Dehors
Dehors
Associazioni

Protocolli di sicurezza per i locali, sale la preoccupazione a Barletta

I referenti dell'Ape Barletta chiedono la pedonalizzazione del centro storico e chiarezza sui dehors

Elezioni Regionali 2020
Locali aperti ma a quale costo? Come potranno tutte le attività di Barletta, anche le più piccole, adeguarsi alle disposizioni previste per il contenimento del Covid-19 distanziando tavoli e sedute in spazi angusti? I referenti dell'Ape Barletta (Associazione pubblici esercizi) diffondono questa nota in cui esprimono grande preoccupazione e propongono delle soluzioni chiedendo di nuovo ascolto dall'amministrazione comunale, dopo la simbolica consegna delle chiavi dei locali avvenuta nei giorni scorsi.

«Dev'essere per forza un brutto sogno e presto ci sveglieremo - scrivono Antonio Quarto, presidente Ape Barletta, Tito Derossi, vicepresidente Ape Barletta, Vincenzo Matteucci e Stella Grimaldi - Non può essere altrimenti leggendo le prime bozze dei protocolli di sicurezza stilate dall'Inail e dell'Istituto superiore della sanità che circolano in queste ore.

Dopo oltre due mesi di confusione e false promesse da parte del Governo dal punto di vista economico adesso si chiede che il compito di contenere il contagio spetti solo alle categorie della ristorazione e del settore balneare mentre dall'altro lato in attività come ad esempio i supermercati il compito di mantenere la distanza di sicurezza è affidato al buon senso della gente.

Tutti i locali che hanno una saletta di ridotte dimensioni non avranno la possibilità di lavorare, se non con un numero di clienti che sicuramente non potrà giustificare le spese per tenere in piedi l'attività. La percentuale di chi non sarà in grado di restare a galla sarà altissima, e in zone come i centri storici dove i locali sono per la maggior parte piccoli sarà un massacro di proporzioni enormi.

L'Amministrazione comunale di Barletta ci ha accolti con grande disponibilità e propensione al dialogo in occasione della consegna simbolica delle chiavi delle nostre attività. Noi chiediamo di dare seguito a tutte le proposte presentate che riguardano l'esenzione della Tosap, della Tari e dei diritti di istruttoria.

Ma di vitale importanza in queste condizioni diventa la questione che riguarda i Dehors. Chiediamo all'Amministrazione di mettere in atto in tempi brevi il piano di pedonalizzazione del centro storico al fine di concedere maggiori spazi. Al di fuori del centro storico diventa in questa fase necessario dare la possibilità, laddove possibile, di occupare il manto stradale come avviene in svariate città a noi vicine e in tutta Italia. Riteniamo che questa sia l'unico modo per dare la possibilità a centinaia di attività di restare a galla e difendere, almeno in parte, i posti di lavoro dei dipendenti che in caso contrario sarà impossibile mantenere con ricadute in termini economici incalcolabili.

Chiediamo la solidarietà di tutti i cittadini in questo momento in cui difendere in egual modo i diritti costituzionali alla salute e al lavoro è l'unico modo per uscire da questo incubo.

Da parte nostra, abbiamo tutto l'interesse nell'adottare tutti i dispositivi di sicurezza per garantire la salute dei clienti, dei dipendenti, la nostra e quella delle nostre famiglie».
  • Attività commerciale
Altri contenuti a tema
2 Pedonalizzazione, dehors e tosap: Barletta si adegua per favorire il commercio Pedonalizzazione, dehors e tosap: Barletta si adegua per favorire il commercio La giunta sospende le tasse per l'occupazione di suolo pubblico fino al 31 ottobre
1 Ristoratori in crisi, le proposte di AssoFir per salvare la categoria Ristoratori in crisi, le proposte di AssoFir per salvare la categoria Lucia D'errico: «Tutto il settore è stato dimenticato dal Governo»
Fase 2, ipotesi chiusura dei negozi entro le 21 in tutta la Bat Fase 2, ipotesi chiusura dei negozi entro le 21 in tutta la Bat Ristoranti, paninoteche, bar e pizzerie resteranno aperti fino a mezzanotte con eccezioni venerdì e sabato (all'una)
Bar, ristoranti, parrucchieri: possibile apertura il 18 maggio Bar, ristoranti, parrucchieri: possibile apertura il 18 maggio Le attività potrebbero riaprire in Puglia appena saranno pronte le disposizioni per la sicurezza dei clienti
1 Affitti e negozi chiusi, quale futuro per lo shopping a Barletta? Affitti e negozi chiusi, quale futuro per lo shopping a Barletta? L'associazione "Strade dello shopping" scrive al sindaco Cannito
1 Vendesi, fittasi, cedesi: il pianto delle attività di Barletta Vendesi, fittasi, cedesi: il pianto delle attività di Barletta L'attualità delle partite IVA: "evasori fiscali" o comodo capro espiatorio?
Novità a Barletta per il distretto urbano del commercio Novità a Barletta per il distretto urbano del commercio Approvato lo schema di revisione e aggiornamento del documento strategico
«La Festa di Sant'Antonio è salva» «La Festa di Sant'Antonio è salva» Favorevole l'incontro tra le associazioni di categoria e l'amministrazione comunale
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.