Il Trovatore

Partitura 30

Scyt ù Seng, rime di sangue

Scyt ù Seng (Sputo sangue) è una crew formata da mc's barlettani, con lo scopo di "sputare sangue" senza mezzi termini, denunciando con l'arma delle rime gli abusi di potere, perbenismo, mancanza di sogni, realtà sociali scomode.

Formazione:
Siffa
Pe Cingk
La Marmotta

Alle domande hanno risposto Siffa e La Marmotta, in un pomeriggio troppo caldo, nei giardini del castello.

Perché avete scelto il nome Scyt ù Seng?
Siffa:«Il nome riassume la realtà senza mezzi termini. Scyt U' Seng è dialetto barlettano , ma la pronuncia ricorda la lingua americana. Prima di noi, non c'è stato nessuno a Barletta che avesse usato il rap per descrivere la cruda realtà, che è il nostro obiettivo»
Marmotta:«Sebbene il nome sia barlettano, noi cantiamo in italiano, per arrivare ad un pubblico vasto».

Perché avete scelto il rap per esprimervi?
Siffa:«Non ho scelto, era inevitabile, vivo l'hip hop da quando avevo 13 anni, quando mi esprimevo col braking e writing. In seguito, ho iniziato a cantare con altri coetanei, che hanno abbandonato tutto. Canto da dieci anni, ho dedicato tutto al rap. Voglio inviare un messaggio alla gente, che vive di superficialità. Il materialismo è nulla, se confrontato a ciò che la vita può riservare. Il rap permette di dire tutto, indipendentemente dalla gente».
Marmotta:«Sono appassionato di rap fin da piccolo. Per fortuna, ho incontrato Ciccio (Siffa) qualche mese fa e ho avuto modo di esprimermi».

Quali sono i problemi dei giovani barlettani e dell'hip hop?
Marmotta:«I problemi sono gli stessi dei ragazzi di Napoli, Roma, ecc. Nell'hip hop, si sono affacciati artisti che parlano di questioni superficiali, solo per far soldi. Non c' è un vero confronto tra questi artisti e i ragazzi».
Siffa:«I ragazzi hanno questo problema, che ho osservato anche nei miei amici: un giovane, arrivato a 20 anni, smette di avere hobby e passioni, sente il bisogno urgente di guadagnare denaro, cercare un lavoro. Lavorando, purtroppo, si abbandonano i sogni, per entrare in un sistema che non ci rappresenta. La gente è stressata, torna a casa e non comunica, il loro unico problema è il denaro».

Queste tematiche sono affrontate nelle vostre rime?
Siffa:«In molte canzoni non parlo di questo disagio, non ci sarebbero molte persone disposte ad ascoltare. Ma nel disco che sta per uscire, parlo di me e di ciò che la vita imprevedibile potrebbe riservare a chiunque, nonostante il denaro».

Chi scrive i testi delle canzoni?
Marmotta:«Ognuno di noi è autore delle canzoni che canta: se canto una strofa, l'ho scritta io, se canta Ciccio (Siffa), è lui ad averla scritta».

Quali temi affrontate nelle vostra canzoni?
Siffa:«Scrivo di temi di denuncia verso la più grande operazione di marketing del mondo: il Cristianesimo. Inoltre parlo degli abusi di potere da parte delle forze dell'ordine, del disagio, della mancanza di sogni, di persone che hanno fatto del lavoro la loro unica ragione di vita».
Marmotta:«Io critico la falsità della gente. E' inutile uscire in camicia, se dentro si vive in ciabatte.Il perbenismo non serve».

Quanto conta la dimensione "live"?
Siffa:«Abbiamo deciso di imporci sul territorio coi nostri live. I videoclip servono solamente per procurarci ingaggi, non ci interessano le pubbliche relazioni. I nostri concerti si prolungano con dj set e dance hall, sebbene i budget siano risicati. Durante i concerti, i nostri cavalli di battaglia sono: "Barletta" e "Wannà", dovreste vedere come reagisce il pubblico».

