Offesa
Offesa
Associazioni

«Esclusi dalla Disfida», protestano alcuni gruppi storici di Barletta

Disappunto da parte dei gruppi barlettani "Bardulos" e "I Cavalieri del Mito"

Due lunghe lettere pubblicate sui social dal gruppo storico barlettano "I Cavalieri del Mito" e dal gruppo teatrale "Bardulos", esclusi quest'anno dagli eventi legati alla Disfida di Barletta, tingono di amarezza e rammarico gli appuntamenti che si stanno svolgendo in questi giorni in città. «Per ben cinque edizioni dal 2014/2018 con sacrificio, dedizione e passione incondizionata abbiamo rivesto il ruolo dei 13 Cavalieri Italiani - scrivono "I Cavalieri del Mito" - facendo fronte alle enormi difficoltà che un evento di questa portata comporta, soprattutto quando le risorse economiche a disposizione sono limitate. I soldi di cui oggi dispone l' amministrazione Cannito sono il risultato di finanziamenti proveniente da più parti (regione, ministero ect..) erogate anche in virtù della partecipazione a bandi di concorso che imponevano quale condizione necessaria per l'ottenimento del finanziamento l'aver ripetuto l'evento per il quale si chiedeva il contributo per più anni CONSECUTIVI. Anche in questo evidentemente abbiamo dato il nostro contributo più che concreto!» [...] «Ci si chiede: "quando i soldi finiranno... cosa già avvenuta in passato e che non tarderà a ripetersi visti i costi esorbitanti di questa edizione..." cosa ne sarà della Disfida di Barletta.... baluardo dello sviluppo turistico che in tanti si affrettano a paventare in ogni edizione?».



Amarezza condivisa dal gruppo storico Bardulos, tradizionalmente interpreti della rievocazione dell'Offesa: «Barletta, la sua Amministrazione e l'organizzazione che quest'anno ha ricevuto tanta investitura nell'organizzare l'amata Disfida, hanno ritenuto, con grande freddezza, che non avevano bisogno di noi. Tale freddezza non ci era però riservata solo qualche tempo fa, quando il comune di Barletta poteva aver bisogno del nostro gruppo e ci convocava con poco obolo, perché siamo appassionati, perché "bisogna resistere e alla fine faremo una Disfida più grande". Il Comune in quei momenti firmava determine che premiavano poco i gruppi barlettani che pur dovevano coprire spese di abiti, armature, prove, affitti. Elementi che la passione prova a coprire ma che non posso essere sempre pagati con la passione. Il Comune ancora in quei momenti non ci chiedeva curriculum, non voleva sapere che da 15 anni giriamo l'Italia con la stessa passione portando il calore della Disfida di Barletta ben indicando sul proprio gonfalone una certa città: Barletta. Proverbialmente poco amante dei propri compaesani. [...] Con orgoglio recavamo il nostro essere di Barletta, la città della Disfida. Orgoglio mostrato ad Alberto Angela, simpatico e professionale divulgatore della trasmissione Rai "Ulisse", quando la trasmissione parlò della cantina della Sfida e di Barletta, fu il nostro gruppo a mostrarne la veracità e la storia. L'apprezzato presentatore e il noto regista Cipollitti si congratularono con noi. Ma a quanto sembra tutto passa e lascia l'amarezza. [...] Sicuramente non si tratta di un problema economico data la gran quantità di denari garantiti ad altri gruppi e ad altri servizi, per la quasi totalità esterni alla città di Barletta. Nessun segreto: l'Albo Pretorio del Comune reca numeri a cinque cifre che invitiamo tutti a controllare per avere contezza di ciò che sta succedendo. E da tenere ben presente a consuntivo della manifestazione. Una Disfida dunque non di Barletta. Forse per i Barlettani, forse per i (pochi) turisti ma non di Barletta. Ne prendiamo atto. Con un tono freddo quale quello che ci è stato riservato. L'augurio che vada tutto bene è ovviamente presente, questa volta con il giusto calore. Amiamo troppo la nostra città per confondere le questioni».

  • Disfida di Barletta
Altri contenuti a tema
«Barletta marinara: una fondazione tra plastilina e ritorno di pirati caserecci?» «Barletta marinara: una fondazione tra plastilina e ritorno di pirati caserecci?» Una lettera di Nicola Palmitessa (Centro studi: La cittadella Innova)
Disfida di Barletta 2019, «quando la teatralità sconfigge la storicità vince la mediocrità» Disfida di Barletta 2019, «quando la teatralità sconfigge la storicità vince la mediocrità» Il giornalista Nino Vinella scrive al ministro dei beni culturali Franceschini​
La vera "disfida" di Barletta è la donazione del sangue La vera "disfida" di Barletta è la donazione del sangue L'artista Borgiac realizza un murale originale presso la sede della Fidas
Disfida di Barletta 2019, «freddo videogame teatrale» Disfida di Barletta 2019, «freddo videogame teatrale» Una riflessione di Nicola Palmitessa (Centro Studi: La Cittadella Innova)
2 «Viva Barletta, città della Disfida!»: le parole del sindaco Cannito «Viva Barletta, città della Disfida!»: le parole del sindaco Cannito «Certi che molti aspetti possano essere migliorati, cercheremo di rendere l'evento sempre più di respiro nazionale»
2 Disfida di Barletta 2019, tra rievocazione e spettacolo. Le foto del Certame Disfida di Barletta 2019, tra rievocazione e spettacolo. Le foto del Certame Tanta la partecipazione non solo dei cittadini di Barletta ma anche dei turisti
Disfida di Barletta 2019, il certame in diretta televisiva Disfida di Barletta 2019, il certame in diretta televisiva Tutte le informazioni per seguire l'evento da casa
Disfida di Barletta, ieri sera l’Offesa al Monte di Pietà Disfida di Barletta, ieri sera l’Offesa al Monte di Pietà Il programma di questa sera e domani
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.