Revolver
Revolver
Cronaca

Faida tra malavitosi a Barletta, oltre 10 anni di reclusione per il responsabile

Esito del giudizio dei fatti avvenuti nel 2003

10 anni e sei mesi di reclusione per il collaboratore di giustizia barlettano Geremia Curiello autoaccusatosi dell'omicidio di Luigi Corvasce, trucidato a Barletta il 29 Aprile 2003 in una presunta faida tra malavitosi della città. Assolti, invece, Saverio Pellizzieri, di 35 anni, e Filippo Tatò, 36enne, anche loro di Barletta, che pure erano stati tirati in ballo dal "pentito". I due sono stati assolti dall'accusa di omicidio premeditato, seppur con l'equivalente della vecchia formula dell'insufficienza di prova. Questo l'esito del giudizio abbreviato celebrato davanti al giudice per l'udienza preliminare del tribunale di Bari, Sergio Di Paola, a cui la Procura Distrettuale Antimafia aveva chiesto la condanna di entrambi: 30 anni di carcere la pena chiesta per Tatò, 18 per Pellizzieri. Rinviato a giudizio davanti alla Corte d'Assise di Trani un quarto imputato: Massimo Sileno, oggi 42enne. I quattro imputati, sono stati tutti ritenuti appartenenti al clan barlettano Cannito-Lattanzio. Curiello sarebbe stato il mandante e l'organizzatore del delitto.

Secondo quanto ha contestato la Procura Antimafia barese l'ordine alla sparatoria sarebbe stato impartito da Pellizzieri dal balcone della propria abitazione. All'esecuzione materiale avrebbero provveduto Tatò, alla guida di una Vespa, e Sileno, armato di pistola calibro 9. Raggiunto da diversi proiettili, Corvasce si rifugiò in una barberia. I sicari non esitarono dal continuare a sparare, ferendo anche il titolare dell'esercizio. Ma evidentemente il gup barese non ha ritenuto del tutto provata questa ricostruzione oltre ogni ragionevole dubbio.
  • Criminalità organizzata
  • Giudizio
Altri contenuti a tema
Criminalità, un ruolo sempre più decisivo per le organizzazioni della Bat Criminalità, un ruolo sempre più decisivo per le organizzazioni della Bat La relazione della Direzione Investigativa Antimafia (DIA) traccia per la provincia "uno scenario criminale tra i più complessi nella Regione"
Criminalità organizzata a Barletta e provincia, ecco la situazione Criminalità organizzata a Barletta e provincia, ecco la situazione Divulgata la relazione del secondo semestre del 2018 sui risultati della Direzione Investigativa Antimafia
Crollo di via Roma, la sentenza arriverà il 26 marzo Crollo di via Roma, la sentenza arriverà il 26 marzo Il 22 gennaio scorso fu rigettata dalla Corte la richiesta di una nuova perizia
1 Presunto disastro ambientale, il Comitato Aria Pulita Bat rinuncia Presunto disastro ambientale, il Comitato Aria Pulita Bat rinuncia Non si costituirà parte civile, verosimile la richiesta di assoluzione il 4 aprile
1 21 anni dopo, una vicenda giudiziaria infinita 21 anni dopo, una vicenda giudiziaria infinita Interviene la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo
Troppi episodi di criminalità nella Bat Troppi episodi di criminalità nella Bat La denuncia della Uil: «Lo Stato deve intervenire subito»
"Alto impatto", a segno le operazioni contro la criminalità "Alto impatto", a segno le operazioni contro la criminalità Controlli a tappeto anche a Barletta, diversi arresti e decine di controlli
Criminalità in Puglia, 2489 terreni in mano alla mafia Criminalità in Puglia, 2489 terreni in mano alla mafia Indagine di Coldiretti ed Eurispes sulle Agromafie nella Regione Puglia
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.