Legge
Legge
Cronaca

21 anni dopo, una vicenda giudiziaria infinita

Interviene la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo

A 21 anni dalla rapina per cui fu condannato assieme ad un complice ad 1 anno e 4 mesi di reclusione e a 400 euro di multa, non è ancora calata la parola definitiva sulla vicenda giudiziaria del barlettano Gaetano Cafagna, oggi 47 enne. Toccherà al Tribunale di Trani, quale giudice di esecuzione della pena, applicare il principio di diritto dettato dalla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) per cui non può pronunciarsi sentenza di condanna nei confronti di un imputato sulla base di dichiarazioni rese da una parte offesa-testimone poi resosi irreperibile e come tale sottrattosi a ribadire nel processo la versione resa con la denuncia.

Ad aprile 2005 Cafagna, difeso dall'avvocato Cioce, era stato condannato dal Tribunale di Trani insieme al suo complice Domenico Lacalamita, barlettano, oggi 50enne. A nulla valsero prima il ricorso in appello e poi quello in Cassazione; poi ricorso alla CEDU. La rapina ai danni di un barlettano fruttò quasi 150mila lire. La vittima che presentò denuncia ai Carabinieri ma che poi è risultato irreperibile, fu privato del suo portafogli contenente 142mila lire. Il rapinato conosceva Lacalamita. Questi, in compagnia di Cafagna, gli chiese 1.000 lire per poi sottrargli il portafogli una volta visto che conteneva diverse banconote. La vittima cercò di raggiungere i due rapinatori ma fu fermato da un pugno al volto sferratogli da Cafagna.
  • Procura della Repubblica
  • Giudizio
Altri contenuti a tema
2 Arresto Capristo, in manette anche tre imprenditori della provincia di Bari Arresto Capristo, in manette anche tre imprenditori della provincia di Bari L'accusa è di aver fatto pressioni su un magistrato
Arresti domiciliari per l'ex procuratore capo di Trani Capristo Arresti domiciliari per l'ex procuratore capo di Trani Capristo Le accuse sono di tentata corruzione, truffa e falso
Le immagini dell'assembramento di Barletta finiscono in Procura Le immagini dell'assembramento di Barletta finiscono in Procura I Carabinieri hanno acquisito dagli uffici comunali gli atti indispensabili per chiarire le responsabilità di quanto avvenuto il primo maggio scorso
Incendio Dalena Ecologia, la Procura di Trani dispone le operazioni peritali Incendio Dalena Ecologia, la Procura di Trani dispone le operazioni peritali Al momento il procedimento penale per incendio doloso resta contro ignoti
Fatture false, nel mirino della Procura anche persone di Barletta Fatture false, nel mirino della Procura anche persone di Barletta All'attenzione degli inquirenti sono finite numerose operazioni commerciali per diversi milioni di euro
Cattivi odori a Barletta, consegnato un esposto in Procura Cattivi odori a Barletta, consegnato un esposto in Procura Rinviato il consiglio comunale monotematico: fissata una nuova conferenza stampa
Inchiesta procura, Savasta passa ai domiciliari nella sua casa a Barletta Inchiesta procura, Savasta passa ai domiciliari nella sua casa a Barletta Il Gip accoglie la richiesta avanzata dai suoi legali
Nuove dichiarazioni di Savasta: il magistrato di Barletta collabora Nuove dichiarazioni di Savasta: il magistrato di Barletta collabora Nella vicenda che ha scosso la procura tranese emergono nuovi scenari
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.