Garrone senza aule
Garrone senza aule
Scuola e Lavoro

La Disfida delle aule, il “Nervi” protesta e il “Garrone” risponde con un video

La polemica viaggia tra i banchi di scuola e su YouTube

Elezioni Regionali 2020
Settembre, suona la campanella e ricomincia la scuola, ma non ci sono le aule. Da giorni sta imperversando la polemica che contrappone due istituti scolastici di Barletta, il "Nervi" (ubicato nel plesso Polivalente) e il "Garrone" (nell'ormai storica sede di via Cassandro, che anticamente ospitava la Ragioneria). La questione è ormai annosa e sicuramente è stata aggravata dal progressivo indebolimento dell'ente provincia. Il botta e risposta tra i due istituti è stato in questi giorni vivacissimo: prima la protesta del "Nervi", che subisce la cessione delle aule e l'obbligo di ottimizzare al meglio i propri studenti in altre aule del Polivalente, con problemi per la fruizione dei laboratori, poi è seguita la corposa risposta dei docenti del "Garrone", che reclamano a viva voce dignità per l'istituto, costretto ormai a queste insopportabili situazioni di ripiego, infine l'intervento calmierante (ma poco incisivo) dell'assessore alla scuola Antonio Divicenzo, che invita i dirigenti a riporre l'ascia di guerra e ad assumersi le proprie responsabilità.

Insomma, la situazione non piace a nessuna delle due comunità studentesche ma entrambe non intendono demordere nella protesta per far valere le proprie cause. Mentre da questa mattina studenti e docenti del "Nervi" sono in agitazione sotto Palazzo di Città, gli studenti del "Garrone" hanno rilanciato la polemica attraverso un video divulgato su YouTube, in cui ringraziano ironicamente gli enti preposti per la solita mancanza di puntualità nel risolvere il problema della carenza di aule nel loro istituto.

Sul tema è intervenuta, tra gli altri, anche il consigliere comunale Giuliana Damato, che sui social appoggia l'iniziativa degli studenti: «I ragazzi del ‪#Garrone, come pure i loro insegnanti, sono straordinari. E riescono ad esserlo nonostante in queste ore stiano vivendo disagi enormi. Oggi proverò anch'io, con la Commissione cultura e pubblica istruzione, a dare il mio piccolo contributo a questa battaglia, pur consapevole che sarà poca cosa, se la Provincia non si darà una seria mossa per sciogliere questo nodo. Se certi rappresentanti della nostra provincia fossero zelanti nel provare a garantire un diritto sacrosanto come il ‪#‎dirittoallostudio come lo sono nell'alimentare vuoto chiacchiericcio politico sulla stampa e sulla rete, forse ora questi studenti, cittadini non di serie b, avrebbero le loro aule».

In attesa che gli enti coinvolti nella "Disfida delle aule" si mettano intorno a un tavolo per risolvere definitivamente la questione, si spera che a tutti gli studenti venga garantito il diritto allo studio e la tranquillità di mettersi sui banchi di scuola per studiare. L'invito è ad evitare promesse di circostanza del tipo "dall'anno prossimo agiremo con tempestività": non si può aspettare settembre per risolvere i (tanti) problemi della scuola.
Protesta degli studenti del "Nervi" sotto Palazzo di CittàProtesta degli studenti del "Nervi" sotto Palazzo di CittàProtesta degli studenti del "Nervi" sotto Palazzo di Città
Social Video1 minutoGarrone senza aule
  • Protesta
  • Disagio giovanile
  • Scuola
  • I.I.S.S. "N. Garrone"
  • Istituto tecnico per geometri "Nervi"
Altri contenuti a tema
Ritorno a scuola: Comuni e Province si confrontano con i dirigenti Ritorno a scuola: Comuni e Province si confrontano con i dirigenti In Puglia la scuola riaprirà il 24 settembre, dopo le elezioni regionali
Scuola, in Puglia riprende il 24 settembre: ecco il calendario Scuola, in Puglia riprende il 24 settembre: ecco il calendario Si comincia il 24 settembre e si finisce l'11 giugno, tutti i ponti e le festività. Le scuole possono modificarlo in base alle loro esigenze
Scuola, in Puglia al via il 24 settembre: «Ma servono certezze» Scuola, in Puglia al via il 24 settembre: «Ma servono certezze» «Servono certezze e risorse per evitare enormi disagi nel prossimo anno scolastico»
Rientro a scuola il 14 settembre, Azzolina: «Addio classi pollaio» Rientro a scuola il 14 settembre, Azzolina: «Addio classi pollaio» Il presidente Conte: «Obiettivo contrastare povertà educativa e dispersione scolastica». Azzolina: «Dall'1 luglio tour negli istituti di tutta Italia»
Didattica a distanza e voglia di tornare tra i banchi di scuola Didattica a distanza e voglia di tornare tra i banchi di scuola Il prof Danilo Marano: «La condivisione in presenza è irrinunciabile per la crescita dei ragazzi»
Didattica a distanza, cosa ne pensano gli studenti? Didattica a distanza, cosa ne pensano gli studenti? Presentata inchiesta della Flc Cgil. Ad oggi nessuna certezza sulla ripresa a settembre
1 Finanziamenti per le scuole, 100mila euro per il “Garrone” di Barletta Finanziamenti per le scuole, 100mila euro per il “Garrone” di Barletta La dichiarazione del presidente della provincia Bat Lodispoto
Fine anno scolastico, i saluti del sindaco di Barletta ai ragazzi Fine anno scolastico, i saluti del sindaco di Barletta ai ragazzi «Ricominciare non sarà facile, ma ce la faremo perché la scuola è importante per tutti»
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.