Lettera
Lettera
La città

Gli alberi muoiono e i bimbi chiedono aiuto alle industrie di Barletta

Letterine "speciali" degli alunni della "Musti-Dimiccoli", «questo regalo Babbo Natale non può portarlo nel suo sacco»

«Abbiamo scritto a Babbo Natale ma scriviamo anche a te perché questo regalo Babbo Natale non può portarlo nel suo sacco. Per favore, puoi adottare gli alberi che circondano la nostra scuola?». È una delle letterine natalizie scritte dagli alunni della scuola primaria dell'istituto comprensivo "Musti-Dimiccoli", ma in questo caso il destinatario non è il buon rubicondo Babbo Natale, bensì le due grandi industrie di Barletta, la Timac e la cementeria.

I bimbi si sono rivolti alle due aziende per invocare aiuto e attenzione nei confronti degli alberi che circondano la loro scuola. Gli alberi lungo via Palestro hanno un pessimo aspetto, e ogni giorno sono vittime anche della sciatteria e dell'inciviltà di tanti concittadini che usano quelle aiuole come pattumiera per gli escrementi dei propri cani, senza ripulire. In più, anche il giardino alle spalle dell'istituto, aperto dopo anni alla cittadinanza dal sindaco, versa nel degrado. Ci sono alberi a un passo dall'avvizzimento e il verde appare sofferente.

Ecco alcune delle lettere più significative:«Gli alberi e il giardino sono per il quartiere un piccolo polmone verde - ci racconta Maddalena Dibello, insegnante di scuola primaria presso la scuola Musti-Dimiccoli - Per noi, si tratta di un'area didattica molto importante poiché i bambini possono scoprire ed osservare direttamente i cambiamenti che le varie stagioni producono. Inoltre gli alberi, purtroppo, sono oggetto di "grande attenzione" da parte dei cani che abitano in zona i cui padroni non sono molto attenti e non puliscono. Non c'è alcun pregiudizio contro i cani, ma la situazione è diventata invivibile considerato che su quei marciapiedi giocano i bambini».
Alberi nei pressi della scuola MustiAlberi nei pressi della scuola MustiAlberi nei pressi della scuola MustiAlberi nei pressi della scuola Musti
Così, sulla scorta dell'iniziativa lanciata qualche mese dal Comune di Barletta, per l'adozione di aree verdi già esistenti da parte di privati cittadini o di aziende, i piccoli alunni si sono rivolti alle due grandi fabbriche barlettane per suscitare il loro interesse al fine di far adottare loro gli alberi perimetrali della scuola e, quando sarà possibile, anche il giardino della "Musti".

Sarebbe un bel regalo di Natale, che farebbe contenti i bambini ma anche tutta la collettività. Un gesto simbolico che porterebbe il segno della rinascita, verde come le foglie e la speranza.
  • Salvaguardia ambientale
  • Istituto Comprensivo “Musti-Dimiccoli”
Altri contenuti a tema
Nucleo IFAE di Barletta, un anno di intensa attività sul territorio Nucleo IFAE di Barletta, un anno di intensa attività sul territorio Aumentati gli illeciti ambientali, come bracconaggio e abbandono selvaggio dei rifiuti
Ulivi estirpati a Trani, Piarulli: «Gli alberi sani vanno sempre tutelati» Ulivi estirpati a Trani, Piarulli: «Gli alberi sani vanno sempre tutelati» Il fatto è accaduto in un terreno privato tra Barletta e Trani, lungo la vecchia statale 16
Palloncini bianchi a mezzanotte, meglio di no Palloncini bianchi a mezzanotte, meglio di no Le associazioni ambientaliste contro l'invito che da giorni è diffuso sui social e su Whatsapp
2 A Barletta il regalo sotto l'albero è un albero abbattuto A Barletta il regalo sotto l'albero è un albero abbattuto C'era tempo fino al 7 dicembre per opporsi alla decisione
8 Ecco il colorato paradiso nascosto sui fondali di Barletta Ecco il colorato paradiso nascosto sui fondali di Barletta Le immagini, condivise sui social da Legambiente, mostrano lo splendore della vita sott'acqua
Da Parigi a Barletta, la storia della professoressa francese Gniccky Ben Da Parigi a Barletta, la storia della professoressa francese Gniccky Ben Ogni giorno raccoglie i rifiuti in via Mura del Carmine, il plauso del sindaco
Sport e salvaguardia dell'ambiente a Barletta, cos'é il "plogging"? Sport e salvaguardia dell'ambiente a Barletta, cos'é il "plogging"? L'iniziativa spontanea di alcune appassionate sportive barlettane
1 Binetti: «Guanti e mascherine abbandonati sulle spiagge di Barletta» Binetti: «Guanti e mascherine abbandonati sulle spiagge di Barletta» L’appello per salvare il mare di Barletta: dopo il COVID-19 rischio emergenza rifiuti
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.