Maurizio Campo
Maurizio Campo
Ma... l'erba

Sanremo... prima di Sanremo

Intervista a Maurizio Campo direttamente dall'orchestra del Festival di Sanremo 2018

È partito il conto alla rovescia. La musica e la città di Sanremo saranno per una settimana e oltre, il tema più discusso in radio, tv, giornali, facebook, e web. Ma com'è, invece, Sanremo prima di Sanremo? Com'è il Festival prima del Festival?
Personalmente ho respirato l'aria della città dei fiori nel 1997, nell'edizione condotta da Mike Bongiorno, Piero Chiambretti e Valeria Marini (vinta dai Jalisse). Poi nel 2016 con Carlo Conti, Gabriel Garko e Virginia Raffaele, Festival in cui da inviato per il TG Norba e Radionorba ho raccontato il frenetico alternarsi di big, giovani proposte, star, starlette e tanta ma davvero tanta gente che mai ci si immaginerebbe di trovare proprio lì, e che fa da corollario al Festival di Sanremo. Sì, perché lo spettacolo non è solo dentro il Teatro Ariston, ma anche fuori!
Insomma, c'è quello che si vede nella diretta tv in prima serata e quello che non si vede nelle altre 21 ore!
A raccontarci l'attesa di questa edizione 2018, prima che la scenografia ultra computerizzata e ultra luminosa di Emanuela Trixie Zitkowsky invada i nostri led tv, è Maurizio Campo.

Maurizio è nato a Molfetta nel 1967, è docente al Conservatorio di Parma ed ha due grandi amori: Molfetta e il Moog (di cui è endorser). Ha collaborato come musicista con Patty Pravo, Gianni Morandi, Raf, e tra i tantissimi altri anche con lo stesso Claudio Baglioni. È di casa anche al Festival dal 2007 facendo parte dell'orchestra ed avendola anche diretta nel 2011.

Maurizio, ma com'è Sanremo…prima di Sanremo?
Quella del Festiva è una produzione che ha un mese di preparazione. Quest'anno le prove sono iniziate il 2 gennaio a Roma negli studi di Cinecittà, e dal 18 gennaio sono proseguite a Sanremo nel teatro Ariston. Ore ed ore giornaliere di prove, decine di brani da leggere e suonare. Un meccanismo molto complesso che coinvolge decine di persone contemporaneamente tra musicisti, squadre audio/video, autori, macchinisti, sartoria etc.

Quali sono le maggiori difficoltà che hai incontrato?
Suono al Festival come tastierista dal 2007. La principale difficoltà, è quella di mantenere costante la concentrazione e l'efficienza. Suonare in diretta è solo la punta dell'iceberg, ma dietro c'è un lavoro di ricerca sui suoni, di rifinitura, lettura di parti, interpretazione musicale, gestione del set di strumenti. Inoltre è necessaria una grande resistenza: tante ore al giorno di musica e luci possono provocare stress che bisogna essere in grado di gestirlo.

Hai già ascoltato le canzoni in gara? Cosa ne pensi?
Ci sono, come sempre, quelle cinque o sei canzoni che si staccano dalla media.

Quale artista accompagneresti sul palco in qualità di direttore d'orchestra?
Ho già avuto l'occasione di dirigere l'orchestra al festival ed è successo nel 2011 con uno dei giovani in gara, Marco Menichini. Comunque se dovessi scegliere oggi - per la serie "Sogni impossibili" – direi Lucio Battisti.

Secondo te Sanremo 2018 lo vincerà…
L'anno scorso si diceva che avrebbe vinto la Mannoia, quest'anno pare che i favoriti siano il duo Meta-Moro. Se dopo alcuni anni, tornasse a vincere il festival una donna non sarebbe male, perciò dico Nina Zilli!
  • Festival di Sanremo
Ma... l'erba

Ma... l'erba

Graffiante e arguto, il noto conduttore radiofonico sulle nostre pagine analizza attualità e costumi di oggi

Indice rubrica
Altri contenuti a tema
Sanremo 2019, c'è anche Barletta in vetrina Sanremo 2019, c'è anche Barletta in vetrina Due ospiti barlettani, Francesco e Nicola Barbaro, e un approfondimento sulla nostra città
Casa Sanremo apre le porte di Barletta ai talenti Casa Sanremo apre le porte di Barletta ai talenti Gli iscritti alle preselezioni si esibiranno davanti alla giuria di qualità
5 Casa Sanremo: al Festival le pizze sono "made in Barletta" Casa Sanremo: al Festival le pizze sono "made in Barletta" Francesco Barbaro è l’unico pugliese chiamato da Casa Sanremo per preparare le sue pizze
Sanremo secondo Baglioni Sanremo secondo Baglioni Le pillole di Ma... l'erba
1 Sanremo 2018: dietro le quinte dell’Ariston Angelo Calò, hair stylist barlettano Sanremo 2018: dietro le quinte dell’Ariston Angelo Calò, hair stylist barlettano Intervista all’hair stylist Angelo Calò: «porterò la mia terra nella città dei fiori»
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.