Sardine - La Puglia non si Lega
Sardine - La Puglia non si Lega
Politica

Le Sardine scrivono al Ministro Provenzano: «La rassegnazione è il male più grande del Sud»

«Per troppo tempo il Sud non è stato considerato priorità nell’agenda di Governo»

«Caro Ministro Provenzano, accogliamo la sua disponibilità a ragionare sulle problematiche del Sud. Le sardine del Sud si scontrano ogni giorno con problematiche basilari, sui diritti fondamentali previsti dalla Costituzione, che per quanto bella per noi rimane spesso solo una lista di principi inattuati». A scrivere, rivolgendosi al Ministro per il Sud e la Coesione territoriale, Giuseppe Provenzano, sono le Sardine pugliesi di Lecce, Taranto, Bari, Foggia, Brindisi e della provincia Bat.

«Perché, caro Ministro - proseguono le Sardine nella lettera - qui a Sud il lavoro non c'è e si fanno sempre meno figli, praticamente un Sud svuotato, che in quindici anni è come se avesse perso una città delle dimensioni di Napoli. Qui curarsi è un lusso per pochi mentre sono sempre più gli anziani, le donne, gli uomini e i bambini che si ammalano, e chi lavora troppo spesso lo fa ancora senza la garanzia di giusta sicurezza sul posto di lavoro. Il sud si fa quotidianamente carico di un'emigrazione di massa in uscita, della mala gestione della politica industriale del Paese, dell'Ilva, della Xylella, delle mafie, della disoccupazione, della mancanza di infrastrutture, della mancanza di investimenti, della mala sanità, degli squilibri di trattamento tra il sud e il nord, della la rassegnazione di intere generazioni».

«Ecco, la rassegnazione è il male più grande del Sud. Rivedere le nostre comunità in piazza, di nuovo, a partire proprio da Taranto, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, accende una speranza ma anche una grande responsabilità che ci portiamo dentro, quindi questa è una richiesta importante: siamo stufi delle campane elettorali permanenti, delle speculazioni sul malessere delle persone, delle promesse inattuabili, della demagogia elevata a verità».

«Crediamo che il testo sull'autonomia delle Regioni sulla legge quadro che il ministro Boccia sta sviluppando sia un tema delicatissimo, per il quale chiediamo attenzione e rispetto delle zone più svantaggiate del paese, non possiamo permetterci ulteriori disattenzioni su questo punto. Non basta un governo più determinato nella lotta alle diseguaglianze occorre pensare un nuovo modello di società, occorre un progetto, un'idea di Italia che risponda ai bisogni reali, del Nord e del Sud, che sono diversi e a volte antitetici, un'Italia di tutti».

«Per troppo tempo il Sud non è stato considerato priorità nell'agenda di Governo per troppo tempo non abbiamo avvertito l'attenzione dell'Europa sul mediterraneo, sulle potenzialità insite nella posizione in se strategica di Calabria, Sicilia, Puglia, Campania. Un danno tanto denunciato dai meridionali quanto tranquillamente ripetuto. E cioè che i fondi europei mai si sono aggiunti alla spesa pubblica nazionale ma l'hanno sostituita contrariamente a ogni impegno. "Nel 2016 - ci dice l'Eurispes solo pochi giorni fa - lo Stato italiano ha speso 15.062 euro pro capite al Centro-Nord e 12.040 euro pro capite al Meridione. In altre parole ciascun cittadino meridionale ha ricevuto in media 3.022 euro in meno rispetto a un suo connazionale residente al Centro-Nord. E nel 2017 si rileva un'ulteriore diminuzione della spesa pubblica al Mezzogiorno"».

«Praticamente i programmi di sviluppo regionali (e anche quelli nazionali) che si avvalgono del Fondo sociale europeo (Fse) e del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) per il ciclo 2014-2020 hanno potuto disporre di una dotazione di ben 35,5 miliardi di euro totali, stanziati per il 60% dal budget europeo e per il resto dal cofinanziamento nazionale. Alla fine del 2019 le regioni italiane hanno speso in totale 7,4 miliardi e le regioni "in ritardo di sviluppo", come la Puglia, la Calabria, la Campania e la Sicilia, registrando una spesa che è mediamente minore di quella media nazionale (18% contro 23%) ma se consideriamo gli impegni di spesa, le stesse regioni raggiungono in media il 72% dell'intera programmazione, che è un dato più alto del 3% rispetto alla media nazionale».

«Insomma caro Ministro, la politica in questi anni, nonostante al Governo ci fossero anche Ministri del Sud e per il Sud, di fatto ha continuato a creare due Italie, a impoverire il Sud e arricchire il Nord. Ma noi del sud non vogliamo competere Ministro Provenzano, noi vogliamo essere noi in un'Italia che è stata concepita dai nostri padri costituenti per essere casa di tutti. Le sardine, allora, hanno questa funzione, quella di farsi garanti di una Costituzione che c'è e che tutti sono tenuti a rispettare fino all'ultima parola».
  • Sardine
Altri contenuti a tema
Sardine in Piazza Caduti, la replica degli organizzatori Sardine in Piazza Caduti, la replica degli organizzatori «La nostra dichiarazione di non meno di 400 partecipanti risulta attendibile»
2 “La Bat non si Lega” e la piazza non si riempie: le Sardine a Barletta “La Bat non si Lega” e la piazza non si riempie: le Sardine a Barletta «Vogliamo risvegliare una coscienza civile, perché divisi non si va da nessuna parte»
Sardine a Barletta, domani l'evento: «Contro l'odio e la violenza» Sardine a Barletta, domani l'evento: «Contro l'odio e la violenza» Le sardine della provincia Bat si riuniranno in piazza Caduti a partire dalle 18:00
1 Sardine a Barletta, Mennea: “Ossigeno per la vita democratica del Paese” Sardine a Barletta, Mennea: “Ossigeno per la vita democratica del Paese” Il consigliere regionale del PD, Ruggiero Mennea, annuncia in una nota la sua presenza in piazza
Sardine Puglia, lettera aperta: «Nel 2020 saremo mare aperto» Sardine Puglia, lettera aperta: «Nel 2020 saremo mare aperto» «La fretta di ingabbiarci in questo o quel partito è sintomo del male che avversiamo»
L’algoritmo delle sardine: hackerate le pagine social pugliesi L’algoritmo delle sardine: hackerate le pagine social pugliesi Emanuele Quarta: «È evidente che dietro questa azione di boicottaggio ci siano persone legate a gruppi xenofobi e di estrema destra»
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.