Piazzapulita
Piazzapulita
La città

A Piazza Pulita le 5 stelle diventano più nere

Le pessime figure destinate sempre a Barletta: grazie Sindaco. Salviamo l'innocenza dela Sacra Memoria dei lutti!

Elezioni Regionali 2020
"Il briccone sa voltare le cose come se la vittima fosse stato proprio lui: ragazzo mio, sapessi com'è la vita" (Adorno, Minima moralia). Si potrebbe riassumere così l'ennesima pessima figura della città di Barletta. Ancora una volta su una rete televisiva nazionale, La 7. Ancora una volta sul tema del lavoro nero. La puntata di giovedì scorso di Piazza Pulita ha dedicato un lungo servizio a Barletta e alle condizioni di lavoro delle operaie del settore tessile. Il servizio si apriva con l'inaugurazione del consorzio 5 stelle di cui anche la nostra testata ha dato notizia nelle settimane passate. Ed è proprio il presidente del consorzio 5 stelle a creare in questo caso maggiore imbarazzo alla città.

Mentre il giornalista [Luca Rosini, nella sua inchiesta barlettana coadiuvato dalla redazione di Barlettalife ndr] con una telecamera nascosta e con la complicità di una ragazza si recava nei laboratori per carpire dettagli su paga, contratti e condizioni di lavoro, il "simbolo" della lotta al lavoro nero invia un sms per allertare i colleghi imprenditori. Colto in fallo, il furbetto nega, ritratta, e alla fine si lancia nel trito canovaccio sul costo del lavoro come causa del lavoro nero, del "tengo famiglia", del "portare il pane a casa". Non è il caso di crocifiggere la goffaggine di Di Palma. Piuttosto questo ennesimo triste episodio dimostra quanto a fondo sia penetrata una ideologia feroce, cinica, camuffata da luogo comune, da buon senso. Questa ideologia racconta che il lavoro nero è elemento ineliminabile dell'economia. Che è colpa del costo (sempre troppo alto) del lavoro regolare se gli imprenditori sono costretti a ricorrere a lavoratori irregolari. Ci racconta che l'imprenditore è un primus inter pares, è un operaio anche lui e non gli si debbono attribuire colpe e responsabilità. Questa ideologia lascia ai grandi marchi, anche a quelli barlettani, la possibilità di ragionare di grandi fatturati, di investimenti in pubblicità sulle reti televisive pubbliche e private. Lasciamoli lavorare.

A Roma o a Milano decideranno per quante decine di migliaia di euro vestire Belen o le veline di Striscia la notizia. Per la produzione invece ci sono solo due strade: la Cina o la China Town barlettana. Ma quando si solleva per un secondo lo sguardo fuori da questa ideologia, da questa narrazione trucida, la vita vera si presenta in tutta la sua forza dirompente. Il lavoro nero non è lavoro. Per ricominciare a parlare di lavoro, bisogna bonificare la palude, estirpare questa mala pianta. Mai più a un sindaco o un imprenditore deve essere permesso di sminuire la gravità dello sfruttamento, della mancanza di sicurezza e delle garanzie elementari in cui vivono tante nostre operaie. Si chieda ai grandi marchi di operare essi stessi un controllo sulla qualità del lavoro. Se il lavoro nero è considerato un ammortizzatore sociale, significa che una enorme questione sociale cova sotto le ceneri. Si mettano al lavoro: sindacati, imprenditori e amministratori locali. Si studi una exit strategy. Dalla tragedia 3 Ottobre è emerso un chiaro messaggio: senza regole, senza rispetto delle regole, tutto crolla e si semina morte. Sarebbe ora di prenderne atto.
  • Sindaco
  • Nicola Maffei
  • Grandi giornalisti
  • Trasmissione televisiva
  • Grandi inchieste
Altri contenuti a tema
3 Barletta e il "caso processione" al programma di Barbara D'Urso Barletta e il "caso processione" al programma di Barbara D'Urso Il servizio di "Live Non è la D'Urso" su Canale 5 continua a far discutere sugli assembramenti di fedeli
1 Una preghiera per i defunti di Barletta, il sindaco con la mascherina al cimitero Una preghiera per i defunti di Barletta, il sindaco con la mascherina al cimitero Il primo cittadino e il vescovo insieme per omaggiare i defunti
2 A lavoro per la Disfida di Barletta 2020, le parole del sindaco A lavoro per la Disfida di Barletta 2020, le parole del sindaco «Stiamo dialogando con le altre istituzioni, progettando partenariati e individuando risorse»
Rapina sventata alla gioielleria Bonadies, il plauso del Sindaco ai due vigili urbani Rapina sventata alla gioielleria Bonadies, il plauso del Sindaco ai due vigili urbani «Mi auguro che le indagini avviate portino presto a individuare i responsabili e ad assicurarli alla giustizia»
Ylmaz Orkan di UIKI Onlus in visita a Barletta Ylmaz Orkan di UIKI Onlus in visita a Barletta Nella stessa giornata Ylmaz Orkan sarà ricevuto dal sindaco di Barletta a palazzo di città
2 L'attrice di Barletta Licia Nunez sbarca al Grande Fratello VIP L'attrice di Barletta Licia Nunez sbarca al Grande Fratello VIP Da stasera Licia Nunez/Delcuratolo entra nella casa con altri 22 concorrenti famosi
Avvistate telecamere di "C’è posta per te", Barletta attende Maria de Filippi Avvistate telecamere di "C’è posta per te", Barletta attende Maria de Filippi Continua il successo della trasmissione di Canale 5, prossimamente una storia tutta barlettana
"Le Iene" incastrano pedofilo a Barletta: adescava i ragazzi su Instagram "Le Iene" incastrano pedofilo a Barletta: adescava i ragazzi su Instagram A segnalare le inopportune attenzioni del sessantenne, una coppia di genitori barlettani
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.