Calcio
Calcio
Calcio

Ripresa Campionato di Eccellenza: arriva il parere positivo del CONI

Adesso, si attende il prossimo consiglio federale

Si torna in campo quindi. La notizia è giunta in tarda serata con una nota della FIGC che annunciava il riconoscimento del tanto sospirato "interesse nazionale" per i campionati regionali di Eccellenza, al termine di una giornata non certo priva di tensioni ed equivoci manifestatisi a suon di comunicati e controcomunicati tra CONI e FIGC.

Nel pomeriggio, una nota apparsa nel sito del comitato olimpico nazionale si concludeva con un inequivocabile: "nessuna decisione sul Campionato di Eccellenza può essere attribuita al CONI che si limita a recepire quanto deciso e trasmesso dalle singole Federazioni Sportive Nazionali, quindi nel caso in questione dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio." Il che lasciava presupporre un mancato invio da parte della FIGC della richiesta formale di riconoscimento del famigerato "interesse nazionale" del campionato di Eccellenza. Tant'è vero che in molti siti che trattano le vicende del calcio dilettantistico già si iniziava a parlare di decisione rimandata alla riunione del CONI di metà marzo, il che con ogni probabilità avrebbe significato un ulteriore stucchevole rinvio della ripresa dell'attività agonistica nei massimi campionati dilettantistici regionali.

Alla nota del CONI hanno poi fatto seguito due comunicati della FIGC. Nel primo la federcalcio "conferma di aver inviato formale richiesta al CONI al fine di condividere la 'preminenza di interesse nazionale' per il Campionato di Eccellenza, con l'obiettivo di far ripartire l'attività agonistica. Ciò in virtù del fatto che, come evidenziato da una specifica richiesta del Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti, suddetto campionato ha diretti collegamenti con il Campionato Interregionale e prevede le fasi finali nazionali."

Nel secondo comunicato la FIGC annuncia che: "il CONI ha condiviso che il Campionato di Eccellenza può considerarsi di preminente interesse nazionale, al fine di una sua ripresa dell'attività. Per dare riscontro definitivo sulle indicazioni e sulle modalità della eventuale ripresa, l'argomento sarà posto all'ordine del giorno del prossimo Consiglio Federale, in programma nei primi giorni di marzo."

Non essendo fisicamente presenti né negli uffici della FIGC, né tantomeno in quelli del CONI, naturalmente non possiamo attribuire con certezza né all'una, né all'altro le responsabilità dell'ennesimo rinvio del massimo campionato dilettantistico pugliese.

"In media stat virtus", dicevano i latini, anche se è difficile parlare di virtù quando da un lato si annuncia in pratica di non aver ricevuto idonea documentazione per poi affermare in fretta e furia di "condividere" lo status di interesse nazionale, mentre dall'altro di rivendica l'invio di suddetta documentazione per poi definire il tutto nel prossimo consiglio federale un qualcosa che – tra promozioni, retrocessioni e protocolli sanitari agevolati - era già definito nei fatti da oltre un mese.

In conclusione, non abbiamo voglia di approfondire oltre modo su chi ha sbagliato di più tra FIGC e CONI, anche perché ci sarebbe da scrivere non articoli, ma veri e propri trattati. Non fosse altro perché metteremmo a dura prova la pazienza del lettore. Quindi ci limitiamo a prendere il buono di questa vicenda, e cioè il fatto che presto torneremo a raccontarvi da bordo campo le vicende del calcio giocato. Le uniche per le quali forse vale la pena scrivere di sport
  • Calcio
Altri contenuti a tema
Da Barletta alla “scala del calcio”: la storia di Peppino Pavone Da Barletta alla “scala del calcio”: la storia di Peppino Pavone Il romanzo dell’ala barlettana con l’Inter nel destino
3 Francesco Di Tacchio: non un eroe, ma un figlio della nostra terra di cui essere orgogliosi Francesco Di Tacchio: non un eroe, ma un figlio della nostra terra di cui essere orgogliosi Prodotto del calcio giovanile barlettano salva la vita ad un compagno di squadra
Campionato di Eccellenza: finalmente si riparte. O almeno così si dice Campionato di Eccellenza: finalmente si riparte. O almeno così si dice Per qualcuno potrebbe essere una ripartenza, per altri no
Calcio dilettantistico: tra favole inglesi e scempi italiani Calcio dilettantistico: tra favole inglesi e scempi italiani I giorni di gloria del Marine FC, e i salti mortali del calcio pugliese (e barlettano) per continuare la stagione
Addio a Paolo Rossi: l’eroe di Spagna ’82 e non solo Addio a Paolo Rossi: l’eroe di Spagna ’82 e non solo Un male incurabile si porta via il calciatore italiano più discusso e più amato di sempre
1 Amato, odiato, temuto: il racconto dell’inarrivabile Diego Amato, odiato, temuto: il racconto dell’inarrivabile Diego Cosa è stato Maradona per chi lo ha vissuto e per chi lo ha visto giocare
Addio a Maradona, il ricordo di Lorenzo Amoruso: «Da esordiente con il Bari gli chiesi l'autografo» Addio a Maradona, il ricordo di Lorenzo Amoruso: «Da esordiente con il Bari gli chiesi l'autografo» L'ex difensore biancorosso: «Rimase sorpreso perché a 17 anni ero più alto di lui. Quella partita del 1989 meritavamo di vincerla»
1 Addio Maradona, il "Pibe de oro" segnò un gol contro il Barletta nel 1988 Addio Maradona, il "Pibe de oro" segnò un gol contro il Barletta nel 1988 Allo stadio Partenio di Avellino si giocava la partita Napoli-Barletta di Coppa Italia
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.