Marco Amorosi - Barletta
Marco Amorosi - Barletta
Viva

Da un sasso ad una casa: l'incredibile viaggio che passa da Barletta

Il progetto realizzato da Marco Amorosi e Raniero Bergamaschi, studenti di comunicazione

Laureati all'inizio del 2021, quando tutto il mondo cercava di misurarsi con un virus globale, Marco Amorosi e Raniero Bergamaschi tra le difficoltà materiali e psicologiche di quel periodo, diventano dottori in Comunicazione. Questo sogno ha come ambientazione Milano e l'Università Cattolica, la città che per prima si è aperta all'innovazione nel mondo della comunicazione, combinando marketing, audiovisivo e scrittura.

Ma è davvero possibile, attraverso il baratto, scambiare un sasso fino ad arrivare a una casa?

Raniero è un amante del cinema, Marco appassionato di social in tutte le sue declinazioni, in particolare YouTube. Oggi hanno intrapreso percorsi diversi, ma c'è stato un momento preciso in cui la loro strada si è intrecciata, tutto per un sogno, un progetto condiviso.
«All'inizio ero solo – dice Amorosi – in questo progetto. Quando dopo sole 24 ore mi è stata offerta una bicicletta per un sasso, ho capito che c'era dell'assurdo e avevo bisogno di una mano per documentare questa storia».

Tutto è partito da un annuncio di un sasso su Facebook, che ho scambiato con una bicicletta. Raniero rimane sbalordito da quanto Marco gli comunica per telefono, vorrebbe correre da Piacenza – città in cui lavora – a Milano, ma siamo in piena pandemia e tutto era frutto di una strana casualità. Marco è consapevole di quanto sia importante comunicare un progetto sui social, così almeno per un primo momento, si improvvisa videomaker e il suo coinquilino cameraman.

Il primo scambio, quello che ha dato inizio a tutto, ha avviato un progetto molto più grande di quello che si pensa: un'interconnessione in cui le persone rimangono legate da oggetti che scambiano. «Avevo un sasso, l'ho preso e ho fatto una foto. Dopo, ci ho pubblicato un annuncio e ho aspettato proposte. Le aspetto da persone del tutto casuali, riproponendo una sorta di baratto in cui non viene misurato il valore. Il filo condutture è l'assurdo, c'è dell'assurdo in questa avventura. Il vero baratto non è tra i due oggetti, ma la possibilità di entrare in questa rete di scambi. Mi sono ispirato a Kyle McDonald che dopo 14 scambi è passato da una graffetta a una casa, vorrei però limitarmi all'Italia e quindi analizzare esclusivamente questo contesto».

Ma perché proprio un sasso e non una graffetta?
«Volevo qualcosa di comune, che potesse appartenere a me o a qualsiasi altra persona, qualcosa senza un reale proprietario. Poi ho deciso di personalizzarlo e di scriverci sopra il nome del progetto e cioè HabereNonHaberi. Così UN sasso è diventato IL sasso da cui è partito tutto».

Quando siete arrivati a Barletta?
«Al settimo scambio. Avevamo un orologio e questo signore di Barletta – Pietro Parente - ci ha contattato chiedendoci con cosa volessimo scambiarlo. Abbiamo fatto lo scambio nella sua azienda, un'antica fabbrica di divani e alla fine ho ricevuto una moto Suzuki. La cosa bella è che dietro ogni oggetto c'è una storia. La moto, per esempio, era un simbolo per questa famiglia, è sempre appartenuta a loro».
In questa storia familiare ci è entrato Marco e il suo collega Raniero, allargando il concetto di famiglia e diventando quasi un villaggio globale unito da continui scambi.

«Ci piace fare gli scambi nelle città in cui l'oggetto risiede, è un modo per viaggiare e conoscere. Stando a Barletta abbiamo scoperto che è anche chiamata "Città della Disfida", abbiamo conosciuto tantissima gente. Poi è successo che siamo rimasti in giro con un signore di nome Savino per tutto il pomeriggio ed è assurdo pensare al fatto che prima di quel momento, per noi era un estraneo. Ci ha fatto conoscere la Lega Navale che abbiamo ringraziato nel video su YouTube».

L'obiettivo è arrivare a una casa, ma che non sia un punto d'arrivo. Ai comunicatori piacerebbe realizzare in quello spazio la gestione di un nuovo progetto, usarlo come spazio di lavoro.

«Ho deciso di cambiare il punto d'arrivo rispetto a Kyle McDonald perché la fine del viaggio prevede sempre una casa, ma ne abbiamo cambiato il significato. Non un'abitazione, ma uno spazio per nuove idee, nuovi valori e nuovi progetti».
Storie da giovani

Storie da giovani

Un modo per i ragazzi di raccontare la loro storia

15 contenuti
Altri contenuti a tema
La storia di Giuseppe: come Milano ha unito lo studio alla sua passione La storia di Giuseppe: come Milano ha unito lo studio alla sua passione È possibile trasformare la propria passione in lavoro?
Fabiana e il make-up: dal red carpet di Venezia a Vogue Italia Fabiana e il make-up: dal red carpet di Venezia a Vogue Italia La storia di una giovane ventiduenne partita da Barletta e arrivata a Milano
20 Rossella: «Ho scelto di restare e di aiutare le mia città con il progetto #iNudge» Rossella: «Ho scelto di restare e di aiutare le mia città con il progetto #iNudge» «Oggi credo che qui qualcuno debba restare»
1 «Sono stata aggredita nel portone di casa, per anni non sono più riuscita a tornare da sola» «Sono stata aggredita nel portone di casa, per anni non sono più riuscita a tornare da sola» La storia di Martina, sopravvissuta a una aggressione
1 «Vivo la mia sessualità e credo in Dio, dov'è il peccato?» «Vivo la mia sessualità e credo in Dio, dov'è il peccato?» È cresciuto a Barletta, come seconda casa la Chiesa di San Nicola, adesso è libero di essere se stesso a Milano
«Ho portato a Siena il dialetto barlettano e ne sono orgogliosa» «Ho portato a Siena il dialetto barlettano e ne sono orgogliosa» Il lavoro di laurea di Aurora Diella sulle origini del nostro dialetto
Chiamatemi solo Saso: «Tutto il dolore mi è stato utile» Chiamatemi solo Saso: «Tutto il dolore mi è stato utile» Salvatore nasce come ballerino a Barletta, ma l'istinto l'ha portato in un'altra direzione
Perchè anche a Barletta ci sono sempre meno giovani disposti a fare i camerieri? Perchè anche a Barletta ci sono sempre meno giovani disposti a fare i camerieri? La storia di Alessandro e i ristoratori che lamentano la scarsità di proposte di lavoro da parte dei giovani
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.