Barletta DaMare
Barletta DaMare
Eventi

Barletta DaMare, la protesta dei cittadini

Un flash mob organizzato per sensibilizzare la cittadinanza sul tema dell'inquinamento marittimo

"Siamo solo semplici cittadini, che vogliono dare ai propri figli un futuro, e un mare, non inquinato" queste il leit motiv del flash mob di sensibilizzazione organizzato da Antonio Binetti e Giuseppe Fergola per portare alla luce il tema dell'inquinamento marittimo in una città, quella di Barletta, che avrebbe il dovere di sfruttare la propria litoranea (tra i tanti motivi) per incrementare il turismo.

Con la partecipazione di varie associazioni come Barletta Sui Pedali, Gruppo Erotico, Barletta e Avest, cittadini, Degrado Zero e OAP (Operazione Aria Pulita) i partecipanti al flash mob hanno creato un "cordone umano" simbolo della voglia e dell'impegno della cittadinanza nel rendere migliore l'ambiente della città e renderlo più fruibile per i turisti.

"La cura del nostro ambiente, della nostra litoranea, non passa solo attraverso le richieste alla nostra amministrazione ma anche attraverso il controllo di quelli che sono veri e propri incivili, che non si curano di inquinare e danneggiare il territorio, abbandonando rifiuti lungo i canali e sulle nostre spiagge e arrecando danno a tutta la città, nonostante l'impegno dei singoli e delle varie associazioni" queste le parole di Antonio Binetti che ha sottolineato come l'impegno non deve partire solo dalle istituzioni ma anche dai singoli evidenziando anche la situazione del canale "Ciappetta Camaggio" lungo il quale i rifiuti (da semplice spazzatura a televisori e frigoriferi) vengono abbandonati anche a causa di scarsi controlli e solo con gesti come quello di oggi, anche se simbolici come raccogliere spazzatura lungo le nostre spiagge si può dimostrare che c'è una parte della cittadinanza attenta e sensibile a queste problematiche che non si cura solo del "presente" ma si preoccupa della Barletta che lascerà in eredità in futuro.
6 fotoBarletta DaMare, il flash mob di protesta dei cittadini
Antonio BinettiBarletta DaMareBarletta DaMareBarletta DaMareBarletta DaMareBarletta DaMare
  • Canale Ciappetta-Camaggio
  • Inquinamento
  • canale H
Altri contenuti a tema
1 A lavoro per la continuità idraulica del canale Ciappetta-Camaggio A lavoro per la continuità idraulica del canale Ciappetta-Camaggio Caracciolo: «Obiettivo è passaggio delle acque senza rischi per la stabilità delle sponde»
5 “Salviamo il turismo”, un flash mob al canale H “Salviamo il turismo”, un flash mob al canale H Domenica l'iniziativa promossa da Antonio Binetti e Giuseppe Fergola
"I Love Barletta", l'iniziativa del Comitato Operazione Aria Pulita "I Love Barletta", l'iniziativa del Comitato Operazione Aria Pulita Un'occasione per festeggiare l'affetto per la nostra città
Canale H, disgusto lungo la spiaggia di Barletta Canale H, disgusto lungo la spiaggia di Barletta Il degrado si somma alla sporcizia
Monitoraggio ambientale, la delibera di iniziativa popolare è realtà Monitoraggio ambientale, la delibera di iniziativa popolare è realtà Soddisfazione del gruppo Attivisti 5 stelle Barletta
Timac Agro, stop all'inquinamento della falda Timac Agro, stop all'inquinamento della falda Saranno smaltite le acque con valori anomali, a spese dell'azienda
Aria insalubre in città: il pensiero di Degrado Zero e Barletta Azione 360° Aria insalubre in città: il pensiero di Degrado Zero e Barletta Azione 360° «Le battaglie di parole producono solo perdite di tempo e altro inquinamento»
Cianci: «Siamo delusi. ASL, era così difficile verificare?» Cianci: «Siamo delusi. ASL, era così difficile verificare?» «Ci aspettavamo conclusioni ben precise, così non è stato»
© 2001-2017 BarlettaViva è un portale gestito da Sviluppo Massivo sas. Partita iva 06237280729. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati. Viva è un marchio registrato di GoCity.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.