La
La "Legio Secunda Consularis" fa tappa a Canne della Battaglia
Turismo

La "Legio Secunda Consularis" fa tappa a Canne della Battaglia

Presentato un progetto di ricostruzione storica sui luoghi di Annibale

Conferenza stampa di presentazione della "Legio Secunda Consularis" a Canne della Battaglia per l'avvìo sul campo del progetto di studio e ricostruzione storica nei luoghi del capolavoro strategico e militare di Annibale durante la Seconda Guerra Punica (2 agosto 216 avanti Cristo).

L'evento si è svolto ad una settimana dalla firma del protocollo che ha sancito l'intesa fra Comitato Italiano Pro Canne della Battaglia ed Associazione culturale "Mos Maiorum" (Roma) nel Comando provinciale della Guardia di Finanza a Barletta dopo la conferenza multimediale tenutasi sabato 14 maggio per i finanzieri dell'ANFI sezione Medaglia d'oro Giovanni Denaro ed il personale in servizio, alla presenza del gen. Vincenzo Papuli (comandante provinciale) e del col. Maurizio Favia (comandante di gruppo). L'assessore al marketing territoriale del comune di Barletta, Giuseppe Gammarota, ha rivolto ai partecipanti il saluto del sindaco Cascella, sottolineando l'interesse dell'amministrazione per la valorizzazione dell'intero sito archeologico con una serie di iniziative che vi possono trovare adeguato spazio e sostegno grazie all'impegno del volontariato a vario titolo impegnato, come le guide turistiche professionali e loro sigle associative nelle attività connesse alle Vie Francigene per gli ultimi sabato di maggio, giugno e luglio (Camminando verso Canne della Battaglia).

Nell'incontro stampa il giornalista Nino Vinella, attuale presidente del Comitato Italiano Pro Canne della Battaglia, ha preannunciato modalità e contenuti dell'accordo siglato, con l'obiettivo a medio e lungo periodo per il varo di un centro formativo nello studio e nella rievocazione storica avete sede a Barletta e competenza sull'intero Centro Sud tuttora sprovvisto di una simile struttura operante nell'archeologia sperimentale attiva sul territorio. Alessandro Ascoli (nome di battaglia "Dentatus"), presidente dell'Associazione culturale "Mos Maiorum", ha presentato le quattro figure dei milites sulle quali era organizzata la legione tipo dell'esercito romano di epoca repubblicana: velita, hastatus, princeps, triario. Ciascuno con il proprio equipaggiamento militare, ovvero le panoplie complete nei minimi dettagli ed altro materiale rigorosamente e filologicamente riprodotto, indossato con stile militare dai rievocatori, sullo sfondo della Cittadella di Canne della Battaglia e delle vicine terme romane di San Mercurio, a pochi metri dal presidio del Comitato Italiano Pro Canne della Battaglia nella suggestiva stazioncina sulla ferrovia Barletta-Spinazzola.

Il protocollo d'intesa stipulato fra Comitato italiano pro Canne della Battaglia – Barletta e Associazione culturale "Mos Maiorum" – Roma parte dalla constatazione che nei Territori di riferimento viene socialmente perseguita ogni occasione tesa a incentivare la sinergia e la conoscenza, nonché a qualificare il settore storico-socio-culturale-educativo quale mezzo di crescita civile, sociale ed economica. L'attuazione delle priorità e degli obiettivi configurati dalla ricerca di nuove modalità per interventi socio-formativi atti a conciliare le diverse posizioni culturali con i Territori di riferimento dove esiste un alto tasso di opportunità socio-culturali aperte all'Associazionismo di Volontariato. I Soggetti sottoscrittori s'impegnano a svolgere attività di formazione culturale in accordo con le Istituzioni ed i Soggetti terzi interessati a collaborare nella fase di implementazione, sviluppo e realizzazione del Progetto di Rievocazione Storica della Battaglia di Canne e della Vittoria di Annibale sull'esercito Romano, per assicurare alle Comunità esistenti nei Territori di riferimento una proposta permanente e sostenibile di carattere storico, educativo, culturale e professionale tramite il Gruppo di Lavoro per l'accompagnamento al progetto e la partecipazione allo stesso, nell'ambito del quale di comune accordo vengano approvate le proposte su iniziative, organizzazione e realizzazione della didattica d'aula ed in esterni, supporto tecnico – didattico – organizzativo, partecipazione alle attività necessarie di selezione e di promozione, partecipazione ad attività di selezione e di promozione in Italia ed all'estero.
  • Canne della battaglia
  • Comitato Italiano Pro Canne della Battaglia
  • Storia
Altri contenuti a tema
“Non ci resta che piangere”: pestilenze medievali a Barletta nella storia “Non ci resta che piangere”: pestilenze medievali a Barletta nella storia Continua il viaggio di memoria e di memorie fra libri e documenti
2 40 anni dal terremoto in Irpinia: il ricordo dei barlettani 40 anni dal terremoto in Irpinia: il ricordo dei barlettani Dopo la paura, la grande solidarietà di Barletta verso i suoi fratelli terremotati
A Barletta emergenza Covid: "San Marco" in prima linea A Barletta emergenza Covid: "San Marco" in prima linea C'è un legame forte e antico fra Barletta ed il San Marco
Epidemie a Barletta nella storia Epidemie a Barletta nella storia Viaggio di memoria e di memorie fra libri e documenti 
1 Ripulita la zona della fontana di San Ruggero grazie a un benefattore Ripulita la zona della fontana di San Ruggero grazie a un benefattore Un agricoltore e suo figlio hanno spontaneamente operato la pulizia dell'area
Canne della Battaglia, ottimi risultati per i "Progetti utili alla collettività" Canne della Battaglia, ottimi risultati per i "Progetti utili alla collettività" Coinvolti i beneficiari del Reddito di Cittadinanza
Stanziamento di 750mila euro a Canne della Battaglia, basteranno? Stanziamento di 750mila euro a Canne della Battaglia, basteranno? Una riflessione del perito agrario Giuseppe Dargenio
1 In arrivo un finanziamento per Canne della Battaglia, Mennea: «La politica che costruisce» In arrivo un finanziamento per Canne della Battaglia, Mennea: «La politica che costruisce» Il finanziamento sarà destinato ad un intervento di restauro delle strutture archeologiche e alla realizzazione di percorsi di fruizione
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.