Aereo militare Barsa
Aereo militare Barsa
La città

Un aereo militare sulla rotatoria di via Foggia

La ricostruzione di quella parentesi storica poco conosciuta da parte del giornalista Nino Vinella

«Alla vigilia del "Giorno della Memoria" come appuntamento con la più grande storia a cui riconnettere gli avvenimenti svolti nel nostro territorio, é di queste ore l'annuncio che un aereo militare, preso in carico dall'amministrazione comunale di Barletta e temporaneamente custodito da Bar.S.A., sarà installato nella rotatoria di via Foggia». Scrive Nino Vinella, giornalista, referente del Comitato Italiano Pro Canne della Battaglia ODV e dell'Archeoclub d'Italia APS Sede storica di Canne della Battaglia Barletta.

A fare da… miccia e pur alimentando nei giorni scorsi un vivace dibattito sui social, la notizia ha finalmente ottenuto una conferma ufficiale come riportato nel comunicato stampa diffuso: "Tale mezzo, acquisito dall'amministrazione Cannito, rappresenta un chiaro riferimento all'importanza strategica della città di Barletta durante la seconda guerra mondiale. Importanza dimenticata ovvero mai menzionata negli atti nazionali. Di contro, le cartine militari estere, in particolare Americane ed Inglesi, riportano nell'agro di Barletta lungo l'attuale via Canosa una pista di partenza di caccia, denominata "Vincenzo air field", dalla quale, come sottolineato nelle medesime, partirono le flotte aeree degli alleati che durante la seconda guerra mondiale liberarono la nostra e molte altre nazioni. Purtroppo, tale attenzione storica è posta dalle testate straniere ma mai da quelle italiane. Il territorio barlettano, quindi, ha dato un contributo decisivo alla liberazione ed è bene che la nostra città ne abbia memoria».

Tale pista temporanea fu costruita dal corpo United States Army Corps of Engineers a fine 1943 ed in effetti riempie, con numerose altre testimonianze, un vuoto determinatosi nella memoria storica dell'immediato dopoguerra successivo ai fatti sanguinosi del settembre 1943 (con le due medaglie d'oro al civico gonfalone) nonché a ridosso della drammatica situazione in quell'Italia metà liberata al centro sud ma ancora occupata dalla forze tedesche al nord con la Repubblica di Salò.
CAMPO SAN VINCENZO AEREO USABARLETTA DOVERA LAEROPORTO DA GOOGLE MAPS N copiaCANNE DELLA BATTAGLIA MILITARI INGLESEBARLETTA VIA REGINA MARGHERITA ROTATORIA PER MONUMENTO AEREOBARLETTA UFFICIALI AVIAZIONE USA IN PIAZZA MONUMENTO
Ed è con particolare piacere professionale e giornalistico che affido alla pubblicazione la rara fotografia qui allegata: la classica fotoricordo di due ufficiali dell'aviazione americana scattata nel 1944 in piazza Monumento. Ufficiali appartenenti a quelle forze armate statunitensi che, unitamente agli Alleati inglesi, si affacciavano spesso anche nell'area archeologica di Canne della Battaglia raggiungendo sulle loro jeep la stazioncina sulla linea ferroviaria Barletta-Spinazzola. Come mi ha confermato l'ex casellante andriese Mimì Lomuscio, all'epoca bambino di dieci anni, con memoria inossidabile: "Era mio padre Francesco, allora responsabile del casello poi ampliato come stazioncina negli Anni Cinquanta, a parlottare metà italiano e metà inglese con queu militari che si presentavano alla porta di casa in tuta mimetica chiedendo di poter acquistare carne di pecora dagli ovili della famiglia Melaccio che si trovavano nelle grotte soprastanti la Fontana di San Ruggiero poco distante".

