Gioacchino in vista al Vaticano
Gioacchino in vista al Vaticano
Viva

«Vivo la mia sessualità e credo in Dio, dov'è il peccato?»

È cresciuto a Barletta, come seconda casa la Chiesa di San Nicola, adesso è libero di essere se stesso a Milano

Gioacchino è un ragazzo come tanti, una storia di vita quotidiana che c'era bisogno di raccontare per dare spazio anche ad altre narrazioni relative al rapporto omosessualità – religione.
Mai come in questi tempi, il tema dei diritti della comunità lgbtq+ si è fatto incandescente. Con le continue proroghe del DDL ZAN, Papa Francesco che avrebbe inizialmente mostrato il suo appoggio per le unioni civili, poi la smentita del Vaticano, l'intervento di Draghi nel ricordare che l'Italia è un paese laico. Sono stati mesi ricchi di tensione, tanto da considerare la sicurezza dei diritti di persone come una "questione delicata" e non una questione di priorità.
In questo calderone di incomprensioni, ci sono poi, racconti di quotidianità che possono dimostrarci come anche la Chiesa, nelle sue piccole realtà cittadine, si dimostri pronta.

Gioacchino, per esempio, si è avvicinato alla Chiesa di San Nicola sin da quando era ragazzino, con il sacramento della cresima. Quella grande casa, che aveva come padre Don Vito Carpentiere, l'ha accolto, circondandosi di amici fedeli con cui condividere gli oratori, poi l'insegnamento, affiancando catechiste più esperte di lui, e accompagnando i bambini più piccoli a ricevere il sacramento. Non ha mai smesso di essere attivo in chiesa, di diffondere a suo modo la parola del Signore con l'allegria che lo contraddistingue. Gioacchino, anche detto Cina, parla di perdono, amore, cerca di unire i ragazzi, di creare gruppi e fare rete, «È la cosa che mi caratterizza di più» dice.

Lui e i suoi amici erano sempre attivi in parrocchia, si prendevano cura dei più piccoli, organizzavano serate per celebrare San Nicola, poi spettacoli, viaggi, tutto in nome di una fede e una religiosità che li ha uniti, in cui non era importante chi tu fossi o chi amassi, ma contava solo fare del bene.
«A distanza di anni, ricordo una frase bellissima di Don Vito che mi disse: Milano ti ha disinibito. Ed è vero, qui mi sono sentito più libero. A Barletta ero Cina dell'oratorio, Cina della Chiesa. Dopo 9 anni di attività costante, non sapevo cosa sarebbe potuto succedere».

Col tempo, in modo graduale, Cina incomincia a crescere e a chiedersi di più. Si trasferisce a Milano ed è qui, con il distacco dalla Chiesa e da Barletta, che prende consapevolezza della sua omosessualità. Non perde l'amore per la sua terra, ha iniziato a guardarla con occhi diversi, anche quando ha ricevuto insulti omofobi per strada e li ha denunciati sui suoi canali social.

«Quando? In realtà un quando non c'è, è come se chiedessi ad una persona eterosessuale quando ha capito di esserlo: lo capisci, lo senti dentro. Te lo insegnano tutte le persone che ti circondano: sei maschietto non puoi giocare con le bambole; sei ragazza non puoi giocare a calcio. Tutti stereotipi ed etichette che per fortuna non mi hanno mai appartenuto dato che da piccolo non ho mai giocato a calcio e con mia sorella giocavamo con i giochi condivisi, quindi, sia Barbie che trattori.

Credo che questa fase sia stata importante proprio perché ho appreso il significato della libertà, quella che ti fa essere bambino a tutto tondo, libero di non seguire quelle regole. E forse la mia fortuna è stata anche quella di aver vissuto un'adolescenza serena, senza insulti omofobi. Ero semplicemente Gioacchino e nessuno mai si è permesso di offendermi.

Il mio coming out è avvenuto alla tenera età di 24 anni. Forse anche questo è stato un passaggio importante perché ormai avevo le spalle forti, sapevo e sentivo di essere forte e invincibile, e nessuno avrebbe potuto scalfire la mia felicità: avevo capito chi fossi e cosa volessi e nessuno avrebbe tolto nulla».

La sua testimonianza di persona omosessuale non ha mai scalfito la fede incondizionata che nutre, neanche quando ai telegiornali o al tg ha sentito la Chiesa prendere posizioni su quelli che erano anche i suoi diritti. Nel 2018 ha incontrato quello che affettuosamente chiama Papa Ciccio in Vaticano: «È stato meraviglioso, ad un tratto ho avuto anche l'impressione che i nostri sguardi si siano incrociati» o ancora la Giornata Mondiale della Gioventù in Polonia nel 2016: «Ho scelto questa avventura per il mio regalo di laurea. Un percorso di fede di due settimane che ho voluto fare per scelta. Qui ho fatto per una settimana il gemellaggio in una famiglia polacca e l'altra a Cracovia in cui ho incontrato per la prima volta il papa».


«Un mio amico sacerdote, Don Domenico Savio Pierro, mi ha dato la forza quando mi disse dove c'è amore, lì c'è Dio. È una frase importante, perché se ci credi davvero che tra due persone c'è un'unione, a prescindere dal loro orientamento sessuale, allora è vero che quell'unione è benedetta dal Signore. E quando una persona ti risponde così come fai a non andare avanti per la tua strada?»

Una testimonianza che ci insegna che si può essere gay, sostenere il DDL Zan ed essere credente, non si tratta di contraddizioni, solo di credi diversi, che possono conciliarsi.
Storie da giovani

Storie da giovani

Un modo per i ragazzi di raccontare la loro storia

13 contenuti
Altri contenuti a tema
1 «Sono stata aggredita nel portone di casa, per anni non sono più riuscita a tornare da sola» «Sono stata aggredita nel portone di casa, per anni non sono più riuscita a tornare da sola» La storia di Martina, sopravvissuta a una aggressione
«Ho portato a Siena il dialetto barlettano e ne sono orgogliosa» «Ho portato a Siena il dialetto barlettano e ne sono orgogliosa» Il lavoro di laurea di Aurora Diella sulle origini del nostro dialetto
Chiamatemi solo Saso: «Tutto il dolore mi è stato utile» Chiamatemi solo Saso: «Tutto il dolore mi è stato utile» Salvatore nasce come ballerino a Barletta, ma l'istinto l'ha portato in un'altra direzione
Perchè anche a Barletta ci sono sempre meno giovani disposti a fare i camerieri? Perchè anche a Barletta ci sono sempre meno giovani disposti a fare i camerieri? La storia di Alessandro e i ristoratori che lamentano la scarsità di proposte di lavoro da parte dei giovani
Campagne sotto assedio: imprenditori chiedono intervento dello Stato Campagne sotto assedio: imprenditori chiedono intervento dello Stato Si sono riuniti a Montaltino frazione di Barletta
Stefania: ho capito di essere omosessuale, ma Barletta non è ancora pronta Stefania: ho capito di essere omosessuale, ma Barletta non è ancora pronta La storia di una giovane ragazza che a quattordici anni si è innamorata della sua migliore amica
Monica: tra le prime maturande vaccinate a Barletta Monica: tra le prime maturande vaccinate a Barletta A due giorni dalla promessa di vaccinare anche i giovani, ecco i primi vaccinati che affronteranno la maturità
Arianna Todisco, giovane fotoreporter barlettana finita sul Washington Post Arianna Todisco, giovane fotoreporter barlettana finita sul Washington Post La storia di Arianna e del suo lavoro per raccontare la comunità dei Caminanti
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.