Foto antica
Foto antica
Cara Barletta ti scrivo

Niente "fanove" a Barletta, il Covid interrompe il tradizionale rito

«Mancheranno a tutti i fanov da Macul't, ma possiamo fare una cosa tutti noi in questa notte, la più buia dei nostri tempi: accendiamo un fuoco alla Vergine nel nostro cuore»

«Quest'anno no, purtroppo non ci sarà come da tradizione. Barletta è pronta addirittura a tramutarsi in zona arancione. Non si ha certa contezza delle volte in cui la tradizione ha dovuto cedere il passo al tempo. Forse durante i conflitti bellici, chissà... Non ci raduneremo attorno ai caratteristici falò per evitare assembramenti, e chi usava questo termine "assembramento"? Più ne siamo più sarà bello.... Per diversi giorni, in alcuni casi addirittura per mesi, il lavoro certosino di ragazzi delle parrocchie, dei quartieri, dei rioni organizzavano grandi falò. Gli ultimi giorni anche i più grandicelli, vi partecipavano, magari papà, zii e nonni, affinchè si potesse superare il falò del rione vicino ed essere immortalati come "falò dell'anno".

Un rito che ha del sacro e del profano legato alla festività dell'Immacolata Concezione, molto sentita dalla nostra comunità. Molte sono le credenze legate a questo rito ovvero chi vuole il fuoco come allontanamento del male, infatti la Vergine Immacolata ha sotto i suoi piedi il serpente, ovvero il male, il peccato. Chi vede come segno la natura morta di questo periodo, dopo aver vendemmiato e raccolto le olive, tradizione millenaria di questo tempo, e fa bruciare i rami secchi come segno di buon auspicio, per una rinascita della natura, come atto di purificazione della stessa, illuminando il cielo buio e per chiedere la benedizione sui prossimi raccolti.

Mancheranno a tutti i fanov da Macul't, ma possiamo fare una cosa tutti noi in questa notte, la più buia dei nostri tempi: accendiamo un fuoco alla Vergine nel nostro cuore, un fuoco d'amore, di speranza e di fede per non "spegnere" questa antica tradizione barlettana!»

Giuseppe Dibari
  • Tradizione
  • Barlettanità
Altri contenuti a tema
Edicola Curci addio, Barletta perde un altro tassello della propria tradizione Edicola Curci addio, Barletta perde un altro tassello della propria tradizione Uno spazio ristretto, ma tanto ampio nei ricordi dei cittadini
3 Barletta anni '90, la nostalgia nelle vecchie fotografie Barletta anni '90, la nostalgia nelle vecchie fotografie Condivise sui social raccontano di una Barletta profondamente diversa
6 L'arrivo della Madonna: la maggioranza dei barlettani soccombe L'arrivo della Madonna: la maggioranza dei barlettani soccombe Tra assembramenti e (poco) rigore, un fatto minimo mette a nudo l'intera città
1 Barletta, andrà tutto bene: storie e coraggio che ci uniscono Barletta, andrà tutto bene: storie e coraggio che ci uniscono Messaggi di positività e colori per sostenere la quarantena dei più piccoli
La cultura di Barletta non va in quarantena La cultura di Barletta non va in quarantena Dai nostri archivi, BarlettaViva propone ai lettori due rubriche culturali con la partecipazione di due barlettani d’eccezione
Barlettano invade il campo durante Juventus - Atletico Madrid Barlettano invade il campo durante Juventus - Atletico Madrid Gli uomini della sicurezza hanno subito provveduto ad allontanare l’uomo dal campo
Rape, ricotta forte o semplici? Barletta e la tradizione delle frittelle Rape, ricotta forte o semplici? Barletta e la tradizione delle frittelle Pietanza irrinunciabile per aprire i festeggiamenti natalizi
Falò dell'Immacolata, a Barletta si farà Falò dell'Immacolata, a Barletta si farà Stasera alle 19.30 su un'area pubblica a ridosso della Santissima Trinità
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.