“Guai a chi si rifiuta”
“Guai a chi si rifiuta”
Eventi

“Guai a chi si rifiuta”, a Barletta prima tappa dello spettacolo itinerante

L'obiettivo è spiegare la raccolta differenziata ai bambini

Come in ogni fiaba ci sono i buoni e i cattivi, anche se in questo caso i buoni sono dei personaggi la cui sopravvivenza è legata al fatto che si riciclino e non diventino rifiuti, mentre i cattivi sono due sporcaccioni, amanti dell'indifferenziato. Pupazzi colorati dai nomi attraenti quanto evocativi, realizzati con materiali riciclati e sottratti alla discarica, hanno animato lo spettacolo "Guai a chi si rifiuta", nell'ambito di un progetto, patrocinato dal Comune di Barletta, promosso dall'Associazione Culturale Scartoff di Barletta in collaborazione con la compagnia Room to Play, per spiegare la raccolta differenziata ai più piccoli.

Lo spettacolo, itinerante, ha preso il via ieri mattina dalla scuola primaria "Rodari". Ma la tournèe di Arcingordo, Sir Lamiero, Tetrapack, Miss Cartò, Zozzetto e Lord Sudicio Abrasivo proseguirà fino al 16 novembre prossimo in diverse scuole primarie e dell'infanzia della città. Allo spettacolo hanno assistito, oltre ai bambini entusiasti e tifosi per le sorti dei loro beniamini buoni e puliti, la dirigente scolastica, professoressa Lucia Riefolo, le insegnanti e il sindaco di Barletta Cosimo Cannito con l'assessore all'Ambiente Ruggiero Passero.

"Raccontate ai vostri genitori di questa giornata e degli insegnamenti appresi – hanno raccomandato il primo cittadino e l'assessore Passero agli alunni – e ricordate loro come differenziare i rifiuti e come conferirli". "Sarebbe bello – ha aggiunto il sindaco – portare e riproporre questo spettacolo in diverse piazze della città perché spiega in modo intelligente, ironico ed efficace l'importanza della raccolta differenziata".
  • Raccolta differenziata
Altri contenuti a tema
1 Raccolta indumenti usati, arrivano i nuovi contenitori a Barletta Raccolta indumenti usati, arrivano i nuovi contenitori a Barletta Il sindaco Cannito spiega: «Ecco perché non possiamo rinunciarvi»
Centri di raccolta rifiuti, disponibili 16 milioni per i comuni di Puglia Centri di raccolta rifiuti, disponibili 16 milioni per i comuni di Puglia L'obiettivo è «incentivare modelli e strumenti capaci di aumentare le percentuali di raccolta differenziata»
Raccolta indumenti usati a Barletta , a settembre i nuovi contenitori Raccolta indumenti usati a Barletta , a settembre i nuovi contenitori Si tratta di 60 contenitori collocati per strada e cinque nei centri di raccolta
Raccolta dell'organico potenziata per l'estate Raccolta dell'organico potenziata per l'estate Ecco la planimetria delle postazioni mobili in città
Preservare l'ambiente, si comincia da piccoli: iniziativa di Legambiente Barletta Preservare l'ambiente, si comincia da piccoli: iniziativa di Legambiente Barletta Agli alunni della "Giovanni Paolo II" è stato spiegato come differenziare correttamente i rifiuti
Raccolta differenziata, nuove sedi per la distribuzione delle buste Raccolta differenziata, nuove sedi per la distribuzione delle buste Chiusi gli uffici Bar.S.A. in via Capua, attiva la nuova sede di via Ofanto
1 Quanto ci costano i rifiuti? Barletta con 360 euro di Tari è sopra la media Quanto ci costano i rifiuti? Barletta con 360 euro di Tari è sopra la media Quinta nella classifica regionale: in Puglia si paga 70 euro in più rispetto ad altre regioni
7 Cassonetti per l'umido in strada a Barletta: esperimento fallito Cassonetti per l'umido in strada a Barletta: esperimento fallito Rimosse le postazioni fisse per abusi da parte di cittadini incivili
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.