Enrico Bufalo
Enrico Bufalo
Eventi

Intervista ad Enrico Bufalo, autore del libro “Il coraggio della paura”

Un libro per sostenere l'AISM e per combattere la sclerosi multipla. Scrivere filastrocche per sentire ancora la vita che scorre

Enrico Bufalo nasce a Barletta nel 1968, dove vive un'infanzia ed un'adolescenza felici. Dopo il liceo sceglie di studiare giurisprudenza a Bari e diventa, infatti, avvocato. Purtroppo, però, già durante gli anni universitari, la sua serenità viene improvvisamente spezzata dalla scoperta della sua malattia: la sclerosi multipla, cosa che fa cambiare tutti i suoi piani. Presto, infatti, abbandona la sua aspirazione di praticare la professione di avvocato, riversando tutte le sue energie in un'altra attività, più compatibile con le sue nuove esigenze: l'insegnamento. Il suo nuovo lavoro, che presto si rivelerà «il lavoro più bello del mondo», così come dice lui stesso, non solo rappresenterà una nuova avventura di vita fatta di sfide, soddisfazioni, nuove conoscenze e divertimento, ma gli donerà anche l'ispirazione giusta per comporre filastrocche. Lo scorso anno alcune delle sue composizioni sono state riunite in un'unica raccolta intitolata "Il coraggio della paura", il cui ricavato andrà in parte in beneficenza all'AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla).
La redazione di Barlettalife ha incontrato l'autore che, tra una difficoltà e l'altra, ha risposto alle sue domande:

Perché hai deciso di scrivere un libro?
«Innanzitutto io ho sempre scritto filastrocche per gli amici. Poi, per esigenze didattiche, ho cominciato a scriverle per narrare la storia d'Italia dall'Antica Roma, al Medioevo, al Rinascimento, etc. I miei alunni non capivano molto bene questi argomenti, e ho pensato che le filastrocche sarebbero state di facile apprendimento. Ho dovuto fare di necessità virtù. Successivamente è successo quello che è successo: le mie condizioni di salute sono peggiorate, e per affrontare meglio le mie giornata ho deciso di raccogliere alcune delle mie filastrocche in un libro, integrandole con delle nuove e pubblicandole».

Quale insegnamento dovrebbero trarre i lettori dal tuo libro?
«Non ho nessuna pretesa. Scrivo per me. Poi se il lettore apprezza è bene, perché ne sarei contento. Comunque pare che il libro sia stato apprezzato».

Perché hai deciso di destinare parte del ricavato della vendita del libro all'AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla)?
«L'ho fatto per favorire la riabilitazione fisica e morale di chi viene colpito da questa malattia, che spesso è gente destinata all'emarginazione».

In base alla tua esperienza di vita, hai qualcosa da rimproverare alle istituzioni?
«Io mi ritengo un soggetto privilegiato, innanzitutto perché godo dell'assistenza domiciliare medica ed infermieristica del reparto di rianimazione dell'ospedale di Barletta; poi perché sono circondato da tante persone che mi sostengono, e il primo fra tutti è mio padre».

So che stai cominciando a scrivere un altro libro. Vuoi anticipare qualcosa a riguardo?
«La mia vita è una sfida continua e tu avrai capito che sono un tipo combattivo. Per me fare filastrocche significa entrare in un'altra dimensione, perché in quel modo mi sento vivo! È per questo motivo che continuo a scrivere. Poi non so che ne farò di questo nuovo libro, se lo pubblicherò o meno, si vedrà…»

Vuoi ringraziare qualcuno in particolare che ti ha aiutato nella stesura del libro, come anche nell'affrontare la tua malattia?
«Ce ne sono tante! A partire da Annalisa Napolitano, la mia fisioterapista, Maria Sterpeta Binetti, Valentino Nagel, Luciano Parabita, e a finire con tutti coloro che ho citato nelle ultime pagine del mio libro».

A chi bisogna rivolgersi per acquistare questa tua raccolta di filastrocche?
«Basta scrivere all'indirizzo mail valentinonagel1@virgilio.it. Dopo aver ricevuto la richiesta tramite posta elettronica, provvederemo noi ad organizzare la vendita».

Vuoi aggiungere qualcosa riguardo alla tua esperienza?
«…è dura!»
  • Intervista
Altri contenuti a tema
15 Da Barletta a Houston per fare ricerca: l'esperienza di Vincenzo Paolillo Da Barletta a Houston per fare ricerca: l'esperienza di Vincenzo Paolillo L'intervista al ricercatore barlettano, emigrato nel lontano Texas
16 ottobre 1983, Barletta-Bari 2-1: la decide Andrea Telesio 16 ottobre 1983, Barletta-Bari 2-1: la decide Andrea Telesio Intervista esclusiva al protagonista assoluto di una delle pagine storiche del Barletta Calcio
11 L'occhio di un barlettano per immortalare le celebrità L'occhio di un barlettano per immortalare le celebrità Joseph Cardo è stato ospite sabato per l'evento del Rotaract Barletta. Ha firmato prestigiosi servizi fotografici con grandi star
Federica Chisena si racconta: «Il mio futuro alla University of Oklahoma» Federica Chisena si racconta: «Il mio futuro alla University of Oklahoma» La barlettana è un’eccellenza del nostro territorio: ottimi risultati sportivi e tanti successi accademici che la condurranno Oltreoceano
«Barletta come un punto di riferimento per l'eccellenza nell'olio di oliva» «Barletta come un punto di riferimento per l'eccellenza nell'olio di oliva» La nostra città diventa "città dell'olio". Ne parliamo con Michele Paparella, brand manager LÓLIO
Sicurezza e contrasto alla criminalità, intervista al Colonnello Alessandro Andrei Sicurezza e contrasto alla criminalità, intervista al Colonnello Alessandro Andrei Approfondimento con il comandante provinciale dei Carabinieri sulla situazione nella Bat
“Come Lolita Lobosco”, la vita in Commissariato della dirigente Falco “Come Lolita Lobosco”, la vita in Commissariato della dirigente Falco Intervista a Francesca Falco, dirigente del Commissariato di PS di Barletta: «Le donne conferiscono sensibilità alla divisa»
La Bat tra risorse e limiti: il punto con Mario Landriscina, direttore Assoturismo Confesercenti La Bat tra risorse e limiti: il punto con Mario Landriscina, direttore Assoturismo Confesercenti «Purtroppo i numeri relegano la zona della Puglia Imperiale agli ultimi posti dello sviluppo commerciale-imprenditoriale-turistico della nostra regione»
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.