La protesta dei lavoratori Timac diventa forma d'arte
La protesta dei lavoratori Timac diventa forma d'arte
La città

La protesta dei lavoratori Timac diventa forma d'arte

L'attualità immortalata da Luigi Lanotte

Con la sua bottega d'arte nascosta nel cuore della città di Barletta, il giovane artista barlettano Luigi Lanotte si trova spesso a trascorrere ore in strada per realizzare le sue opere dal vero, trasferendo le immagini impresse nel proprio sguardo sulla tela, attraverso un segno di matita e un colore. Sembra strano che un episodio di attualità cittadina, come la protesta dei lavoratori della Timac di Barletta davanti al palazzo della prefettura, possa diventare un'opera d'arte, eppure è accaduto.

«Sono stato lì presente durante la manifestazione dei lavoratori - ci ha raccontato Luigi - ero lì in zona con il mio allievo per fare lezioni di paesaggio e a quel punto ho visto questa situazione in piazza. In quei lunghi momenti si avvertiva tutto il disagio e la rabbia degli operai nell'attesa che qualcuno dalla prefettura desse loro un riscontro per chiarirsi sulla loro drammatica situazione. A quel punto è scattata l'ispirazione: ho sentito di dipingere e immortalare queste presenze umane».

I lavoratori che erano presenti in quel momento in piazza per protestare che reazione hanno avuto vedendoti dipingere?
«È stato emozionante: tutti gli operai si sono avvicinati a me, e la cosa più bella è stata che - nonostante il segno molto rapido e gestuale - loro si sono riconosciuti e hanno apprezzato tanto il mio lavoro».

Una performance ardua e insolita, ma che dimostra con poco come l'arte, considerata talvolta austera, lontana, nobile e intoccabile, possa raccontare la quotidianità e piccoli-grandi episodi di disagio, sofferenza, dolore. L'opera di Luigi Lanotte, realizzata in tecnica mista su cartone, dalle dimensioni di 100x70 cm, è ora conservata insieme al resto delle sue opere nel laboratorio barlettano dell'artista, che abbiamo visitato tempo fa.
  • Arte
  • Timac Agro
Altri contenuti a tema
1 Avviati a Barletta i lavori di perforazione per la realizzazione del piezometro Avviati a Barletta i lavori di perforazione per la realizzazione del piezometro Sindaco Cannito: «Si aggiunge un altro tassello nell'azione di monitoraggio ambientale che è in corso in città»
Stop ai licenziamenti alla Timac di Barletta: intervengono Cgil, Cisl e Uil Stop ai licenziamenti alla Timac di Barletta: intervengono Cgil, Cisl e Uil «Un sospiro di sollievo per i 51 lavoratori dell’azienda»
«Timac di Barletta non produce inquinamento atmosferico» «Timac di Barletta non produce inquinamento atmosferico» Il resoconto della conferenza stampa convocata ieri nell'azienda
1 Crisi ambientale e monitoraggio, il nulla dell'amministrazione Cannito Crisi ambientale e monitoraggio, il nulla dell'amministrazione Cannito La dura nota del Collettivo Exit, critica verso il primo cittadino
2 Timac di Barletta: «Stop a licenziamenti grazie a revoca sequestro» Timac di Barletta: «Stop a licenziamenti grazie a revoca sequestro» La nota diramata dall'azienda: «Confermati i livelli occupazionali»
La Procura di Trani dissequestra la Timac di Barletta La Procura di Trani dissequestra la Timac di Barletta «Nessun inquinamento nell'aria: MISO suolo e falda efficaci»
1 Caso Timac, Collettivo Exit: «Ancora nessuna indagine ambientale per Barletta» Caso Timac, Collettivo Exit: «Ancora nessuna indagine ambientale per Barletta» «La vicenda merita un intervento chiarificatore da parte del Sindaco Cannito»
«Timac non inquina», querela dell'azienda contro informazioni «false e calunniose» «Timac non inquina», querela dell'azienda contro informazioni «false e calunniose» In una nota diramata dall'azienda, le ragioni di tale decisione
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.