Pop Corn

La vita di Adele, la castissima carnalità dell’amore

Un film che cede al rilassamento e all’abbandono, al coraggio della libertà

"La vie d'Adèle" del tunisino Abdellatif Kechiche, Palma d'oro al Festival di Cannes, inscena in un'atmosfera di realistica malinconia semi-adolescenziale, la carnalità spontanea dell'amore lesbico. In realtà la protagonista Adele, magnificamente interpretata dall'omonima quasi ventenne Adele Exarchopoulos, vive l'istantanea bellezza dei più semplici momenti della sua quotidianità di giovane studentessa liceale, inneggiando a divorare dell'esistenza ogni piccolo istante di splendore. Nella complessità della socialità scolastica, dei meccanismi di comprensione sia interiori che della convivenza, il racconto filmico trascina lo spettatore a poco a poco, coinvolgendolo in una castissima carnalità sin dalla prima inquadratura familiare, là dove ogni gesto dal pasto, allo studio, al dormiveglia, rivelano la curiosità dell'intangibile. L'indipendente ed erotico racconto di formazione e crescita, cede al rilassamento e l'abbandono, facendo cadere le maschere della "normalità". La violenza della concretezza, che straripa e divora, porta ad amare l'incoscienza dell'eccellente interpretazione.

Alla scoperta della verità, Adele viaggia su strade sempre in salita, ma interiormente assimilate e amate. La curiosità e la spregiudicatezza trascinano la giovane donna in un vortice già percorso, già odiato e falsificato. Pronta a scegliere e a capirsi, Adele, dopo aver intrapreso una storia etero, coraggiosamente decide di esplorare il suo essere, frequentando locali per gay e lesbiche, scoprirà che "Il blu è un colore caldo", è questo infatti il nome della graphic novel da cui è stato liberamente tratto il film. Ossessionata dalla ragazza dai capelli turchini, la sogna, la desidera e già inconsapevolmente, di lei ama l'essere, l'arte e la libertà. Sarà proprio questo a decidere l'incontro delle due amanti, Adele e Emma( Leà Seydoux)per le quali l'amore sarà il tenace e inestricabile legame di una vita, attraverso desideri, gelosie e passione. Adele, posa il suo malinconico sguardo sul mondo ruotante intorno a sé, vive di un trascendentale assorbimento della forza energetica dell'amore penetrandovi con la mente e con il corpo.

La resa dei silenzi, del calore e della corporalità degli incontri, in una smisurata e struggente prova, tuffano lo spettatore in un erotismo esasperato e mai offensivo(il film è infatti riservato ad un solo pubblico adulto), in scena l'amore trasgressivo e al tempo stesso delicato, destinato a concludersi per il tradimento della solitudine. Perché l'amore sfugge a qualsivoglia definizione, non è etero, né gay, ma splendente nel godimento della sua libertà.
Social Video1 minutoLa Vita di Adele - Trailer Ufficiale Italianoluckyredfilm
  • Giovani e adolescenti
Altri contenuti a tema
Giovani e politica, voce ai ragazzi di Barletta Giovani e politica, voce ai ragazzi di Barletta Impressioni e pensieri dopo le ultime elezioni politiche
“Barletta odia i giovani”, attivisti a confronto sulle problematiche giovanili “Barletta odia i giovani”, attivisti a confronto sulle problematiche giovanili Un appello alle istituzioni a tutelare la "voce del futuro"
Barletta Odia i Giovani: le nuove generazioni prendono parola Barletta Odia i Giovani: le nuove generazioni prendono parola Assemblea pubblica presso Parco dell'Umanità
Stelle cadenti in spiaggia, Barletta pronta per la notte di San Lorenzo Stelle cadenti in spiaggia, Barletta pronta per la notte di San Lorenzo Un anno fa la festa si trasformò in una notte di degrado
Premio America Giovani, riconoscimento per il giovane barlettano Ruggiero Frisardi Premio America Giovani, riconoscimento per il giovane barlettano Ruggiero Frisardi La premiazione ha coinvolto circa 300 talenti provenienti da tutto il territorio nazionale
Violenza e criminalità, cosa ne pensano i giovani barlettani? Violenza e criminalità, cosa ne pensano i giovani barlettani? «Viviamo una vita di timore, ansia e preoccupazione ed abbiamo paura anche ad uscire»
1 Allarme vandalismo a Barletta, interviene l'Ordine degli psicologi Allarme vandalismo a Barletta, interviene l'Ordine degli psicologi I residenti chiedono più sicurezza e controlli da parte delle forze dell'ordine
Scomparso da Barletta, si cerca un ragazzo di 24 anni Scomparso da Barletta, si cerca un ragazzo di 24 anni Si chiama Michele, l'appello diffuso da "Chi l'ha visto"
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.