Ospedale
Ospedale
Associazioni

I sindacati contestano la struttura dipartimentale decisa dall'Asl Bt

Il provvedimento emesso il 31 dicembre dal Commissario Delle Donne

«Nonostante le innumerevoli sollecitazioni da parte delle scriventi OO.SS., tese a dare attuazione al vigente e attuale CCNL sul tema degli incarichi e la relativa graduazione, il cui regolamento giace ancora in fase di redazione e successiva discussione, per opportunità amministrativa, codesta Amministrazione Asl BT, in spregio a quanto previsto nel nostro ordinamento e con un atteggiamento assolutamente non improntato alla sana collaborazione tra la parte datoriale e quella sindacale, ha proceduto come sempre alla indizione di avvisi interni solo per "alcune" strutture e rimodulato l'atto aziendale per crearne di "nuove", senza alcuna condivisione con le OO.SS., fosse anche solo per illustrarne le motivazioni e capirne le esigenze che soggiacevano a tale scelta.

Abbiamo assistito pochi giorni fa a termine mandato da parte del Commissario e in attesa del nuovo Direttore Generale, l'istituzione inappropriata della ennesima Struttura Dipartimentale che neanche la Regione ha ancora previsto in nessun documento: la UOSVD " SET 118" della BT, nonostante le assicurazioni che i nuovi incarichi fossero dati dopo l'approvazione del nuovo atto aziendale e del relativo regolamento sugli incarichi e graduazioni delle funzioni. Nella Delibera n. 1332 del 28/07/2021, infatti, si legge che tale esigenza nasce dalla stessa Azienda BT che ne chiede l'istituzione alla Regione, "…con note prot. n. 39802/2020 e n. 75326/2020…", note di cui non se ne conosce l'eventuale riscontro, atteso che nell'atto deliberativo non risulta essere pubblicato come allegato. Quello che però salta all'occhio è che tale Struttura è talmente indispensabile da istituirla "…nelle more dell'emanazione dei provvedimenti attuativi da parte della Giunta Regionale…", provvedimenti regionali di cui non si ha, ancora oggi, conoscenza ufficiale.

Non solo la Direzione si è affrettata a variare l'atto aziendale, ma con la stessa solerzia, ha proseguito con l'espletamento dell'avviso interno e l'individuazione del Responsabile come si legge dalla Delibera N. 2375 adottata il 31.12.2021 quando a fine mandato, normalmente, si dovrebbe garantire solo la ordinaria amministrazione. Le scriventi OO.SS. hanno più volte stigmatizzato tale atteggiamento autoreferenziale con varie note con le quali si diffidava codesta Amministrazione dal "porre in essere ulteriori provvedimenti in contrasto con quanto disciplinato dal nuovo CCNL/2020, in assenza del nuovo e obbligatorio sistema di pesatura delle posizioni dirigenziali". E questo perché tali conferimenti di incarichi di fatto dovevano attendere la definizione del nuovo atto aziendale.

Più volte, nell'ambito delle prerogative sindacali, è stata richiesta, senza esiti alcuni, una valutazione approfondita del potenziale impatto che la nuova disciplina regolamentare, in materia di graduazione e attribuzione degli incarichi dirigenziali, avrebbe sulla intera Asl, ma si è preferito procedere con attribuzione di incarichi ad hoc, solo per alcune UU.OO., andando ad erodere le risorse del fondo del salario accessorio 2020 che, ad oggi, non risulta essere ancora certificato dagli organi competenti e non ancora costituito in via definitiva, per l'anno 2021, nonostante la nota regionale prot. del 16 dicembre scorso, di autorizzazione all'incremento dei fondi sul salario accessorio, alla luce del c.d. Decreto Calabria.

Alla luce di quanto suesposto con la presente si chiede l'immediata revoca della Deliberazione n. 2375 del 31/12/2021 e in autotutela la revoca della deliberazione 1332 di modifica dell'atto aziendale».
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Asl Bt
Altri contenuti a tema
Asl Bt incontra la delegazione CGIL Asl Bt incontra la delegazione CGIL «Una risposta migliore e non precaria rispetto ad assunzioni a tempo determinato»
Sanità service e internalizzazioni, la Fp Cgil Bat manifesta davanti alla sede della Asl Sanità service e internalizzazioni, la Fp Cgil Bat manifesta davanti alla sede della Asl Appuntamento ad Andria il 17 maggio. Ileana Remini: “Gli impegni non possono essere disattesi, servono risposte certe subito”
Donati fegato e reni grazie a un 81enne di Barletta Donati fegato e reni grazie a un 81enne di Barletta In vita aveva espresso la volontà di donare gli organi
Ospedale di Bisceglie: sospesi i ricoveri Covid in due reparti. I presidi di Andria e Barletta dovranno gestirsi i loro pazienti Ospedale di Bisceglie: sospesi i ricoveri Covid in due reparti. I presidi di Andria e Barletta dovranno gestirsi i loro pazienti La decisione a firma della Dg dott.ssa Tiziana Dimatteo e del Direttore Sanitario dott. Alessandro Scelzi
Psoriasi: l'ambulatorio di Barletta è l'unico prescrittore di farmaci biologici Psoriasi: l'ambulatorio di Barletta è l'unico prescrittore di farmaci biologici «Ha permesso un controllo ottimale della malattia, con tassi di risposta e regressione molto elevati»
Pasquale Caputo, dal 6 maggio ripercorrerà le orme di suo padre Pasquale Caputo, dal 6 maggio ripercorrerà le orme di suo padre Da Barletta per raggiungere Monaco e visitare i luoghi in cui è stato prigioniero suo padre
Radiologia: il congresso medico-scientifico a Barletta Radiologia: il congresso medico-scientifico a Barletta Proseguirà sino a giovedì 5 maggio
Donazioni di sangue: trend positivo per il 2021 Donazioni di sangue: trend positivo per il 2021 Oggi si sono tenute delle donazioni straordinarie in collaborazione con Avis e con le forze armate
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.