LA STORIA DIMENTICATA – A fornire molte più informazioni un sito web che lo cita fra gli AEROPORTI ABBANDONATI DIMENTICATI E POCO CONOSCIUTI IN EUROPA con precise coordinate di riferimento in loco (41°16'53"N 016°10'46"E) ed una sommaria descrizione: "L'aerodromo denominato Vincenzo era un aeroporto temporaneo a 9 km a ovest di Barletta in Puglia, Italia. Fu costruito dal Corpo degli ingegneri dell'esercito degli Stati Uniti alla fine di settembre 1943 ed utilizzato dalla dodicesima e dalla quindicesima unità di caccia e di bombardamento medio/leggero dell'aeronautica. Le unità note per essere state di stanza presso l'aerodromo erano: 47th Bombardment Group, in volo A-20 Havocs dal 15 ottobre 1943 al 10 gennaio 1944. 82d Fighter Group, in volo P-38 Lightnings dall'11 gennaio al 30 agosto 1944. 321st Bombardment Group, volando con B-25 Mitchell dal 14 gennaio al febbraio 1944. 1st Fighter Group, volando con P-38 Lightning dall'8 gennaio al 21 febbraio 1945. 325th Fighter Group, pilotando P-51 Mustang, da luglio fino al 9 ottobre 1945. Le ultime operazioni di combattimento furono effettuate nel febbraio 1945. Fu quindi utilizzato dal 542d Air Service Group fino all'ottobre 1945, quando fu chiuso.

LA MASSERIA SAN VINCENZO (da cui il nome identificativo dell'aeroporto nell'omonima contrada) era il luogo dove quei militari americani alloggiavano, oggi censito dal CNR anche come Masseria Palica: costruita nel 1732 dalla famiglia Bonelli (ancora visibili lo stemma nobiliare), era costituita dalla casa padronale con annesso giardino e lamione per il ricovero degli animali. Al primo piano un balcone si affacciava sul giardino e un'ampia terrazza guardava il paesaggio circostante. Successivamente furono aggiunti l'edificio per le stalle e il pozzo. Vi si accede dal tratturo al km 9,500 della statale 93».
  • Storia
Altri contenuti a tema
12 settembre, Barletta ricorda l'eccidio: il programma delle celebrazioni 12 settembre, Barletta ricorda l'eccidio: il programma delle celebrazioni Ricorre il 79° anniversario della resistenza civile e militare all’occupazione nazista del ’43
A Barletta la conferenza "Gli uomini delle Crociate: tra fede, eroismo e spirito d’avventura" A Barletta la conferenza "Gli uomini delle Crociate: tra fede, eroismo e spirito d’avventura" Ospite il prof. Raffaele Pinto
Ricordando la strage degli evangelisti a Barletta del 1869 Ricordando la strage degli evangelisti a Barletta del 1869 La ricostruzione storica del direttore dell'Archivio di Stato Bari-Barletta-Trani Michele Grimaldi
L'ultimo saluto Maria Luigia Gorgoglione e Cosmo Damiano Imbriola, testimoni del crollo di via Canosa L'ultimo saluto Maria Luigia Gorgoglione e Cosmo Damiano Imbriola, testimoni del crollo di via Canosa Scomparsi nelle scorse settimane, a loro è legato il tragico episodio del 1959
12 settembre 1943, la cerimonia per l'anniversario storico 12 settembre 1943, la cerimonia per l'anniversario storico Ricorre domenica il 78° anniversario della resistenza all’occupazione nazista
14 marzo 1956, 65 anni fa a Barletta la tragedia di via Manfredi 14 marzo 1956, 65 anni fa a Barletta la tragedia di via Manfredi Tre uomini persero la vita mentre chiedevano del cibo per sfamare le loro famiglie
2 40 anni dal terremoto in Irpinia: il ricordo dei barlettani 40 anni dal terremoto in Irpinia: il ricordo dei barlettani Dopo la paura, la grande solidarietà di Barletta verso i suoi fratelli terremotati
A Barletta emergenza Covid: "San Marco" in prima linea A Barletta emergenza Covid: "San Marco" in prima linea C'è un legame forte e antico fra Barletta ed il San Marco
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.