Calcio

Francesco Di Tacchio: non un eroe, ma un figlio della nostra terra di cui essere orgogliosi

Prodotto del calcio giovanile barlettano salva la vita ad un compagno di squadra

Ha iniziato a tirare calci ad un pallone a Barletta Francesco Di Tacchio, esattamente nel Nuovo Globo, con i Fedelissimi e il Borgovilla una delle storiche fucine di talenti del calcio giovanile all'ombra di Eraclio.

Nato a Trani nell'aprile di trentuno anni fa, Francesco di Tacchio, capitano della Salernitana, è uno dei tantissimi buoni giocatori che ha speso la propria carriera interamente nelle serie minori che forse non passerà alla storia per qualche giocata o qualche importante trofeo vinto, ma che sicuramente verrà ricordato per avere molto probabilmente evitato l'ennesima tragedia sul campo dovuta all'improvviso collasso del suo compagno di squadra Patryk Dziczek.

Mancavano pochi minuti al termine di Ascoli - Salernitana (per la cronaca terminata 2-0 per i granata campani) quando durante un'azione di attacco della sua squadra, il 23enne centrocampista polacco si accascia improvvisamente al suolo colpito da un malore molto probabilmente dovuto ad una aritmia cardiaca. Una scena che purtroppo ci riporta con la memoria alla tragica scomparsa di Piermario Morosini del 14 aprile 2012.

Accortosi immediatamente di ciò che stava accadendo Di Tacchio è corso immediatamente in soccorso di Dziczek impedendone il soffocamento causato dalla propria lingua, come spesso accade in questi casi. Il resto ovviamente lo ha fatto il personale del 118, ma ciò nulla toglie all'importanza e soprattutto alla tempestività dell'intervento di Di Tacchio, fattore non importante ma vitale in occasione di episodi analoghi che in passato hanno spesso avuto esito nefasto.


Troppe volte infatti in passato la tempistica di intervento è stata determinante per la sopravvivenza o meno del paziente. Si pensi ad esempio al caso di Lionello Manfredonia del dicembre 1989, salvato a Bologna dalla presenza in campo (peraltro allora non obbligatoria), di un defibrillatore, e a quello purtroppo infausto dello sfortunato calciatore ungherese Miklos Feher (gennaio 2004), quando si dovette procedere all'abbattimento di un muretto di protezione del terreno di gioco consentire l'arrivo sul campo di un'autoambulanza. A ciò si aggiunga anche il fatto che Dziczek risulta non nuovo a questo tipo di eventi ( proprio come accaduto ad Antonio Puerta del Siviglia, deceduto nell'agosto 2007), anche se inizialmente si è parlato di crisi epilettiche.

Tutte queste analogie con quanto accaduto a Dziczek non fanno che dare ancora più risalto alla manovra di soccorso operata da Di Tacchio nei confronti del suo compagno di squadra. Forse non siamo in presenza di un eroe, termine sin troppo abusato di questi tempi, ma resta il fatto che il gesto di questo figlio del nostro territorio ci riconcilia con la bellezza, con l'umanità e col cameratismo del cosiddetto calcio di provincia, che a nostro modestissimo avviso era e resta l'essenza più pura di questo meraviglioso sport.
  • Calcio
Altri contenuti a tema
Da Barletta alla “scala del calcio”: la storia di Peppino Pavone Da Barletta alla “scala del calcio”: la storia di Peppino Pavone Il romanzo dell’ala barlettana con l’Inter nel destino
Ripresa Campionato di Eccellenza: arriva il parere positivo del CONI Ripresa Campionato di Eccellenza: arriva il parere positivo del CONI Adesso, si attende il prossimo consiglio federale
Campionato di Eccellenza: finalmente si riparte. O almeno così si dice Campionato di Eccellenza: finalmente si riparte. O almeno così si dice Per qualcuno potrebbe essere una ripartenza, per altri no
Calcio dilettantistico: tra favole inglesi e scempi italiani Calcio dilettantistico: tra favole inglesi e scempi italiani I giorni di gloria del Marine FC, e i salti mortali del calcio pugliese (e barlettano) per continuare la stagione
Addio a Paolo Rossi: l’eroe di Spagna ’82 e non solo Addio a Paolo Rossi: l’eroe di Spagna ’82 e non solo Un male incurabile si porta via il calciatore italiano più discusso e più amato di sempre
1 Amato, odiato, temuto: il racconto dell’inarrivabile Diego Amato, odiato, temuto: il racconto dell’inarrivabile Diego Cosa è stato Maradona per chi lo ha vissuto e per chi lo ha visto giocare
Addio a Maradona, il ricordo di Lorenzo Amoruso: «Da esordiente con il Bari gli chiesi l'autografo» Addio a Maradona, il ricordo di Lorenzo Amoruso: «Da esordiente con il Bari gli chiesi l'autografo» L'ex difensore biancorosso: «Rimase sorpreso perché a 17 anni ero più alto di lui. Quella partita del 1989 meritavamo di vincerla»
1 Addio Maradona, il "Pibe de oro" segnò un gol contro il Barletta nel 1988 Addio Maradona, il "Pibe de oro" segnò un gol contro il Barletta nel 1988 Allo stadio Partenio di Avellino si giocava la partita Napoli-Barletta di Coppa Italia
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.