea
Alessandra Dimiccoli, una promessa barlettana della moda italiana all'estero Alessandra Dimiccoli, una promessa barlettana della moda italiana all'estero Tenacia e talento sono le chiavi del successo, necessarie per far parte di una realtà dinamica e innovativa
2 "Pitti Immagine", a Firenze approda il fashion made in Barletta "Pitti Immagine", a Firenze approda il fashion made in Barletta Le collezioni curate dallo stilista Francesco Rasola saranno in vetrina per quattro giorni
1 Chiara Ferragni a “Che tempo che fa” : «Il successo? Basta essere se stessi e avere entusiasmo» Chiara Ferragni a “Che tempo che fa” : «Il successo? Basta essere se stessi e avere entusiasmo» La fashion blogger nel salotto di Fazio parla anche del nuovo brand made in Barletta
Barletta in mostra sulla "Bibbia della moda" americana Barletta in mostra sulla "Bibbia della moda" americana Si parla di Apulia Inv&Co., un progetto per rilanciare la moda pugliese
La Puglia vuole diventare capitale della moda La Puglia vuole diventare capitale della moda Da Barletta con WakeUp l'eccellenza del lusso accessibile
Moda e bellezza corrono sul web Moda e bellezza corrono sul web Due settori in forte crescita nella vendita online
No ai botti, dall’oriente a Barletta arrivano le lanterne di carta No ai botti, dall’oriente a Barletta arrivano le lanterne di carta L’ordinanza di divieto potrebbe creare poesia e suggestione
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.