Parcheggio per disabili
Parcheggio per disabili
Servizi sociali

Patenti per disabili, Anglat: «No al trasferimento degli uffici»

Lettera per scongiurare lo spostamento da Canosa a Trani

L'ANGLAT (Associazione Nazionale Guida Legislazione Andicappati Trasporti) è stata fondata nel 1981 quale Associazione di categoria, con lo scopo fondamentale di migliorare, relativamente ai trasporti, le normative in vigore, onde consentire a tutte le persone disabili di poter fruire del diritto alla mobilità sinonimo di autonomia e di libertà. «Questa Associazione, molto tempo fa - scrive il delegato provinciale in una nota indirizzata al direttore della Asl Narracci, al presidente della provincia Spina, al prefetto Minerva e a tutti i sindaci della Bat - chiese agli Organi Competenti Provinciali, l'istituzione della Commissione Medica Locale nella propria nuova Provincia BAT, operante sin dal 2009. A seguito di ciò, il Presidente di detta Provincia, in data 02 febbraio 2010, con propria nota Prot. n. 0849/121, chiese ufficialmente al Ministero della Sanità e all'ASL BAT, detta istituzione. Successivamente, l'ASL con proprio atto deliberativo n.576 del 07.04.2010, come per legge, propose a detto Ministero, il nominativo del Presidente di detta Commissione, restando in attesa del necessario riscontro, per procedere al completamento della stessa Commissione. Decreto Ministeriale di nomina pervenuto all'ASL BAT a fine luglio 2010. Finalmente avviata il mercoledì 18 maggio 2011, presso l'Ospedale "Caduti di tutte le guerre" di Canosa.

La nostra associazione dal 1980 si batte per eliminare la guida senza patente, quindi per agevolare la regolarità e l'inserimento del disabile nella società, da trentacinque anni offre un servizio gratuito, preparando le pratiche per conseguimento, riclassificazione e rinnovo delle patenti speciali, oltre all'assistenza che necessita il disabile, offriamo un servizio gratuito per trasporto da casa alla commissione di, prima a Bari ora a Canosa. Questo servizio che l'associazione offre ha permesso a molti disabili della BAT di uscire di casa, inserirsi nella società ma soprattutto in totale rispetto del codice della strada. Il fine proposto, si può dire che a distanza di 35 anni la nostra associazione la raggiunto ad oltre il 90% dei risultati voluti. Come stiamo segnalando ormai da circa quattro anni questa associazione pur avendo sede a Barletta ha voluto fortemente l'apertura dell'Ufficio Patenti Speciali a Canosa, è evidente, Canosa trovandosi al centro della provincia avrebbe agevolato l'utenza e ridotto di molto il nostro intervento di trasporto agevolando l'intera utenza della provincia. Tutto il lavoro svolto rischia di diventando vano, grazie, al motivo: ci risulta che è volontà espressa dalla direzione generale di dismettere tale ufficio Patenti Speciali a Canosa, per trasferirlo a Trani. Un decentramento rischierebbe sicuramente di creare ed innescare ulteriori disagi nella categoria. Avendo specifico interesse, chiedendo di conoscere lo stato attuale dell'iter della procedura di cui sopra, SOLLECITA il riesame della decisione presa, per non riprendere i numerosi disagi di cui, prima del 2011, i propri iscritti erano sottoposti per essere visitati dalla Commissione di BARI. Una soluzione possibile suggerita dalla nostra esperienza, potrebbe essere quella di aggiungere un infermiere al attuale amministrativo, e un maggior coinvolgimento delle associazioni di volontariato che messe in rete potrebbero davvero rendersi utili in favore delle categorie svantaggiate e nel col tempo fare risparmiare alle amministrazioni».
  • Disabilità
Altri contenuti a tema
Integrazione scolastica, da domani l'avvio del servizio Integrazione scolastica, da domani l'avvio del servizio Dedicato agli alunni diversamente abili per l’anno didattico 2022/2023
25 Il corteo della Disfida diventa inclusivo con il progetto di "Divine del Sud" Il corteo della Disfida diventa inclusivo con il progetto di "Divine del Sud" Sfileranno in corteo anche i ragazzi diversamente abili dell’associazione
1 Barriere architettoniche, a Barletta il piano per eliminarle Barriere architettoniche, a Barletta il piano per eliminarle Sarà presto reso pubblico per sottoporlo alle osservazioni dei cittadini
Accesso al mare per le persone disabili, soddisfazione del sindaco Cannito Accesso al mare per le persone disabili, soddisfazione del sindaco Cannito Il progetto prevede un finanziamento di 20.000 euro per l'inclusione e l'accesso libero al mare
Perché il mare possa rendere liberi, deve esser libero d’accogliere chiunque Perché il mare possa rendere liberi, deve esser libero d’accogliere chiunque Il libero accesso per i diversamente abili in un mare che sia inclusivo oltre che accessibile
Buoni servizio per disabili, anziani e minori, in Puglia sbloccati 14 milioni Buoni servizio per disabili, anziani e minori, in Puglia sbloccati 14 milioni A dichiararlo l’assessora al Welfare Rosa Barone
In abito bianco per uno shooting di moda, c'è anche la barlettana Vincenza Dinoia In abito bianco per uno shooting di moda, c'è anche la barlettana Vincenza Dinoia La testimonianza di due modelle in carrozzina. «C'è tanto da fare per l'inclusione sociale della donna con qualsiasi diversità o meglio particolarità»
Quante sono le persone con disabilità nei nostri territori? Quante sono le persone con disabilità nei nostri territori? Un progetto pilota supportato dal network Viva
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.