Nietta racconta Barletta

Nietta racconta: L'olioterapia

Le rime in vernacolo di Gino Garribba

Dop' u parlament
d' Giorgeu e Colasant
na cos' m' capeit tutt quent
e com'a vou l'è capeit ie
ca l'uggh' nustr guarisc' i malatei.
Anticament, u dciav l'Aurost,
s mttav l'aleiv prupr a quel pust,
però cuss fett era uno sbagl
perché difficil ierr lo squagl
in quant stav u problem che sol
dè rumanav simpr u nocciol.
Po nu special, nu cert don Veit
facett a prov ch l'aleiv farceit.
E fu acchsì ca nascett a propost
e fu 'nventat l'odierna suppost.
Po nu scienziat della Mongolia
pstett l'aleiv e facett assì l'olio
u fatghitt e facett extrafein
c chiù effett di mdcein
mann i criatour iann vtrau
g vol l'uggh d' landssoun…
vai un po' lent e nan va ste suggett
ca va sci trenta volt a gabnett
c bav l'uggh cà fann a Barlett.
Migghiour cà ie brutt e ngillos
l'a dè l'uggh cà fann a Canos
mshcat cu vein e ch mizza gazzos.
C po chessa cour nan tent riesc
pruv do balcon e scittl abbesc.
C dop tre dei nan hai evacuat
ng vol l'uggh cà fanna Corat
acchsì dop tutta na volt
da stitichezz pass a la sciolt.
Ca fè na perett mbecc o bcchir
a mett l'uggh d Minervin
accsì non accosi a cert bambin
a scara vascill cu putrsin.
c a papgnot gli scud la cuggh
avest l'uggh d Ruv d Pughl
ca ie lggir e fors accsì
d mizz metr già fac a salì.
C nu can arrabbiat t' muzzc a man
a met l'uggh d l'agro d Tran.
Dell'olio extra vergin mezza pgghiet
jind a buttigh tre vult la met
po t la jang sop a la man
e l va lcchè u stess can.
Vedrai ca esett dop mezz'or
Nan si chiù tou, ma iè u can cà mor.
Se infett, tua moglie s'accorg lei stessa,
che da un po' di emp hai pers i rifless,
nsomma c jed e capeit
cà giè tou a sciout all'aceit,
tou l'a mett seduta stent
alman tre giorn nell'uggh send.
Però c tou veit cà jiss nu poc sturt
Nan ste da fè nind, vuol dire cà è murt.
E a stu punt capisc all'istent,
cà l'uggh nan serv, ng vol u trapiend!
Carico il lettore video...
  • Vernacolo
Altri contenuti a tema
"Annuciteve a Sèggie", il vernacolo barlettano diventa musica e poesia "Annuciteve a Sèggie", il vernacolo barlettano diventa musica e poesia Seconda edizione dello spettacolo popolare in piazzetta Vico Stretto
L'estate barlettana declinata in vernacolo L'estate barlettana declinata in vernacolo Evento gratuito ideato dal poeta Francesco Paolo Dellaquila
Nietta Borgia riceve la medaglia all’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro Nietta Borgia riceve la medaglia all’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro Cerimonia a Roma per la consegna
Nietta Borgia riceve la medaglia all’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro Nietta Borgia riceve la medaglia all’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro Riconoscimento alla docente barlettana da Casa Savoia
Nietta racconta: U sp’tal’ Nietta racconta: U sp’tal’ La disavventura di un paziente barlettano nella poesia di Garribba
Nietta racconta: Quenn’ a Madonn’ v’nav da for’ Nietta racconta: Quenn’ a Madonn’ v’nav da for’ Il poeta Gino Garribba descrive un rito religioso del mese di maggio
Nietta racconta:  A pall’ d’Aré Nietta racconta: A pall’ d’Aré Il lamento del colosso nella poesia di Gino Garribba
“Nietta racconta Barletta” da oggi con Barlettalife “Nietta racconta Barletta” da oggi con Barlettalife Poesie in dialetto barlettano lette e raccontate da Nietta Borgia
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.