Il Trovatore

Partitura 36

Daniele Petronelli dj: «Le discoteche italiane si stanno distruggendo»

Daniele Petronelli nasce come dj nel lontano 1996, nel 1997 entra a far parte di una piccola emittente radiofonica. Oggi vive ancora la radio, curando la direzione artistica di "Ritmo 80" e facendo da dj guest con il suo radioshow nelle più importanti emittenti del mondo. Le sue prime produzioni risalgono al 2005 con Angel D, ma i primi risultati importanti arrivano nel 2007/2008 con "Random & Random" e "Rumore Bianco" entrambe uscite sulla prima label che decide di credere in loro "Ruzzy Records". Incontro Daniele nello studio di registrazione della sua label NO LOGIK RECORDS.

Perché sei diventato dj?
«Fin da piccolo, ascoltavo i dischi di mio padre, è stato lui ad avermi trasmesso la passione per la musica: Queen, Depeche Mode, Dire Straits, Kraftwerk. In seguito, ho imparato le prime tecniche di mixaggio, interessandomi al lavoro dei dj di quel tempo. Seguivo la storia dei dj barlettani come Enzo Delvy e Paky Mele, che sono diventati i miei primi sostenitori, insieme ad altri colleghi e amici fraterni, come Cecco Corvasce e Pino Del Vento. Tutto è iniziato col mixaggio, la produzione musicale si è sviluppata grazie all'incontro con Angel D, col quale abbiamo collaborato ai primi dischi. Da li, tutto è cambiato».

Quali sono stati le tue prime esperienze lavorative nel campo musicale?
«Ho iniziato a Barletta, lavorando presso Idea Radio, proseguendo con Radio Barletta Stereo e Radio Selene. In seguito, ho proseguito con Radio Company e la gestione di Tam Tam Network. Ad oggi, sono direttore artistico di Ritmo 80».

Il primo disco che hai comprato?
«Fu un 45 giri dei Kraftwerk dal titolo "The Robots" (lato A) e "Space Lab" (lato B)».

Ricordi le sensazioni del tuo primo dj - set da vivo?
«Le sensazioni sono le stesse che provo ancora oggi, sia che si tratti di una serata in Italia, sia all'estero».

Dove si è svolto il tuo primo dj - set all'estero?
«Al Ministry Of Sound di Londra, nel 2009. Da quel giorno, ho cominciato a lavorare nelle discoteche e nei festival di tutto il mondo: Messico, Usa, Svizzera, Ibiza, Germania, Croazia, Olanda».

Qual'è lo stato di salute della dance commerciale italiana?
«Non buono! Basti pensare che negli anni '80 e '90, la dance commerciale italiana era imitata e richiesta all'estero. Oggi, molte label italiane prendono in licenza successi esteri. Invece, la musica techno e underground italiana va a gonfie vele all'estero. Molti dj techno e underground italiani sono richiesti all'estero».

Perché la dance commerciale non è più al centro dell'attenzione?
«Tra le cause, quella che più mi ha colpito è stata l'utilizzo di quei brani di musica italiana remixati, che si sono diffusi dalla metà degli 2000. E' stata la distruzione! In quel periodo, anche la dance mondiale ha attraversato un momento di crisi, che è stato superato. Oggi anche Madonna fa dance! L'Italia, purtroppo, è rimasta indietro tranne pochissimi casi».

Come definiresti la tua musica?
«La mia musica è underground, spazia dalla techno alla tech house, alla minimal. Ultimamente, ho iniziato un progetto deep house, con un dj producer e musicista, che si chiama Jerry WORP Pierro. Lui mi ha invogliato a creare dei pezzi di musica con la M maiuscola; per i nostri pezzi usciamo strumenti "VERI" come sax, chitarre, violini, e voci da paura! Il progetto si chiama XOXO ed è stato in top 10 mondiale con un pezzo, che a breve uscirà anche in Italia che si chiama "And I Love Him"».

In cosa consiste il tuo lavoro di produttore musicale?
«Il mio lavoro si divide in due parti: cercare idee e quindi sviluppare la creazione della produzione musicale, e cercare sempre nuovi talenti da inserire nelle mie labels. Al momento, ho quattro etichette discografiche, che pubblicano lavori di artisti famosi ed emergenti».

Il mestiere del dj è facile?
«Negli anni '80 e '90, oltre alla passione musicale, bisognava comprare la costosa attrezzatura e i dischi. Oggi, chiunque può essere dj con un pc e un software per mixare. In questo modo, si è creato il fenomeno del "dj p.r." (pubbliche relazioni), che io chiamo anche "dj falegname.. il dj che fa anche i tavoli": questi personaggi mitologici suonano in una discoteca solo se riescono ad assicurare un certo numero di clienti, indipendentemente dalla musica che propongono. Questo fenomeno, sta distruggendo le discoteche, che non sono più interessate alla qualità musicale, ma soltanto alla quantità di gente che si riesce a trascinare nel locale».

