Infermiera
Infermiera
Scuola e Lavoro

Medici obiettori di coscienza, delibera bocciata

Ma la Regione non fa passi indietro. Gli ordini professionali prenderanno posizione

Un documento comune per confermare ufficialmente il loro «no» all'esclusione dei medici obiettori di coscienza dai prossimi concorsi per le assunzioni nei consultori. I cinque presidenti degli Ordini dei medici pugliesi (mancava all'appello Paolo Livrea di Bari, ma erano presenti Luigi Pepe, Lecce, Salvatore Onorati, Foggia, Domenico Nume, Taranto, Emanuele Vinci, Brindisi, e Benedetto Delvecchio, Bat) sabato si sono incontrati a Roma e si sono confrontati sulla delibera della giunta regionale sul potenziamento dei consultori, impugnata davanti al Tar dai camici bianchi obiettori di coscienza.

Al termine della riunione hanno condiviso una linea d'azione: nelle prossime ore sarà diffuso un comunicato attraverso il quale gli Ordini prenderanno posizione sulla delibera della discordia, chiedendone il ritiro o la correzione parziale. Nella sostanza, i medici sono contrari al provvedimento della giunta Vendola così come è stato formulato, ma sono disposti a collaborare con la Regione all'individuazione di soluzioni diverse che possano garantire nei consultori la presenza contemporanea di obiettori e non obiettori di coscienza. «La partecipazione ad un concorso - spiega il dottor Delvecchio - non può essere preclusa a chi si professa contro l'aborto. Non sono ammissibili clausole discriminatorie, sono contrarie alla legge e al nostro codice deontologico. D'altra parte - aggiunge - le preoccupazioni del legislatore sono comprensibili, è legittimo oltre che doveroso garantire nei consultori la presenza di entrambe le figure. E' un diritto delle donne che va tutelato». Il problema resta come adempiere ad un obbligo che viene stabilito anche dalla legge 194, visto che attualmente l'80 per cento dei medici che lavorano nelle strutture pugliesi sono obiettori. «Siamo pronti a collaborare per individuare percorsi alternativi - annuncia il presidente dell'Ordine della Bat - ma i concorsi con lo sbarramento non possono essere accettati».

Nonostante le polemiche, la Regione però non sembra intenzionata a fare passi indietro, almeno non sono giunti segnali che vanno in questa direzione. L'assessore alla Sanità, Tommaso Fiore, non ha replicato né alle perplessità avanzate dai medici né al ricorso presentato da nove camici bianchi obiettori. La delibera sotto accusa è la numero 735 - approvata lo scorso marzo dalla giunta su proposta degli assessori Elena Gentile (Welfare) e Fiore - che prevede il potenziamento della rete consultoriale e del «percorso nascita» attraverso l'inserimento nelle strutture di ginecologi e ostetriche non obiettori di coscienza . Escludendo, di fatto, dai prossimi concorsi pubblici i camici bianchi che si professano contro l'aborto. Nove medici cattolici hanno impugnato il provvedimento davanti al Tar di Bari, chiedendone l'annullamento. Mentre gli Ordini dei medici invitano l'assessore a sedersi attorno ad un tavolo e rettificare la delibera, il consigliere regionale dell'Udc, Euprepio Curto, chiede al governatore Nichi Vendola «un atto di grande sensibilità politica», ovvero che «sia ritirata la delibera n. 735 del 15 marzo 2010» e che «tutte le sue implicazioni tecniche, etiche, giuridiche e politiche diventino oggetto di ampia e approfondita discussione in Consiglio regionale , oppure, in subordine, nella commissione competente».
  • Regione Puglia
  • Medici
Altri contenuti a tema
Turismo sostenibile: il progetto per nuovi cammini in Puglia Turismo sostenibile: il progetto per nuovi cammini in Puglia «Quasi la metà degli italiani desidera vivere esperienze di turismo lento a contatto con la natura»
A Barletta l'incontro “Sordità e isolamento sociale nel paziente con demenza”. A Barletta l'incontro “Sordità e isolamento sociale nel paziente con demenza”. Approfondimento scientifico su un disturbo a cui si associa anche un deterioramento cognitivo
Il provvedimento della Regione Puglia per le micro, piccole e medie imprese Il provvedimento della Regione Puglia per le micro, piccole e medie imprese Sospesi fino a giugno 2023 i mutui concessi su alcuni strumenti di ingegneria finanziaria
Prorogata la domanda per i Buoni servizio disabili e anziani 2022/2023 Prorogata la domanda per i Buoni servizio disabili e anziani 2022/2023 La presentazione della domanda e l’abbinamento del buono servizio si effettua esclusivamente on-line
Rilanciare le ciliegie: anche la Puglia nel programma Rilanciare le ciliegie: anche la Puglia nel programma Puglia, Emilia Romagna e Trentino Alto Adige, insieme rappresentano l’80% della produzione di ciliegie di qualità in Italia
Avviso Regione Puglia per la promozione dell'attività sportiva Avviso Regione Puglia per la promozione dell'attività sportiva Si invitano le associazioni a voler presentare la propria candidatura
Covid in Puglia, quasi 9 mila decessi dall'inizio dell'emergenza Covid in Puglia, quasi 9 mila decessi dall'inizio dell'emergenza Poco più di 21 mila gli attualmente positivi
Covid in Puglia, la pressione sulle strutture ospedaliere tende ad attenuarsi Covid in Puglia, la pressione sulle strutture ospedaliere tende ad attenuarsi Il tasso di positività sui nuovi test resta di poco inferiore al 15%
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.