Palloncini
Palloncini
Associazioni

Giornata contro la violenza sulle donne, «servono esempi positivi»

Intervengono le referenti di "Se non ora, quando?" Barletta

«Nella società del "black friday" nessuno sconto per le donne vittime di violenza. Stando al quarto Rapporto Eures sul femminicidio in Italia, sono 3000 le vittime dal 2000 ad oggi e sono 114 le donne vittime di femminicidio nei primi dieci mesi del 2017. Sono dati che gelano il sangue e che dovrebbero porre la dovuta attenzione sul tema e non buttarla in caciara». Scrivono così le referenti di "Se non ora, quando?" Barletta Annabella Corsini e Giuliana Damato.

«Pensiamo all'affaire Weinstein, che da settimane tiene banco, le imputate sono le donne per denuncia differita. Idem accade in Italia quando due ragazze americane si permettono di denunciare due carabinieri di stupro. E poi c'è il dilemma shakespeariano "avance o molestia, questa è la domanda?!" La verità è che una donna vittima di violenza in questa società non si sente né protetta, né accolta ma giudicata. I "se l'è cercata", "poteva dire no", "la gonna era troppo corta" sono le pietre scagliate da uomini e donne contro chi ha avuto il coraggio di parlare. Non importa il tempo che hanno impiegato ad ammettere a loro stesse di aver subito una violenza fisica e/o psicologica, l'importante è compiere quel passo importante e indispensabile per provare a risalire la china e tornare a vivere. Bisognerebbe solo abbracciarle queste sopravvissute e non violarle ancora. Ma, d'altronde, da un paese in cui uomini delle istituzioni -nazionali e locali- offendono colleghe con battute sessiste, che fanno ancora più schifo proprio per il ruolo istituzionale rappresentato da questi omuncoli, cosa possiamo mai aspettarci? È evidente la necessità di promuovere una cultura di genere, non lavandosi la coscienza solo il 25 novembre.

È necessario un lavoro di semina puntuale e certosino, tra le bambine e i bambine di oggi, futuri uomini e donne di domani, dando esempi ed insegnamenti positivi. Questo è il mantra del "Se non ora, quando? - Barletta" e a chi ci dirà, dandoci delle femministe nostalgiche, noi risponderemo scendendo in piazza a Roma per la manifestazione nazionale con un corale perché "le strade libere le fanno le donne che le attraversano"».
  • Donne
  • Se non ora quando?
Altri contenuti a tema
1 Assuntela Messina: «Servono subito incentivi per il lavoro alle donne» Assuntela Messina: «Servono subito incentivi per il lavoro alle donne» «I dati della Svimez sulla condizione delle donne al Sud sono preoccupanti»
Danza e manichini animati, un inedito flash mob a Barletta Danza e manichini animati, un inedito flash mob a Barletta L'iniziativa in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne
Cgil Bat: «Donne libere dalla violenza nel lavoro (e non solo)» Cgil Bat: «Donne libere dalla violenza nel lavoro (e non solo)» Le riflessioni delle donne del sindacato in occasione della giornata contro la violenza sulle donne
Contro la violenza sulle donne la giunta di Barletta ci mette la faccia Contro la violenza sulle donne la giunta di Barletta ci mette la faccia Il sindaco Cannito: «Da uomo chiedo scusa a tutte le donne»
L'impegno delle donne di FIDAPA contro la triste piaga delle persone scomparse L'impegno delle donne di FIDAPA contro la triste piaga delle persone scomparse Convegno promosso dalle sezioni FIDAPA di Canosa, Andria, Barletta, Corato, Spinazzola e Trani
6 Imprenditoria femminile, Confesercenti premia Laura Boldrini Imprenditoria femminile, Confesercenti premia Laura Boldrini Anche la presidente della Confesercenti Bat Antonietta Caffarella presente nella delegazione  
“Soffi di speranza”, Barletta a sostegno delle donne contro la violenza “Soffi di speranza”, Barletta a sostegno delle donne contro la violenza Presentati gli appuntamenti in programma oggi e domani
1 La campionessa Paola Piazzolla contro la violenza di genere La campionessa Paola Piazzolla contro la violenza di genere L'atleta barlettana: «E' un tema che mi sta molto a cuore»
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.