Perché tutti vogliono fare il dj?
«Qualcuno lo fa per passione (per fortuna), moltissimi per moda. Ma ho dei dubbi che nel 99% dei casi ci sia una cultura musicale seria alle spalle. Non voglio essere retorico, ma nelle discoteche italiane, troviamo come attrazione principale l'ospite del Grande Fratello, oppure 10 dj che si alternano dietro la consolle, e ognuno di questi dj porta 50 clienti. Per questo, ho deciso di suonare poco in Italia. All'estero, il dj è rispettato dai gestori e apprezzato dal pubblico per la musica che sa produrre / proporre. I miei dj set ormai sono composti quasi esclusivamente da mie tracce, molte inedite. In questo modo, Shazam non funziona!».

Ti senti apprezzato a Barletta?
«Sono sempre stato apprezzato dal pubblico della mia città, molto meno dagli addetti al settore, compresi gli organizzatori di eventi, e non chiedermi il perché. Amo Barletta, tutto è partito da qui, quando riesco a riproporre un mio set qui è sempre un emozione particolare».

Cosa ci sarà nel tuo futuro musicale?
«Quello che c'è oggi: la radio, i dj set, le produzioni, le mie etichette discografiche».
Daniele Petronelli dj - No Logik RecordsDaniele Petronelli dj - No Logik RecordsDaniele Petronelli dj - No Logik RecordsDaniele Petronelli dj - No Logik Records
Daniele Petronelli dj continua ad essere sempre presente nelle chart piu importanti del mondo (ultimamente addirittura in top 10 generale di Beatport) a remixare artisti di gran nome (TOCADISCO, FEDDE LE GRAND, LAIDBACK LUKE, DR. KUCHO, VANDALISM, STARKILLERS, SPENCER & HILL, ALEX KENJI, KOEN GROENEVELD e tanti altri), e a suonare nei club underground e nei festival di tutto il mondo come Pleyades Festival (Mexico), Wmc (Miami), Tekkno Town (Switzerland), Ministry Of Sound (London), Bubbles (Ibiza), Cocorico (Riccione), Puppen Fabrik (Berlin), Divinae Follie (Bari), Green Town Beats (Croatia).

E' uscito su etichette discografiche di gran livello come la UNIVERSAL, la 1605 di Umek, la TOOLROOM di Mark Knight la Abzolut (sublabel underground della famosissima SPINNIN Records) e tante altre. Tra le altre cose è impegnato a gestire la sua label NO-LOGIK Records, e il suo nuovo progetto Deep House "XOXO" con il suo attuale socio Jerry WORP Pierro.
  • Il Trovatore
  • Musica
  • Intervista
  • dance music
  • Daniele Petronelli dj
  • Deep house
  • Tommaso Francavilla
Il Trovatore

Il Trovatore

Musica e dintorni, l'armonia di Barletta

Indice rubrica
Partitura 40 26 dicembre 2015 Partitura 40
Partitura 39 4 agosto 2015 Partitura 39
Partitura 38 3 maggio 2015 Partitura 38
Partitura 37 4 novembre 2014 Partitura 37
Partitura 35 6 giugno 2014 Partitura 35
Partitura 34 1 marzo 2014 Partitura 34
Partitura 33 15 gennaio 2014 Partitura 33
Partitura 32 4 dicembre 2013 Partitura 32
Altri contenuti a tema
Ospite a Barletta la pianista Giuseppina Torre: «La musica è la mia isola felice» Ospite a Barletta la pianista Giuseppina Torre: «La musica è la mia isola felice» Incontrerà gli studenti il 25 e 26 novembre, in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne
"Aspirante nutrizionista" ma già influencer, l'esperienza della barlettana Floriana Bellino "Aspirante nutrizionista" ma già influencer, l'esperienza della barlettana Floriana Bellino Classe 1999, su Instagram sta spopolando con la sua pagina a tema educazione nutrizionale
Il dj barlettano Alessandro Crudele sarà presente all'Amsterdam Dance Event Il dj barlettano Alessandro Crudele sarà presente all'Amsterdam Dance Event «L'esibizione del 25enne barlettano è prevista il giorno 22 Ottobre in una location suggestiva, ideata da degli artisti iraniani»
18 Illuminazione in via Libertà, «stiamo affrontando il problema, è risolvibile» Illuminazione in via Libertà, «stiamo affrontando il problema, è risolvibile» Dopo la segnalazione su BarlettaViva, interviene il presidente della commissione Lavori Pubblici Flavio Basile
"The best of Tina Turner", a grande richiesta lo spettacolo con Luciana Negroponte e la Jazz Studio Orchestra "The best of Tina Turner", a grande richiesta lo spettacolo con Luciana Negroponte e la Jazz Studio Orchestra Appuntamento al prossimo 30 settembre a Trani
Sabato al DF Theatre sarà Deejay Time con Albertino, Fargetta, Molella e Prezioso Sabato al DF Theatre sarà Deejay Time con Albertino, Fargetta, Molella e Prezioso Grandi protagonisti dello show nel celebre locale biscegliese
L'orchestra va in scena per la festa del Santo legno della Croce L'orchestra va in scena per la festa del Santo legno della Croce L'intera cittadinanza è invitata a partecipare il giorno 14 settembre alla Santa messa alle ore 19.00 ed alla solenne processione alle ore 20.00
Laboratorio Urbano GOS: i quattro appuntamenti all’insegna della musica Laboratorio Urbano GOS: i quattro appuntamenti all’insegna della musica Ad aprire la rassegna “Band in Concerto” sabato  3 settembre
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.