Maturità
Maturità
Scuola e Lavoro

Il lavoro scompare come i concorsi fantasma

I giovani ormai alla ricerca di mete chimeriche. Mare della legalità ormai inquinato

Da qualche anno, non fanno più parte della coreografica terra italica le maree di giovani, in attesa di accedere a luoghi molto ampi per accaparrarsi un posto di lavoro e dare una certa prospettiva al proprio futuro, ora sostituiti da lunghe file di giovani, sempre in attesa, di avere la possibilità che si consumerà, nello spazio di pochi minuti, di raggiungere una meta chimerica, soggetta a svanire nella quantità di tempo, servita per raggiungerla. Funzionavano, quasi da uffici di collocamento, le biblioteche ove potevano essere consultate le denominate "Gazzette Ufficiali" e sognare,a buon diritto, di essere prossimo alla "sistemazione" ossia al posto fisso, parecchio utile nel caso che si abitasse nelle zone con l'atavica fame di lavoro, certo e retribuito in maniera dignitosa.

Nel mondo del lavoro, quello che ruotava attorno al pubblico, fatte salve le debite eccezioni in senso negativo, navigava nel mare della legalità. Mare che, con ogni probabilità si è inquinato, lasciando spazi grandi come quelli delle sterminate praterie, lasciati alle scorrerie di eroi senza macchia e senza paura, divenuti gradualmente uomini moderni, alla ricerca di valori, tipici dei film western della serie "il volto rude dell'America" senza fantasmi. Se fantasmi poi ci sono stati nella BT sono quelli che circolano senza lenzuoli addosso e che incutono, più rabbia che paura, ai giovani, anche meritevoli, che cercano di inserirsi con criteri di correttezza nel mon do lavorativo, loro precluso da una classe dirigente che del lavoro, sancito dalla Costituzione come un diritto, lo utilizza politicamente, in maniera impropria, derubricandolo a mero strumento di convenienze politiche.

Certamente l'aver rotto, in maniera infantile, il giocattolo "posto di lavoro", propone un cambio di marcia e di direzione, che si prefigga il recupero del valore "lavoro", messo, da qualche tempo, in discussione e non disgiunto dal concederlo ai giovani con criteri di selezione, non alla guisa della Carboneria risorgimentale, bensì con criteri chiari e palesi sin dall'inizio dell'indizione, perché ora a guardarci non sono più i bambini, incollati alla televisione, ma i giovani, appellati, con gratuita faciloneria, bamboccioni senza meritarselo, perché, in fondo, una buona porzione di colpa appartiene ai denominati adulti.
  • Concorsi
  • Disagio giovanile
Altri contenuti a tema
3 "Mi dispiace", dramma tra i banchi di scuola a Barletta "Mi dispiace", dramma tra i banchi di scuola a Barletta Il folle gesto di un'adolescente, salvata dai professori
Digithon 2017, la seconda edizione delle idee digitali scalda i motori Digithon 2017, la seconda edizione delle idee digitali scalda i motori In programma dal 22 al 25 giugno tra Barletta e Bisceglie
5 Barletta, città di violenza sotterranea e adolescenze violate Barletta, città di violenza sotterranea e adolescenze violate L’angosciosa storia di alcune famiglie, un appello per tutti
"Miss Nonna Italiana", sul podio 3 nonne di Barletta "Miss Nonna Italiana", sul podio 3 nonne di Barletta L'ultima selezione si è svolta nella Città della Disfida
Tutti a scuola con il freddo, studenti di Barletta in rivolta Tutti a scuola con il freddo, studenti di Barletta in rivolta Accese le polemiche sui social, tanti gli interventi a mezzo stampa
“Scatta e vinci ”, Despar regala premi e sorrisi “Scatta e vinci ”, Despar regala premi e sorrisi Tra innovazione e divertimento: ecco il gioco di Despar
Concorso scuola 2016, al via le assunzioni per insegnanti Concorso scuola 2016, al via le assunzioni per insegnanti Da oggi si possono inviare le domande
"Full hug" di Damiano Lamonaca vince il premio Gold al Trierenberg Super Circuit di Linz "Full hug" di Damiano Lamonaca vince il premio Gold al Trierenberg Super Circuit di Linz L'intervista al fotografo barlettano, visionario della mobilità delle istantanee
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.