Barletta DaMare
Barletta DaMare
Eventi

Barletta DaMare, la protesta dei cittadini

Un flash mob organizzato per sensibilizzare la cittadinanza sul tema dell'inquinamento marittimo

"Siamo solo semplici cittadini, che vogliono dare ai propri figli un futuro, e un mare, non inquinato" queste il leit motiv del flash mob di sensibilizzazione organizzato da Antonio Binetti e Giuseppe Fergola per portare alla luce il tema dell'inquinamento marittimo in una città, quella di Barletta, che avrebbe il dovere di sfruttare la propria litoranea (tra i tanti motivi) per incrementare il turismo.

Con la partecipazione di varie associazioni come Barletta Sui Pedali, Gruppo Erotico, Barletta e Avest, cittadini, Degrado Zero e OAP (Operazione Aria Pulita) i partecipanti al flash mob hanno creato un "cordone umano" simbolo della voglia e dell'impegno della cittadinanza nel rendere migliore l'ambiente della città e renderlo più fruibile per i turisti.

"La cura del nostro ambiente, della nostra litoranea, non passa solo attraverso le richieste alla nostra amministrazione ma anche attraverso il controllo di quelli che sono veri e propri incivili, che non si curano di inquinare e danneggiare il territorio, abbandonando rifiuti lungo i canali e sulle nostre spiagge e arrecando danno a tutta la città, nonostante l'impegno dei singoli e delle varie associazioni" queste le parole di Antonio Binetti che ha sottolineato come l'impegno non deve partire solo dalle istituzioni ma anche dai singoli evidenziando anche la situazione del canale "Ciappetta Camaggio" lungo il quale i rifiuti (da semplice spazzatura a televisori e frigoriferi) vengono abbandonati anche a causa di scarsi controlli e solo con gesti come quello di oggi, anche se simbolici come raccogliere spazzatura lungo le nostre spiagge si può dimostrare che c'è una parte della cittadinanza attenta e sensibile a queste problematiche che non si cura solo del "presente" ma si preoccupa della Barletta che lascerà in eredità in futuro.
6 fotoBarletta DaMare, il flash mob di protesta dei cittadini
Antonio BinettiBarletta DaMareBarletta DaMareBarletta DaMareBarletta DaMareBarletta DaMare
  • Canale Ciappetta-Camaggio
  • Inquinamento
  • canale H
Altri contenuti a tema
3 Carcassa di automobile nel Ciappetta-Camaggio tra Barletta e Andria Carcassa di automobile nel Ciappetta-Camaggio tra Barletta e Andria La segnalazione da parte di Ruggiero Quarto, portavoce al Senato del M5S
Revocata facoltà d'uso alla Timac, Cianci: «Non è un fulmine a ciel sereno» Revocata facoltà d'uso alla Timac, Cianci: «Non è un fulmine a ciel sereno» «Non vi è più l'indifferenza di una volta, noi dell'OAP siamo soddisfatti»
1 Canale H e collettore D, una call per la riqualificazione costiera a Barletta Canale H e collettore D, una call per la riqualificazione costiera a Barletta Pubblicata la manifestazione di interesse per la progettazione: lo comunica Filippo Caracciolo
Legambiente Puglia dice no all'impianto di ossicombustione Newo Legambiente Puglia dice no all'impianto di ossicombustione Newo Francesco Tarantini: «Occorre puntare alla realizzazione di impianti di compostaggio sostenendo la filiera del riciclo»
2 Forum Salute e Ambiente: «L’intesa tra comune e Arpa affossa la delibera popolare» Forum Salute e Ambiente: «L’intesa tra comune e Arpa affossa la delibera popolare» «Non possiamo accettare che la nostra delibera sul monitoraggio delle aziende insalubri venga stravolta»
Buzzi Unicem, Cianci: «Partecipare attivamente al processo» Buzzi Unicem, Cianci: «Partecipare attivamente al processo» Udienza fissata per l'8 gennaio 2018
3 Barletta Cinque Stelle, Barbara Lezzi interroga il Ministero della salute Barletta Cinque Stelle, Barbara Lezzi interroga il Ministero della salute Gli effetti della MCS si accentuano in funzione della distanza dalle fonti inquinanti
Canale Ciappetta Camaggio, presto un intervento di riattivazione della continuità idraulica Canale Ciappetta Camaggio, presto un intervento di riattivazione della continuità idraulica Caracciolo: «Occorre puntare su messa in sicurezza e valenza ambientale»
© 2001-2018 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.