donna
donna
Attualità

Donne e pantaloni: perché non è solo una questione di moda

I cambiamenti nel mondo del fashion che hanno portato i pantaloni a diventare un capo unisex

Da diversi anni a questa parte, il mondo fashion è cambiato drasticamente. I tempi della netta divisione tra generi sono tramontati. Oggi come oggi, l'approccio è sempre più genderless e non è più inusuale vedere una bambina vestire colori come l'azzurro, un ragazzino sfoggiare capi rosa o una donna scegliere, per un'occasione in cui è richiesto un certo livello di eleganza, un pantalone.

Al di là degli aspetti storici, i pantaloni sono ormai da tempo un capo unisex, sebbene ci siano delle caratteristiche proprie dei modelli femminili – inclusa la maggiore tendenza alla personalizzazione, a cui oggigiorno si può ricorrere in prima persona attraverso e-commerce come Fullgadgets.com – che li differenziano in modo netto da quelli maschili.

Prima di arrivare alla situazione attuale, di acqua sotto ai ponti ne è passata tanta e, per quanto riguarda il rapporto tra le donne e i pantaloni, si è svolta quella che, a ragione, può essere definita come una vera e propria battaglia per l'emancipazione.

Un po' di storia dei pantaloni

Per avere un quadro più chiaro del tema, è opportuno fare un piccolo excursus storico dedicato ai pantaloni.

Per trovare i loro antenati, è necessario fare un salto indietro nel tempo a oltre 2000 anni fa, quando i nomadi che popolavano la steppa euroasiatica inventarono dei gambali con lo scopo di proteggersi dalle temperature rigide della zona, senza sacrificare la comodità

Divennero popolari secoli e secoli anche tra gli antichi Romani, che ne riservarono l'utilizzo agli uomini. Piccola nota linguistica: il termine latino con il quale erano noti, feminalia, come si legge in questo articolo nulla aveva a che fare con le donne, ma richiamava il femore, in quanto il capo ricopriva la parte superiore della gamba, dove l'osso sopra menzionato si trova.

Il caso di Giovanna d'Arco

Quando si parla del rapporto tra donne e pantaloni e del desiderio di rivoluzionare la condizione femminile indossando questo capo, è necessario fare un lungo viaggio indietro nel tempo.

Forse non tutti sanno che Giovanna d'Arco fu una delle prime donne famose della storia a sovvertire le norme sociali indossando abiti maschili, quindi anche i pantaloni.

Anche in virtù di questa sua scelta, ai tempi impensabile, fu condannata a morte sul rogo.

Lo spartiacque nel XIX secolo

Il vero momento spartiacque nel rapporto tra genere femminile e pantaloni è però arrivato nel XIX secolo.

Ai tempi, molte donne iniziarono a indossare il capo oggetto di queste righe come forma di provocazione e di rivendicazione dei propri diritti

Anno dopo anno, l'abitudine appena citata si diffuse così tanto da portare alla nascita di una sorta di tolleranza verso l'utilizzo dei pantaloni, in quel periodo denominate braghe, da parte delle donne, ma solo in un caso, ossia quando svolgevano lavori manuali.

Un ulteriore passo in avanti si concretizzò a seguito dei due conflitti mondiali. Le due guerre, infatti, causarono un generale e massiccio impoverimento della popolazione, rendendo, di fatto, necessario per le donne mettersi in gioco lavorativamente per mantenere le famiglie. Nei casi in cui il lavoro richiedeva un impegno fisico ingente, non era possibile indossare gonne e venivano così scelti, per forza di cose, i pantaloni.

Arriviamo così agli anni '70, con il terremoto del movimento hippie che, tra le sue "divise", annoverava i jeans a zampa d'elefante e a vita bassa, tornati prepotentemente di moda circa 30 anni più tardi, ossia al principio del terzo millennio.

Questa tempesta culturale e di costume ha portato il pantalone a divenire ufficialmente un capo unisex in tutta Europa, contesto italiano compreso.

Non c'è che dire: la moda genderless è una rivoluzione, ma non bisogna dimenticare il suo poggiare sulle spalle di giganti che hanno dato una scossa radicale non solo al mondo fashion, ma alla società in generale.

PUBBLIREDAZIONALE
  • moda
Altri contenuti a tema
La barlettana Daria Modica Amore protagonista della campagna “Martini Dare To Be” La barlettana Daria Modica Amore protagonista della campagna “Martini Dare To Be” La campagna pubblicitaria sarà trasmessa per tutto il 2024 attraverso numerosi canali
Patrizia Calefato a Barletta per presentare il libro “La moda e il corpo” Patrizia Calefato a Barletta per presentare il libro “La moda e il corpo” Appuntamento oggi alle ore 19.00
CityModa presenta a Molfetta il "Denim Event" CityModa presenta a Molfetta il "Denim Event" Moda, musica e intrattenimento con i brand Lee e Wrangler
A Barletta si celebrano le donne del mondo con l’evento inclusivo  “La moda ha i colori dei chakra" A Barletta si celebrano le donne del mondo con l’evento inclusivo  “La moda ha i colori dei chakra" Una iniziativa per celebrare l'arte orafa e sartoriale made in Puglia organizzata dall'associazione Divine del Sud
"L'Âme des Couleurs" da Barletta alla Parigi Fashion Week 2024 "L'Âme des Couleurs" da Barletta alla Parigi Fashion Week 2024 Il marchio made in Italy di Maria Filannino: una storia che unisce eleganza e creatività
La strada diventa passerella: flash mob di "moda itinerante" a Barletta La strada diventa passerella: flash mob di "moda itinerante" a Barletta Presentati in modo originale i capi d’abbigliamento realizzati dall’Istituto Professionale “Archimede”
Il 12 maggio lo "Spring Party" nel nuovo store di CityModa a Molfetta Il 12 maggio lo "Spring Party" nel nuovo store di CityModa a Molfetta Nell'occasione sarà presentata la nuova collezione SS'23 firmata Markup
"Pensati libera", un barlettano dietro il "vestito manifesto" della Ferragni "Pensati libera", un barlettano dietro il "vestito manifesto" della Ferragni Fabio Maria Damato, originario di Barletta, è attualmente il general manager di Chiara Ferragni: ha curato i look sanremesi dell'influencer
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.