Franco Pastore
Franco Pastore
Politica

Pastore: «I cittadini non paghino per disservizi sanità»

Cresce la polemica sulle prenotazioni mediche a pagamento

Contro la decisione scaturita dall'accordo tra Regione e sindacato dei farmacisti che prevede, a partire da martedì 2 settembre, il pagamento di 2 euro per le prenotazioni e le disdette di esami e visite specialistiche per ogni prestazione sanitaria, interviene il consigliere regionale Franco Pastore: «Un servizio è carente, nel caso specifico i Cup, per tutta una serie di motivi, e le istituzioni cosa fanno? Anziché scusarsi con i cittadini per il disservizio, glielo fanno pure pagare, due euro a richiesta, per prenotare una visita medica.

Ma che questo sarebbe successo si sapeva già da tempo, da mesi. Solo che per correre ai ripari e mettere in campo soluzioni alternative si è arrivati ad oggi, cioè alla vigilia del pagamento di quei due euro, salvo alcune proposte e sperimentazioni in alcuni territori, come quella di coinvolgere i medici di famiglia, anche nella Asl Bat (ma chissà se i singoli medici, al di là delle intenzioni dei loro rappresentanti sono d'accordo). Le intenzioni dell'assessore Donato Pentassuglia sono delle migliori: prevedono una verifica e razionalizzazione delle liste d'attese e, soprattutto, che siano, appunto, i medici di famiglia a fare da interlocutori fra pazienti, loro esigenze e stato di salute, e prescrizioni – prenotazioni per visite specialistiche. Certo, è d'uopo anche il ritorno alla normalità, con la fine delle ferie estive, e la conta delle risorse, anche umane, con le nuove assunzioni. Questi, in ogni caso, sono costi che non spettano ai cittadini – contribuenti, che già a monte pagano le tasse e, al momento, i ticket per i servizi e le prestazioni effettivi, nonché per le richieste.

Poco più di una settimana fa, per la nostra regione era stato motivo di vanto il basso costo della politica (fonte Sole 24 Ore) e, in un mio intervento, ero stato prudente su tale atteggiamento, portando come esempio, proprio quello dei servizi offerti ai cittadini in sanità e ai tanti sacrifici fatti in questo campo dalla nostra regione, imposti dai piani di rientro. Di cosa ci si vanta se può prenotare prima e più comodamente e velocemente chi, al di là della necessità e della gravità del suo stato di salute, non ha alcun problema a pagare quei due euro? Non è il costo in sé, che pure oggi può essere un problema serio, ma è il principio che è inaccettabile e va cambiato il prima possibile e lo si può fare solo non perdendo tempo e mettendosi a lavorare, tralasciando le dissertazioni su quanto possa essere complicato, un passatempo utile solo ad aggirare il problema senza affrontarlo. Le liste d'attesa non sono lunghe, sono addirittura folli, ma stare a contemplarle non le accorcia di un centimetro!».
  • Farmacia
  • Regione Puglia
  • Sanità
Altri contenuti a tema
Barletta-Andria-Trani top nella gestione del Sistema 118 Barletta-Andria-Trani top nella gestione del Sistema 118 La Puglia risulta la migliore regione in Italia: sistema veloce e efficiente
Stabilizzazione personale, buone notizie per i lavoratori della Asl Bt Stabilizzazione personale, buone notizie per i lavoratori della Asl Bt Fp Cgil Puglia esprime grande soddisfazione
Inizia il tour del presìdi sanitari della Bat con i consiglieri Mennea e Santorsola Inizia il tour del presìdi sanitari della Bat con i consiglieri Mennea e Santorsola «A Minervino, Spinazzola e Canosa strutture che funzionano, ma c'è ancora molto da migliorare»
Presidi territoriali di assistenza nella Asl Bat: un incontro a Barletta Presidi territoriali di assistenza nella Asl Bat: un incontro a Barletta I servizi sanitari saranno gestiti a livello distrettuale attraverso i nuovi Pta
Sviluppata un nuova tecnologia per la realtà virtuale, protagonisti tre barlettani Sviluppata un nuova tecnologia per la realtà virtuale, protagonisti tre barlettani «Dopo anni di studio e ricerca, abbiamo deciso di aprire il primo centro a Barletta»
Speranza che nasce dal dolore, un uomo di Barletta dona reni e cornee Speranza che nasce dal dolore, un uomo di Barletta dona reni e cornee La donazione è avvenuta all'ospedale "Bonomo" di Andria: consenso da moglie e figli
Mennea: «Visiterò gli ospedali della Bat per verificarne lo stato di salute» Mennea: «Visiterò gli ospedali della Bat per verificarne lo stato di salute» «Senza strutture in buona salute, non è possibile fare una buona sanità»
Bando regionale Puglia capitale sociale 2.0, un incontro a Barletta Bando regionale Puglia capitale sociale 2.0, un incontro a Barletta L'obiettivo: promuovere percorsi e processi di innovazione e rigenerazione sociale e urbana
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.