Capristo
Capristo
Cronaca

Arresto Capristo, in manette anche tre imprenditori della provincia di Bari

L'accusa è di aver fatto pressioni su un magistrato

Elezioni Regionali 2020
Ci sono anche tre imprenditori operativi in provincia di Bari fra gli arrestati nell'ambito dell'inchiesta che ha portato in manette Carlo Maria Capristo, procuratore di Taranto ed ex procuratore capo di Trani. Si tratta di Mancazzo Giuseppe, Mancazzo Cosimo e Mancazzo Gaetano, arrestati insieme a un quinto uomo, Scivittaro Michele, ispettore della polizia di Stato in servizio presso la Questura di Taranto, distaccato presso gli uffici della Procura tarantina. Nei confronti dei cinque soggetti è stata applicata la misura cautelare della custodia agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni. Sono state svolte le perquisizioni locali e personali nelle abitazioni e nei luoghi di lavoro degli indagati, nonché di altri soggetti e di un altro indagato appartenente all'ordine giudiziario, nei cui confronti si procede per abuso di ufficio e favoreggiamento personale. Ad eseguire gli arresti per i reati ipotizzati contro la pubblica amministrazione, contro il patrimonio, contro la fede pubblica e contro l'amministrazione della giustizia, sono stati il nucleo di polizia economico–finanziario di Potenza, la sezione di polizia giudiziaria aliquota Guardia di Finanza di Potenza e la squadra mobile della Questura di Potenza, che avevano condotto le indagini delegate dalla Procura lucana.

Gli indagati sono stati ritenuti dal Gip di Potenza, che coordina le indagini e che ha emesso i mandati di arresto, gravemente indiziati del delitto di cui agli articoli 110, 56-319 quater CP. Dalle indagini è emerso un concorso e un accordo fra gli indagati: Capristo in qualità di procuratore della Repubblica di Taranto (e già di procuratore della Repubblica a Trani), Scivittaro quale Ispettore della polizia di Stato utilizzato da Capristo per la materiale esecuzione del reato, i Mancazzo quali imprenditori pugliesi, legati a Capristo, mandanti dell'azione delittuosa. I cinque avrebbero compiuto atti minatori per indurre un giovane sostituto procuratore della Repubblica in servizio nella Procura di Trani, a perseguire in sede penale, senza che ne ricorressero i presupposti di fatto e diritto, la persona che loro stessi avevano infondatamente denunciato per usura in loro danno. Così facendo, gli indagati avrebbero ottenuto indebiti vantaggi economici e i benefici di legge conseguenti allo status di soggetti vittima di usura. II reato, tuttavia, non è stato commesso per via della della ferma opposizione del giovane magistrato tranese, che i sospetti avrebbero voluto coinvgere per "aggiustare" il processo in loro favore.

Il giovane Pm, invece, ha denunciato i fatti, facendo risultare decisiva la sua collaborazione, permettendo alla Procura di Potenza di sviluppare le indagini sfociate nelle misure cautelari di oggi. La vicenda processuale a cui gli indagati si sarebbero interessati, peraltro, dopo la denuncia del giovane pubblico ministero era stata direttamente trattata dallo stesso Procuratore della Repubblica di Trani dell'epoca, che aveva chiesto di archiviare la notizia di reato. Di seguito, in ragione dell'infondatezza di tale richiesta, l'indagine venne avocata dalla Procura Generale di Bari, che la trasmise per competenza funzionale alla Procura potentina, la quale avviò un anno fa le indagini.

Capristo e Scivittaro, inoltre, sono stati ritenuti dal Gip, gravemente indiziati anche del delitto truffa in danno dello Stato e falso, in relazione a presunti casi di assenteismo di Scivattaro. Gli inquirenti ritengono che i due avrebbero falsificato ideologicamente la documentazione riflettente la presenza, per ragioni lavorative, presso la Procura di Taranto di Scivittaro, che era stato distaccato dalla Questura alla Procura di Taranto.

Dalle indagini emerge che Scivittaro, con l'avallo del procuratore Capristo, che controfirmava le sue presenze in servizio e i suoi straordinari mai prestati, anziché lavorare presso la Procura o nell'interesse della Procura, rimaneva a casa, o si occupava di adempiere a incombenze di tipo personale o sbrigava faccende d'interesse di Capristo.
  • Procura della Repubblica
Altri contenuti a tema
Arresti domiciliari per l'ex procuratore capo di Trani Capristo Arresti domiciliari per l'ex procuratore capo di Trani Capristo Le accuse sono di tentata corruzione, truffa e falso
Le immagini dell'assembramento di Barletta finiscono in Procura Le immagini dell'assembramento di Barletta finiscono in Procura I Carabinieri hanno acquisito dagli uffici comunali gli atti indispensabili per chiarire le responsabilità di quanto avvenuto il primo maggio scorso
Incendio Dalena Ecologia, la Procura di Trani dispone le operazioni peritali Incendio Dalena Ecologia, la Procura di Trani dispone le operazioni peritali Al momento il procedimento penale per incendio doloso resta contro ignoti
Fatture false, nel mirino della Procura anche persone di Barletta Fatture false, nel mirino della Procura anche persone di Barletta All'attenzione degli inquirenti sono finite numerose operazioni commerciali per diversi milioni di euro
Cattivi odori a Barletta, consegnato un esposto in Procura Cattivi odori a Barletta, consegnato un esposto in Procura Rinviato il consiglio comunale monotematico: fissata una nuova conferenza stampa
Inchiesta procura, Savasta passa ai domiciliari nella sua casa a Barletta Inchiesta procura, Savasta passa ai domiciliari nella sua casa a Barletta Il Gip accoglie la richiesta avanzata dai suoi legali
Nuove dichiarazioni di Savasta: il magistrato di Barletta collabora Nuove dichiarazioni di Savasta: il magistrato di Barletta collabora Nella vicenda che ha scosso la procura tranese emergono nuovi scenari
Eletto il nuovo Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Trani Eletto il nuovo Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Trani Nel consiglio gli avvocati barlettani Paola Nasca, Salvatore Monti e Carmine Solofrizzo
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.