Ma... l'erba, prima puntata
Ma... l'erba, prima puntata
Ma... l'erba

X–Factor, quando la “X” diventa una incognita

Il fattore distintivo spesso viene spento... dal telecomando

Il talent è morto…lunga vita al talent. Eh si, proprio quando si pensava che anche X-Factor fosse inesorabilmente destinato al declino come "The Voice", è stata una sorpresa per tutti (forse anche per Sky) una finale da 2,7 milioni di spettatori. Il cast composto dalla consumata Mara Maionchi, dal campione di self-marketing Fedez, dall'alternativo Manuel Agnelli e dalla bravissima Levante, ha funzionato. E non si pensi che quest'ultima fosse figlia di qualche sovrastimata apparizione tv di qualsiasi tipo o di origini di "de filippiana" memoria: tre album all'attivo di grande qualità, numerose collaborazioni ed un po' di gavetta. "Non me ne frega niente" e "Pezzo di Me", l'hanno fatta diventare familiare anche agli ascoltatori delle radio.

E i concorrenti? Bravo il vincitore Lorenzo Licitra (e bello…che nei talent non guasta). Anche se il tifo era tutto per i Maneskin, quattro ragazzi romani sfacciatamente rock che hanno già reso note le 14 date del loro tour 2018 nei club di tutta Italia. Auguro a loro, così come a Licitra, e a tutti gli altri partecipanti, un futuro di successo! Soprattutto auguro che l'equazione ad una sola incognita (la X appunto) funzioni.

Pochi sopravvivono dopo le meravigliose scenografe ed effetti audio-video degni di una popstar internazionale: Giusy Ferreri dal primo X-Factor ed aiutata da Tiziano Ferro con "Non Ti Scordar Mai di Me"; Francesca Michielin, vincitrice della edizione numero 5, ancora alla ricerca di una vera identità musicale, Chiara Galiazzo, Lorenzo Fragola (è riuscito ad essere ai primi posti delle airplay la scorsa estate con Takagi e Ketra e L'Esercito del Selfie) e, ovviamente Marco Mengoni dal talento indiscusso. Di Giosada, Matteo Beccucci, Nathalie, Aram Quartet si sono perse oramai le tracce.

Per non parlare poi del talent Amici: dispersi tutti tranne Alessandra Amoroso, Emma Marrone, e un Valerio Scanu riciclato in altri ruoli tv. Ricky e Thomas stanno facendo la loro stagione. Si, perché la TV tutto crea e tutto distrugge. E se il successo (momentaneo) è dovuto alla visibilità, alla sovraesposizione, ai firmacopie, al ciuffo laccato e all'abbigliamento figo….beh, col tempo e con il gusto facilmente volubile del pubblico, rimane ben poco.

Solo la bravura (spesso solo potenziale) non serve al raggiungimento del successo, quanto, invece, l'impegno di autori e produttori di grande talento e qualità che possano far diventare il successo duraturo.

Glisso sull'umiltà (questa sconosciuta). Sì, perché il fattore distintivo "X", quel qualcosa di speciale che dovrebbe emergere dalle centinaia di migliaia di provini, dalle selezioni sul palco, dalle esibizioni nei programmi Tv, non dovrebbe spegnersi con il telecomando del televisore. E così la X diventa una… incognita!
  • Musica
Ma... l'erba

Ma... l'erba

Graffiante e arguto, il noto conduttore radiofonico sulle nostre pagine analizza attualità e costumi di oggi

Indice rubrica
Altri contenuti a tema
Jova Beach Party, «oggi, un anno fa, Barletta» Jova Beach Party, «oggi, un anno fa, Barletta» Con una foto dal cielo il ricordo dell'evento più grande dell'estate barlettana 2019
“Da Bach a Rach" il barlettano Frezza racconta i grandi con disincanto “Da Bach a Rach" il barlettano Frezza racconta i grandi con disincanto «Spero di poter presto presentare il mio nuovo progetto in pubblico, per ritrovare finalmente dal vivo i miei lettori»
Primo Maggio con Viva, doppio appuntamento in diretta Primo Maggio con Viva, doppio appuntamento in diretta La mattina musica e approfondimento con “Prima di Maggio - Viva il lavoro”, nel pomeriggio l’inedito show “Mai dire Primo Maggio”
I Moderat tra i vinili: alla scoperta della trilogia metropolitana I Moderat tra i vinili: alla scoperta della trilogia metropolitana Tra le tracce degne di nota per Luigi c'è: "Let in the Light"
"In the end" dei Linkin Park: in un attimo di nuovo il 2000 "In the end" dei Linkin Park: in un attimo di nuovo il 2000 Un "cane nero" pian piano consuma la figura carismatica di Chester Bennington conducendolo all'incontro con una "vecchia amica"
5 aprile 1994: muore Kurt Cobain dei Nirvana 5 aprile 1994: muore Kurt Cobain dei Nirvana Il gruppo diede voce al disagio e all'apatia di un'intera generazione: la generazione X
“La Moldava” di Bedrich Smetana: Come sulle montagne russe “La Moldava” di Bedrich Smetana: Come sulle montagne russe La melodia si fa danzante e immagino sempre delle dame impegnate in un ballo con i loro compagni in una maestosa corte
"La Finestra sul comò": le vostre recensioni condivise su BarlettaViva "La Finestra sul comò": le vostre recensioni condivise su BarlettaViva Un modo per scegliere la prossima stagione Netflix da guardare o il prossimo libro da ordinare
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.