Lega navale Bitta
Lega navale Bitta
Territorio

EPASS e Lega Navale, collaborazione di solidarietà

Conoscenza e convivenza di due realtà affini. A disposizione risorse complementari

Domenica, 5 settembre 2010, sarà dato seguito all'iniziativa di una passeggiata in barca che vedrà protagonisti alcuni ospiti e operatori delle comunità riabilitative psichiatriche EPASSS (Ente provinciale Acli Servizi Sociali e Sanitari) presenti sul territorio di Barletta ASL BAT.

Le comunità riabilitative ospitano utenti su invio esclusivo dei CSM (Centri di salute mentale) della AL BAT. Lo staff è composto da educatori professionali e operatori socio-sanitari: coordinatore della CRAP Raffaele Lanotte, coordinatore della Comunità Alloggio Pino Cascella, responsabile sanitario dr. Giuseppe Roselli, psicologo dr. Saverio Costantino.

Questa iniziativa è il frutto di una collaborazione con la Lega Navale di Barletta a nome del Consiglio Direttivo Sezionale.

Far vivere questa esperienza, per alcuni unica, rappresenta un mediatore pedagogico per avvicinarsi a contesti, iniziative, discipline e modi di vivere diversi. Il mare porta con se messaggi di grande intensità emotiva: viverlo necessita di grande rispetto e soprattutto il rispetto delle regole. Condividere questa esperienza con la Lega Navale, che vanta circa ottocento Soci, significa essere portatori di un messaggio dirompente di conoscenza della diversità. Il dr. Saverio Costantino, psicologo dell'EPASSS, afferma: "poter condividere, produce conoscenza più di una conferenza, dove non vi è contaminazione di modi diversi di interpretare la vita. La sofferenza psichica la conosce chi la vive, chi vive a contatto con un familiare, amico, conoscente. Questa contaminazione offre sempre una opportunità per crescere e migliorarsi". Gli ospiti seguono un percorso riabilitativo con un progetto individualizzato che prevede varie attività di laboratorio e risocializzanti. Prendere parte alla vita sociale è sempre un viaggio difficile ma interessante, bisogna sgombrare il campo da pregiudizi che a volte creano soltanto ostacoli e false conoscenze. La lotta allo stigma è efficace se si produce corretta conoscenza.

Stare insieme, Domenica, segnerà solo un primo passo verso altri impegni concordati con La Lega Navale di Barletta. Come un corso di vela, momenti di animazione comuni, ed altro, avranno sicuramente una ricaduta anche su altri territori dove opera l'EPASSS. Insieme si distribuiscono sinergie che servono a produrre risultati apprezzabili. Oltre a questo, ognuno può sentire suo un piccolo tratto del lavoro e identificarsi, quindi valorizzarlo.

La Lega Navale di Barletta e l'EPASSS sono le due diversità che hanno deciso di appartenersi: mettere a disposizione le risorse complementari per il bene comune e dare, a chi è più sfortunato, opportunità per emanciparsi.
  • Lega Navale
  • Mare
Altri contenuti a tema
6 Il mare di Barletta promosso da Arpa Puglia e Goletta Verde Il mare di Barletta promosso da Arpa Puglia e Goletta Verde Pubblicati i risultati del monitoraggio delle acque di balneazione della costa barlettana
Si allontana in mare a Barletta, ma quando viene salvato fugge via Si allontana in mare a Barletta, ma quando viene salvato fugge via Si presume che l'uomo soccorso fosse in stato di ebbrezza
Nominati "Guardiani del Mare" gli alunni della scuola "Dibari" di Barletta Nominati "Guardiani del Mare" gli alunni della scuola "Dibari" di Barletta Coinvolti i bambini della classe 2F nel progetto dell'ambientalista Antonio Binetti
Tragedia evitata nel mare di Barletta, salvato 65enne in difficoltà Tragedia evitata nel mare di Barletta, salvato 65enne in difficoltà È accaduto questa mattina, nelle acque antistanti il lido "ANMI"
«Una citta che vive sul mare è una città aperta e libera» «Una citta che vive sul mare è una città aperta e libera» Barletta celebra la Giornata del Mare 2022 con gli studenti delle scuole
Barletta partecipa alla "Giornata nazionale del mare e della cultura marinara” Barletta partecipa alla "Giornata nazionale del mare e della cultura marinara” Durante la giornata verrà rilasciata in mare una tartaruga caretta-caretta
Mare inaccessibile di Barletta Mare inaccessibile di Barletta «La manutenzione deve essere garantita 365 giorni l'anno, per consentire l'accesso al mare anche nei mesi primaverili ed invernali»
Plastica anni '70 sulla spiaggia di Barletta: c'è ancora il prezzo in lire Plastica anni '70 sulla spiaggia di Barletta: c'è ancora il prezzo in lire Veri e propri reperti vintage ritrovati sulle coste pugliesi
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.