Non voglio morire precario
Non voglio morire precario
Scuola e Lavoro

Festa dei lavoratori, senza granchè da festeggiare

Buon primo maggio ai giovani e ai disoccupati. Stabilità lavorativa, solo un sogno

C'era un tempo in cui il primo maggio, festa nazionale dei lavoratori, era un'occasione sentita e partecipata, un giorno di ferie per prendere fiato in periodi di lavoro stressante e senza sosta. Adesso il primo maggio è un giorno lavorativo come tanti altri, fatto di telefonate, appuntamenti, corse senza sosta, pur di arrotondare il bilancio familiare. Nella festa dei lavoratori 2013 c'é ben poco da festeggiare.

Le aziende chiudono, e quelle che resistono rifiutano di assumere nuovi lavoratori. La difficoltà a pagare stipendi, a garantire la cassa integrazione, a trovare un posto di lavoro sicuro è all'ordine del giorno, e non basta il concertone di Piazza San Giovanni a Roma a cancellare nell'esaltazione musicale i drammi di tanti uomini e donne della nazione. A patirne le conseguenze sono soprattutto i giovani: con il più alto tasso di disoccupazione giovanile, l'Italia produce una vasta schiera di giovani laureati preparatissimi e iper-specializzati, talentuosi e pieni di energia, ma che il più delle volte sono costretti a scegliere mete estere per la ricerca di un lavoro congruo alla propria formazione.
Perché chi resta in Italia o è matto o è combattivo: c'è chi il lavoro se lo inventa, e c'è chi tenta mille strade diverse pur di mettere insieme meno di mille euro al mese. Nel giorno della festa dei lavoro, i lavoratori sono ancora in azienda, in ufficio, oppure davanti a un monitor a scrutare annunci di lavoro. Il primo maggio deve ritornare al suo significato originario: non un giorno di festa come altri, ma un giorno di consapevolezza e di opportunità.

Siamo nel paese della crisi e dei privilegi, dove pochi festeggiano e molti si disperano.
Foto: ilfattoquotidiano.it
  • Lavoro
  • Disagio giovanile
Altri contenuti a tema
A Barletta in piazza contro le chiusure: «Siamo tutti essenziali» A Barletta in piazza contro le chiusure: «Siamo tutti essenziali» La mobilitazione pacifica di questa mattina
1 Lavoratori agricoli esclusi dai sostegni economici, la mobilitazione a Barletta Lavoratori agricoli esclusi dai sostegni economici, la mobilitazione a Barletta I sindacati: «Zero sostegni, zero diritti. In piazza per fa sentire la nostra voce»
«I commercianti, gli artigiani e i piccoli imprenditori definiti “non essenziali” non sono untori» «I commercianti, gli artigiani e i piccoli imprenditori definiti “non essenziali” non sono untori» Le Strade dello Shopping scrivono ai sindaci della provincia Bat
Parrucchieri e barbieri, «perché mettere in ginocchio tanti professionisti?» Parrucchieri e barbieri, «perché mettere in ginocchio tanti professionisti?» Il vicepresidente del Consiglio regionale pugliese presenterà un mozione
1 Lockdown di aprile, passa anche da Barletta la protesta di commercianti e partite IVA Lockdown di aprile, passa anche da Barletta la protesta di commercianti e partite IVA Le scelte delle istituzioni scatenano l’ira dei negozianti
Sostegni economici: «Il governo rivolga attenzione alle aziende pugliesi» Sostegni economici: «Il governo rivolga attenzione alle aziende pugliesi» Le parole dell'assessore regionale allo sviluppo economico
Servizi sociali, a Barletta percorsi formativi per contrastare la povertà Servizi sociali, a Barletta percorsi formativi per contrastare la povertà Le iniziative per acquisire una qualifica professionale o un attestato di frequenza
Ristorazione e Coronavirus, come uscire dall'emergenza Ristorazione e Coronavirus, come uscire dall'emergenza L’incontro pubblico dell’Imahr all’Ottagono di Andria per fare il punto
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.