Siete stimati a Barletta, ci sono anche detrattori?
Marmotta:«I detrattori ci sono, sono la nostra forza. Se su venti persone, cinque mi contestano, io avrò qualcosa da scrivere nel mio nuovo pezzo».

Cosa vorreste dire ai vostri detrattori?
Siffa:«Mi dispiace per loro, più ci odiano, più sentiranno parlare di noi. Fortunatamente, tanta gente si rispecchia nei nostri pezzi. Ma se è un rapper a criticarmi in modo costruttivo, lo accetterò. In un mondo in cui non c'è più niente, resta la musica».

Più importante della musica è....?
Siffa:«La famiglia e le donne».
Marmotta:«Le donne».

Cosa ci sarà nel vostro futuro musicale?
Marmotta:«Continueremo in questo modo, con un mixtape scaricabile in free down-load»
Siffa:«Forse lo intitoleremo "Scyt ù Seng – Volume I". Abbiamo iniziato a registrare ad agosto 2012, uscirà a settembre. Inoltre, stiamo lavorando a un disco tutto nostro. Scrivo testi ogni giorno, ho tante canzoni da poter incidere due dischi. Spero che il nostro messaggio non sia frainteso».
  • Il Trovatore
  • Musica
  • Intervista
  • Tommaso Francavilla
Il Trovatore

Il Trovatore

Musica e dintorni, l'armonia di Barletta

Indice rubrica
Partitura 40 26 dicembre 2015 Partitura 40
Partitura 39 4 agosto 2015 Partitura 39
Partitura 38 3 maggio 2015 Partitura 38
Partitura 37 4 novembre 2014 Partitura 37
Partitura 36 28 agosto 2014 Partitura 36
Partitura 35 6 giugno 2014 Partitura 35
Partitura 34 1 marzo 2014 Partitura 34
Partitura 33 15 gennaio 2014 Partitura 33
Altri contenuti a tema
Il barlettano Vincenzo Daloiso vince il “Campionato Italiano di Pasticceria Seniores” - INTERVISTA Il barlettano Vincenzo Daloiso vince il “Campionato Italiano di Pasticceria Seniores” - INTERVISTA «Viaggerò molto alle ricerca di nuove esperienze e soprattutto nuove idee»
Cittadella della Musica Concentrazionaria: l'approvazione dalla Giunta Cittadella della Musica Concentrazionaria: l'approvazione dalla Giunta Il progetto si terrà presso l'ex distilleria di Barletta
Barletta-Amburgo e ritorno inseguendo il violoncello Barletta-Amburgo e ritorno inseguendo il violoncello L’esperienza del giovane violoncellista barlettano Gabriele Marzella alla celebre Elbphilarmonie di Amburgo
Il coro "Il Gabbiano" in concerto il 6 e 8 gennaio Il coro "Il Gabbiano" in concerto il 6 e 8 gennaio L'ingresso sarà gratuito e si terranno uno, presso la Chiesa del SS.mo Crocifisso e l'altro, presso la Chiesa di S. Agostino
A Natale e Capodanno emissioni sonore fino alle ore 3 A Natale e Capodanno emissioni sonore fino alle ore 3 Ordinanza del sindaco Cannito
Operazione Soret, raggiunto l'obiettivo: recuperata l'intera sinfonia "Rêve de France" Operazione Soret, raggiunto l'obiettivo: recuperata l'intera sinfonia "Rêve de France" Nei prossimi mesi si stenderà in partitura il materiale fonografico
Ospite a Barletta la pianista Giuseppina Torre: «La musica è la mia isola felice» Ospite a Barletta la pianista Giuseppina Torre: «La musica è la mia isola felice» Incontrerà gli studenti il 25 e 26 novembre, in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne
"Aspirante nutrizionista" ma già influencer, l'esperienza della barlettana Floriana Bellino "Aspirante nutrizionista" ma già influencer, l'esperienza della barlettana Floriana Bellino Classe 1999, su Instagram sta spopolando con la sua pagina a tema educazione nutrizionale
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.