Dicataldo, Cannito, Mele
Dicataldo, Cannito, Mele
Politica

“Les liaisons dangereuses” della maggioranza: comincia l’atmosfera elettorale

Nel momento decisivo l’amministrazione Cannito potrebbe restare appesa a un filo

"La verità – parafrasando il noto brano del cantautore Brunori Sas sul senso di una vita assalita dalla paura – è che vi fa paura l'idea di scomparire". A Palazzo di città, però, di sensato non c'è molto, o forse sì. Di musica poi, neanche l'ombra se non per il ritmo con il quale si sono succeduti i cambi in Giunta.

L'idea di scomparire, politicamente parlando, invece, è probabilmente la paura che assilla molti politici locali, intenti nell'impresa di restare a galla rinnegando la propria appartenenza politica, salve le temerarie comunicazioni sulla stampa che la rievocano.

E allora, pur di non scomparire dallo scenario politico, la soluzione è stata camaleontica. Una coalizione civica che interrompesse l'amministrazione del Partito Democratico degli anni passati, la veste perfetta sotto cui nascondere riferimenti dello stesso PD. Non è una tesi complottista, ma ciò che emerge dal recente documento siglato da sei consiglieri comunali, tre assessori e addirittura dal Presidente del Consiglio comunale, Sabino Dicataldo e rimarcato con la nota diffusa ieri in risposta alle considerazioni della consigliera Stella Mele.

Una maggioranza desertificata

Il sostegno espresso a Michele Emiliano per la candidatura al governo della Regione e il riconoscimento dell'impegno politico profuso dall'uscente consigliere regionale del PD, Filippo Caracciolo, non hanno fatto altro che rivelare la vicinanza di ben 10 membri dell'amministrazione al Partito Democratico.

Un partito, quest'ultimo, già presente con quattro esponenti in Consiglio comunale, ma all'opposizione. Un gruppo che ben potrebbe contare, a questo punto, sul sostegno dei sei consiglieri (sette, contando anche Dicataldo) firmatari del suddetto documento, per un totale di 11 riferimenti in Consiglio. E allora, se la matematica non inganna, l'amministrazione a guida Cannito, al momento meno opportuno, potrebbe essere appesa ad un filo. Potrà, infatti, contare su una maggioranza desertificata, con soli 15 consiglieri (sindaco compreso) lontani da interferenze con il Partito Democratico.

Un conto che, tuttavia, scende a 14 se sottraessimo la posizione assunta dalla segretaria cittadina di Fratelli d'Italia, Stella Mele, e addirittura a 12 se i suoi compagni di militanza, Riccardo Memeo e Luigi Antonucci, dovessero seguirla nell'azione amministrativa.

La campagna elettorale è servita

La campagna elettorale è così servita, a scapito del garante della Coalizione del Buon Governo, il sindaco Cosimo Cannito che si ritroverà, presto o tardi, a dover riassemblare la sua maggioranza. Il tutto, senza considerare le anime, di variegata estrazione politica, che coabitano l'amministrazione non solo nella compagine consiliare, ma anche in quella assessorile.

Alle propaggini Dem di cui abbiamo già detto, si sommano il Presidente del Consiglio Dicataldo e gli assessori Ruggiero Passero, Graziana Carbone e Maria Anna Salvemini. Si aggiunga il riferimento in Giunta di Fratelli d'Italia, l'assessore Gennaro Cefola, e quello di Forza Italia, Marcello Lanotte. Partito, quest'ultimo, che conta in Consiglio Pier Paolo Grimaldi e Giuseppe Losappio. Salve quel paio di anime socialiste, infine, i consiglieri rimanenti, restano non meglio identificati "civici".

Intanto, il documento non è certo passato inosservato alla restante opposizione. I primi commenti in proposito giungono dal Movimento 5 Stelle. «Tutti i nodi vengono al pettine» esclama dalla sua pagina Facebook il consigliere Antonio Coriolano, invitando il sindaco alle dimissioni. «L'allegra macchina elettorale barlettana si è messa in moto – osserva critico, invece, Giuseppe BasileTutti schierati, allineati e coperti, però se glielo fai notare si offendono».
  • Amministrazione Comunale
  • Consiglio comunale
  • Elezioni Regionali
Altri contenuti a tema
15 «Me ne assumo la responsabilità: ho chiesto la zona rossa fino al 7 gennaio 2021» «Me ne assumo la responsabilità: ho chiesto la zona rossa fino al 7 gennaio 2021» Il sindaco Cannito chiude il confronto in consiglio comunale dedicato all'emergenza Covid
Ex Palazzo delle Poste, il Comune di Barletta non può esercitare la prelazione Ex Palazzo delle Poste, il Comune di Barletta non può esercitare la prelazione Bisognerà acquisire le informazioni necessarie per un futuro ed eventuale acquisto dell'immobile
5 L'opposizione di Barletta vs Cannito: «Pur di restare in sella assegna pseudo-incarichi» L'opposizione di Barletta vs Cannito: «Pur di restare in sella assegna pseudo-incarichi» «Una mossa fantasiosa ma necessaria per garantirsi la maggioranza in Consiglio»
1 Consiglio comunale di Barletta, l'assise torna a riunirsi il 27 novembre Consiglio comunale di Barletta, l'assise torna a riunirsi il 27 novembre I punti all'ordine del giorno
Emergenza sanitaria Covid-19, il Consiglio comunale ne discute giovedì Emergenza sanitaria Covid-19, il Consiglio comunale ne discute giovedì L'assise cittadina torna a riunirsi in videoconferenza
1 Torna (online) il consiglio comunale di Barletta Torna (online) il consiglio comunale di Barletta Convocazione su Zoom lunedì prossimo alle ore 16.30
1 Nulla di fatto in Commissione per la nomina del successore di Grimaldi Nulla di fatto in Commissione per la nomina del successore di Grimaldi Erano presenti solo i consiglieri comunali Giuseppe Basile  e Pier Paolo Grimaldi
1 Fratture nella maggioranza di Barletta: valutazioni in corso in Forza Italia Fratture nella maggioranza di Barletta: valutazioni in corso in Forza Italia Giuseppe Losappio: «Voteremo solo i provvedimenti che riterremo giusti per la città»
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.