La televisione fa le Bolle!
La televisione fa le Bolle!
Ma... l'erba

La televisione fa le Bolle!

Edizione straordinaria del vulcanico Malerba, arriva la cultura su Rai 1

No…non è possibile…la cultura in tv fa ascolti! 4.860.000 telespettatori hanno assistito a "Danza con me", lo show di Roberto Bolle con cui Rai 1 ha aperto la prima serata del 2018, e addirittura 5.600.000 per "Meraviglie d'Italia" di Alberto Angela.

Numeri eccezionali, da brivido, che hanno sconvolto direttori di rete, dirigenti, produttori e registi, manco fosse il terzo mistero di Fatima. Chi guarda il piccolo schermo apprezza e ama la cultura! Per chi è cresciuto come me negli '70 restano indimenticabili le produzioni della tv nazionale (in regime di monopolio) che produceva programmi e serie televisive di altissima qualità con grandissimi registi ed interpreti. L'Eneide, per esempio, per la regia di Franco Rossi; oppure L'Orlando Furioso portato in tv da Luca Ronconi e ancora I Promessi Sposi (1967) per la regia di Sandro Bolchi. Se si tiene conto del profilo culturale medio basso degli italiani dell'epoca, ci si chiede come mai queste produzioni così impegnative avessero tanto seguito. L'Auditel non esisteva e vi assicuro che nessuno si annoiava. Anche perché non esistevano alternative. Esisteva un solo canale, quello della Rai (a cui se ne aggiunse, poi, un secondo). Si fermava l'Italia per i quiz di Mike Buongiorno che facevano insieme cultura e spettacolo. Poi è arrivata la tv commerciale, e Mediaset ha portato sui nostri schermi la tv di consumo propriamente americana. Facile, veloce, con pochi contenuti culturali e tanta pubblicità.

La Rai, purtroppo, ha cominciato a rincorrere il format delle tv private commerciali, confrontandosi con gli ascolti della neonata Auditel. Situazione ancor più complessa con l'arrivo del digitale terrestre, con centinaia e centinaia di canali da riempire di contenuti e programmi, spessissimo a scapito della qualità. Ma la cosa più preoccupante, è che si è fatta largo in questi ultimi decenni, la convinzione che il telespettatore abbia solo voglia di vedere "cazzate". Programmini facili con qualche lacrimuccia, una carrambata, una busta che non si apre, orde di ragazzini in cerca di visibilità e facile successo, pseudo-vip abbandonati su isole deserte o grandi fratelli e zuffe in diretta. Un livellamento verso il basso. Un pastone sciapo e oramai scontato. Di certo scrivere programmi di questo genere è di gran lunga molto, ma mooooolto più facile e sbrigativo.

Invece la cultura, se ben confezionata, fa spettacolo e ascolti! Strepitoso lo show di Roberto Bolle che associa alla danza, personaggi come Tiziano Ferro e Sting, ed una performance da brivido con Virginia Raffaele. E Alberto Angela? L'Italia è essa stessa meravigliosa: basta fermarsi a guardarla (è il paese che detiene il record di maggior numero di patrimoni dell'umanità dell'UNESCO nel mondo, con 53 beni nella lista nel 2017). Allora? E' vero quello che tutti i direttori delle reti televisive hanno sempre pensato degli italiani? E' vero che il pubblico vuole solo spazzatura e piagnistei, finti tradimenti e talent? Pare proprio di NO. E se la tv, almeno quella di Stato, tornasse ad essere un faro culturale? Se fosse da stimolo per l'arte in tutte le sue forme, lo sport, la prosa, la lirica e il teatro? Beh, sicuramente anche gli italiani sarebbero un popolo migliore.
  • cultura
Ma... l'erba

Ma... l'erba

Graffiante e arguto, il noto conduttore radiofonico sulle nostre pagine analizza attualità e costumi di oggi

Indice rubrica
Altri contenuti a tema
Turismo e cultura in crisi: dalla Regione 50 milioni a fondo perduto Turismo e cultura in crisi: dalla Regione 50 milioni a fondo perduto Dei 50 milioni stanziati, 40  sono al comparto  del Turismo e 10 a quello  della Cultura
Sky Arte alla scoperta delle bellezze di Barletta Sky Arte alla scoperta delle bellezze di Barletta Quanto girato andrà in onda nel programma televisivo “Sei in un Paese Meraviglioso”
Eventi estivi a Barletta, il Comune propone di utilizzare i fondi della Disfida Eventi estivi a Barletta, il Comune propone di utilizzare i fondi della Disfida Il settore Cultura del Comune di Barletta sta lavorando ad un bando rivolto agli operatori del settore
1 Settore cultura dimenticato, «la programmazione deve coinvolgere imprese, associazioni e lavoratori» Settore cultura dimenticato, «la programmazione deve coinvolgere imprese, associazioni e lavoratori» Il commento di Rosa Cascella, segretaria cittadina del Partito Democratico
Canne della Battaglia, un video sullo storico scontro sui canali del Mibact Canne della Battaglia, un video sullo storico scontro sui canali del Mibact La cultura non si ferma. Così il Ministero ha reso fruibili online le bellezze italiane
Cultura e spettacolo, dalla Regione Puglia 17 milioni di euro per il settore Cultura e spettacolo, dalla Regione Puglia 17 milioni di euro per il settore Il Piano per sostenere imprese e operatori è stato approvato oggi dalla Giunta regionale
Inchiesta: Coronavirus, gli eventi muoiono ma la cultura deve vivere – Parte 2 Inchiesta: Coronavirus, gli eventi muoiono ma la cultura deve vivere – Parte 2 In attesa di una nuova estate, rimaniamo vicini grazie a internet
Inchiesta: Coronavirus, gli eventi muoiono ma la cultura deve vivere – Parte 1 Inchiesta: Coronavirus, gli eventi muoiono ma la cultura deve vivere – Parte 1 L’allarme di un intero settore scuote l’economia, quali soluzioni si potrebbero adottare?
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.