Blu di metilene
Blu di metilene
Cronaca

Morì per il nitrito di sodio al posto del sorbitolo, condannato il medico

Pronunciata la sentenza di primo grado per il caso della giovane Teresa Sunna

Il gastroenterologo barlettano Ruggiero Spinazzola è stato condannato ad 1 anno e 4 mesi di reclusione per la morte di Teresa Sunna, la 29enne tranese deceduta perchè in previsione di un esame per diagnosticare eventuali intolleranze alimentari le fu somministrato nitrito di sodio erroneamente etichettato come sorbitolo, innocua sostanza zuccherina necessaria per il test. La pena è sospesa.

La sentenza di primo grado è stata pronunciata dal Tribunale di Trani: giudice monocratico Lorenzo Gadaleta. Spinazzola è stato, invece, assolto dall'ulteriore imputazione di "somministrazione di medicinali guasti" mossa perchè nel suo ambulatorio, secondo il pubblico ministero Michele Ruggiero che coordinò le indagini dei Carabinieri del Nas, furono trovati medicinali scaduti confusi con quelli ancora somministrabili. Accusa, quest'ultima, da cui Spinazzola è stato assolto.

La tragedia avvenne per un errore nell'etichettatura della confezione, avvenuto ad opera della casa farmaceutica R&D Laboratories, nota come Mistral. Il dottor. Spinazzola aveva acquistato quella confezione sul sito "eBay" risparmiando pochi euro per la composizione zuccherina che sarebbe servita alla preparazione del brench test. Sunna morì ancor prima di giungere all'ospedale di Barletta, nel cui centro antiveleni si riuscirono, invece, a salvare le due colleghe di sventura grazie ad un antidoto del valore di pochi euro. Tra 90 giorni il deposito delle motivazioni e poi il ricorso in appello, preannunciato dall'avvocato Leonardo Iannone.

Avevano precedentemente patteggiato 2 anni di reclusione, col beneficio della sospensione della pena, il chimico ed un'altra dipendente della casa farmaceutica nord irlandese accusati della morte di Sunna e delle gravi lesioni riportate da Addolorata Piazzolla, 62 anni di Margherita di Savoia, e da Anna Abbrescia, 35 anni di Altamura. Tutte rimasero avvelenate dal nitrito di sodio scambiato per sorbitolo in occasione della preparazione ad un esame diagnostico su eventuali intolleranze alimentare per cui, il 24 marzo 2012, si erano recate nello studio del gastroenterologo Spinazzola. La Mistral risarcì i familiari di Sunna e le 2 donne scampate alla morte.
  • Medicina
  • Processo
Altri contenuti a tema
Esplosione in via Milano, anche il Comune di Barletta si è costituito parte civile Esplosione in via Milano, anche il Comune di Barletta si è costituito parte civile Oltre ai familiari anche il collega di Nicola Del Vecchio, il comandante dei vigili urbani e la proprietaria del salone distrutto
1 Processo “Offshore”, prescritta l'accusa per l'imprenditore edile di Barletta Processo “Offshore”, prescritta l'accusa per l'imprenditore edile di Barletta Assolti anche gli altri imputati: il processo si chiude senza condanne
3 Tragedia in via Roma, forse ci sarà una nuova perizia sulle cause del crollo Tragedia in via Roma, forse ci sarà una nuova perizia sulle cause del crollo A chiederla sono stati gli avvocati difensori dell'architetto Paparella
Buzzi Unicem, Cianci: «Partecipare attivamente al processo» Buzzi Unicem, Cianci: «Partecipare attivamente al processo» Udienza fissata per l'8 gennaio 2018
A Barletta il convegno Alba "Aspetti Medici e Psicologici nei trapianti d’organo" A Barletta il convegno Alba "Aspetti Medici e Psicologici nei trapianti d’organo" Domani il parere degli esperti in un incontro in sala consiliare
Salute e diagnostica a portata di “App” con Pennetti Lab Salute e diagnostica a portata di “App” con Pennetti Lab Un’applicazione per smartphone per avere accesso ai servizi in modo facile e veloce
Maria Antonietta Distasi, presentata una prestigiosa pubblicazione medica Maria Antonietta Distasi, presentata una prestigiosa pubblicazione medica La dottoressa barlettana al centro di un importante lavoro
Il prof. Francesco Inchingolo chiamato a relazione ad Atene Il prof. Francesco Inchingolo chiamato a relazione ad Atene Importante riconoscimento internazionale per il luminare barlettano
© 2001-2018 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.