Cantina della Sfida
Cantina della Sfida
Politica

Si salva il palazzo, ma trema la Giunta: amministrazione messa al bivio dalle opposizioni

Le opposizioni: «Se l'assessore ha informato la Giunta, il sindaco dovrebbe dimettersi. In caso contrario, il sindaco dovrebbe chiederne le dimissioni»

Elezioni Regionali 2020
L'imbarazzo politico e istituzionale causato all'amministrazione comunale di Barletta dalla delibera di Giunta con cui la stessa rinunciava all'esercizio del diritto di prelazione sull'acquisto dell'immobile sito al piano superiore della Cantina della Sfida e, in modo particolare, dal coinvolgimento dell'assessore Michele Lasala nella società interessata alla compravendita, non pone fine alla vicenda.

Dopo essere tornato sui suoi passi all'esito del Consiglio comunale di lunedì, nel quale l'assise si è espressa all'unanimità chiedendo la revoca della delibera di Giunta e la predisposizione di tutti gli atti necessari ed idonei all'acquisto dell'immobile con il relativo esercizio del diritto di prelazione, è parte dell'opposizione barlettana a mettere al bivio l'esecutivo cittadino.

«Resta il fatto – si legge sulla pagina Facebook della segreteria barlettana del PD – che la società interessata all'acquisto dell'immobile è amministrata da un assessore della Giunta Cannito. Le soluzioni quindi, sono due: se l'assessore ha informato la Giunta, il sindaco dovrebbe dimettersi. Se l'assessore non l'ha fatto, il sindaco dovrebbe chiederne le immediate dimissioni».

Lascerebbero protendere per la seconda opzione le dichiarazioni rese dal sindaco Cannito in Consiglio comunale: «A me non risulta – rispondeva il primo cittadino all'ordine del giorno presentato da 11 consiglieri di opposizione – Non ho problemi a dichiarare – ha aggiunto – che ne abbiamo avuto informazione solo oggi».

Un'alternativa, quella delineata dai consiglieri del Partito Democratico, anticipata un'ora prima anche dal consigliere Carmine Doronzo (Coalizione Civica) che, sui suoi profili social, ha aggiunto: «Terze opzioni sarebbero una presa in giro nei confronti di 100.000 abitanti che amano la propria città e quella Disfida che ci rende famosi nel mondo».

Non meno tagliente è stata la reazione dei consiglieri pentastellati. Il nuovo capogruppo, Antonio Coriolano, infatti, ha interpretato lo spirito unanime del Consiglio come una evidente manifestazione di sfiducia nei confronti dell'assessore Lasala da parte della stessa maggioranza.
  • Consiglio comunale
  • Carmine Doronzo
  • Movimento 5 stelle
  • PD
Altri contenuti a tema
2 Strisce pedonali colorate davanti alle scuole: la proposta Strisce pedonali colorate davanti alle scuole: la proposta I consiglieri comunali Marzocca e Damato: «Un importante segnale di ripartenza nonché di sicurezza, fiducia e speranza»
1 Il Comune di Barletta paga i debiti, anche se non sembrano i suoi Il Comune di Barletta paga i debiti, anche se non sembrano i suoi Dubbi sono sorti sulla condanna al pagamento da parte del Comune di un debito di 19 mila euro nei confronti di un ex dipendente dell’Asp Regina Margherita
1 Maggioranza in affanno, ma le opposizioni non fanno da palliativo Maggioranza in affanno, ma le opposizioni non fanno da palliativo I numeri che vengono a mancare sono avvisaglie che dureranno il tempo di un’estate
1 Le opposizioni: «Maggioranza inconcludente, rissosa e incapace» Le opposizioni: «Maggioranza inconcludente, rissosa e incapace» I consiglieri di opposizione all'indomani del Consiglio comunale: «Farebbero meglio a spiegare le ragioni dello sgarbo istituzionale»
7 «Maggioranza in ottima salute», ma l'affaire Lasala torna in aula «Maggioranza in ottima salute», ma l'affaire Lasala torna in aula Erano 26 i consiglieri comunali assenti nella seduta di ieri, rinviata ad oggi in seconda convocazione
1 Chiusura Polivalente di Barletta, un danno per gli studenti Chiusura Polivalente di Barletta, un danno per gli studenti Carmine Doronzo: «Ferita gigantesca per la nostra città»
Consiglio comunale, il 27 giugno l'assise torna in aula Consiglio comunale, il 27 giugno l'assise torna in aula Dopo la seduta nell'auditorium del Liceo Scientifico, i lavori del Consiglio torneranno a svolgersi nell'aula di via Zanardelli
2 Prosegue la querelle sul palazzo della Sfida: «Nessuna illegittimità» Prosegue la querelle sul palazzo della Sfida: «Nessuna illegittimità» La nota dei consiglieri comunali di maggioranza, Giuseppe Losappio, Giuseppe Dipaola, Pier Paolo Grimaldi, Michele Maffione e Salvatore Lionetti
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.