Milite Ignoto
Milite Ignoto
Associazioni

«Il Milite Ignoto merita la cittadinanza barlettana»

Anmig e Ancr lanciano la proposta al Comune di Barletta

Nel 1918, dopo la conclusione del primo conflitto mondiale, durante il quale avevano perso la vita circa 650.000 militari italiani, il Parlamento approvò la legge 11 agosto 1921, n.1075, "per la sepoltura in Roma, sull'Altare della Patria, della salma di un soldato ignoto caduto in guerra". La Commissione appositamente costituita per la individuazione dei resti mortali di quello che sarebbe diventato il "Milite Ignoto", compì ogni possibile sforzo affinché non fosse possibile individuare la provenienza "territoriale". L'unico requisito fu quello della sua italianità.

Questo elemento, unito alla casualità della scelta finale della bara, tra undici identiche, effettuata nella Basilica di Aquileia, da parte di Maria Bergamas, madre di un militare caduto in combattimento, i cui resti non furono mai recuperati, consentì a tutti gli italiani di identificare una persona cara in quel militare sconosciuto. Tra gli undici Figli della Patria, compariva anche un soldato con le insegne del 137° Reggimento "Brigata Barletta".

Ciò avvenne, infatti, fin dal passaggio del treno speciale che lo trasportò da Aquileia a Roma e poi, il 4 novembre 1921, nel momento della sua solenne tumulazione presso il sacello dell'Altare della Patria, al Vittoriano. Durante la fase finale di quello storico viaggio, i decorati di Medaglia d'Oro al valor militare, che già avevano ricevuto il privilegio di svolgere la stessa funzione nel tragitto dalla Basilica alla stazione ferroviaria di Aquileia, eseguirono nuovamente, a Roma, la scorta d'onore al feretro, trasportato su un affusto di cannone, dalla Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri alla base del Vittoriano e ne effettuarono il trasporto, a spalla, sulla scalea, sino alla sua deposizione nel sacello, ove il Caduto - anch'Egli, nel frattempo, decorato di MO al VM - viene tuttora custodito.

Oggi è giunto il momento in cui, in ogni luogo d'Italia, si possa orgogliosamente riconoscere la "paternità" di quel Caduto.

Sulla base di questo, l'Associazione Anmig (Associazione Nazionale fra Mutilati e Invalidi di Guerra ) sezione Barletta e l'Associazione Ancr (Associazione Nazionale Combattenti e Reduci) sezione Barletta rappresentata dal Presidente Graziano Ruggiero, si rivolge al Comune di Barletta, affinché valuti la possibilità di promuovere, nel corso del 2021 (nell'imminenza del Centenario in oggetto), il conferimento della cittadinanza onoraria al "Milite Ignoto".

Sarebbe significativo se, come già posto in essere da numerosi Comuni, si procedesse anche ad ulteriori intitolazioni al "Milite Ignoto - Medaglia d'Oro al Valor Militare" di piazze, vie o altri luoghi pubblici. Tutto ciò, naturalmente, nel pieno rispetto delle norme amministrative in vigore e dell'autonomia degli Enti municipali.
  • ANMIG Barletta
Altri contenuti a tema
Le informazioni durante la guerra, convegno di ANCR e ANMIG Barletta Le informazioni durante la guerra, convegno di ANCR e ANMIG Barletta Sarà presentato il libro "Servizi di Informazione e Sicurezza"
In ricordo dell'eroe barlettano Giuseppe Carli In ricordo dell'eroe barlettano Giuseppe Carli Una commemorazione a cura delle associazioni Anmig e Ancr
Ricordando le vittime delle foibe, mostra delle associazioni Anmig e Ancr Barleta Ricordando le vittime delle foibe, mostra delle associazioni Anmig e Ancr Barleta L'arte per commemorare il Giorno del Ricordo
"Brigata Barletta", la storia si racconta alla sala rossa del castello "Brigata Barletta", la storia si racconta alla sala rossa del castello Ospiti la prof.ssa Bianca Tragni e il generale di brigata Gaetano Carli
1 Centenario prima guerra mondiale, a Barletta la consegna dei Diplomi alla Memoria dei Caduti Centenario prima guerra mondiale, a Barletta la consegna dei Diplomi alla Memoria dei Caduti La cerimonia, prevista per il 23 novembre, si svolgerà presso la Sala Rossa del Castello Svevo
Restaurata la targa della cappella-ossario all'interno del cimitero di Barletta Restaurata la targa della cappella-ossario all'interno del cimitero di Barletta Le operazioni volte a ridare lustro al sito commemorativo sono state svolte da ANCR e ANMIG
I colori dell'Olocausto, una mostra per non dimenticare I colori dell'Olocausto, una mostra per non dimenticare Anmig e Ancr organizzano un percorso fotografico il 27 gennaio a Barletta
1 Le associazioni Ancr ed Anmig in ricordo di Ettore Fucci Le associazioni Ancr ed Anmig in ricordo di Ettore Fucci Ripulita la targa nei giardini del Castello dopo gli atti vandalici
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.