Madonna dello Sterpeto
Madonna dello Sterpeto
Cara Barletta ti scrivo

Barletta, perché non far restare la sacra icona della Madonna dello Sterpeto fino alla fine della pandemia?

"La devozione dei barlettani non è ignoranza, ma una cosa seria"

"Pochi giorni ci dividono alla data del 2 giugno, giorno in cui con le stesse modalità con cui l'abbiam vista arrivare in Cattedrale, la Sacra Effige della Madonna dello Sterpeto farà il percorso inverso verso il Santuario a Lei dedicato sempre sulle quattro ruote di un camioncino, sempre con il rischio di assembramenti che tante polemiche hanno creato al suo arrivo, polemiche che hanno fatto il giro dell'Italia, armando blasonate penne benpensanti, divenute altresì materiale succulento per i vari tg che hanno fatto a gara per infangare la nostra città e la devozione dei barlettani verso la Madonna dello Sterpeto.

E se la sacra Effige della Madonna dello Sterpeto restasse in città fino alla fine della pandemia? In fondo guardando indietro alla storia, tanti sono i casi in cui la Madonna è rimasta in Cattedrale in alcuni casi anche per anni, in presenza di eventi simili a quello che stiamo vivendo, è successo nel 1799 quando durante le turbolenze rivoluzionarie, la Sacra Immagine fu portata in cattedrale dove rimase esposta per tre anni, 7 mesi e 20 giorni, così come sostò in cattedrale alla venerazione dei fedeli per tutta la durata del primo conflitto mondiale, è successo in molte e svariate occasioni.

Non è difficile immaginare le scene dell'alba del prossimo 2 giugno, perché a differenza di quanti molti hanno scritto, la devozione dei barlettani verso la Madonna dello Sterpeto non è ignoranza, ma è cosa seria, quindi non è difficile pensare che non saranno pochi coloro che all'alba del 2 giugno, guadagneranno le vie che portano a Santa Maria Maggiore per un saluto alla Madonna. Fate restare la Sacra Effige della Madonna dello Sterpeto in cattedrale, aprite le porte di Santa Maria Maggiore ai barlettani, ponete fine alla quarantena della Vergine Santissima. Quelle porte chiuse non hanno senso, saperLa lì dentro da conforto ma non poter pregare dinanzi alla sua immagine è un pugno nello stomaco, in vista di una festa patronale che quest'anno non sa da fà sarebbe il giusto compromesso tra cuore e ragione".

Nicola Ricchitelli
  • Maria Santissima dello Sterpeto
Altri contenuti a tema
Barletta torna ad abbracciare i Santi Patroni: le immagini della processione Barletta torna ad abbracciare i Santi Patroni: le immagini della processione Tanti i barlettani presenti per il ritorno della tradizionale espressione di fede della festa patronale
Festa Patronale di Barletta: intervista ai Portatori della Madonna dello Sterpeto Festa Patronale di Barletta: intervista ai Portatori della Madonna dello Sterpeto «Il vero peso lo sentiamo quando, durante le processioni, ci imbattiamo nella sofferenza della gente che ripone le proprie speranze nella Madonna»
Mese Mariano: Maria dello Sterpeto, nostra Madre, torna a casa Mese Mariano: Maria dello Sterpeto, nostra Madre, torna a casa «Maria è sempre con noi, pronta a proteggerci e a proteggere la Sua città!»
La Madonna dello Sterpeto torna al suo Santuario La Madonna dello Sterpeto torna al suo Santuario Si chiudono oggi le celebrazioni per il Mese Mariano
«La Vergine Maria esempio mirabile di concordia» «La Vergine Maria esempio mirabile di concordia» Le parole di don Vincenzo Misuriello per il mese mariano a Barletta
Un murale per la Madonna dello Sterpeto, appello alla visita per i turisti Un murale per la Madonna dello Sterpeto, appello alla visita per i turisti L'opera, voluta da "Barlett e Avest", è stata realizzata dall'artista barlettano Borgiac
«Chiediamo alla Madonna dello Sterpeto che ci aiuti a comprendere che la vera ricchezza sono le persone» «Chiediamo alla Madonna dello Sterpeto che ci aiuti a comprendere che la vera ricchezza sono le persone» L'omelia dell'arcivescovo D'Ascenzo in occasione della Traslazione dell’icona della Madonna dello Sterpeto
1 Torna a Barletta Maria: torna la Madre della concordia! Torna a Barletta Maria: torna la Madre della concordia! Considerazioni di don Francesco Fruscio
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.