Crollo di via Roma
Crollo di via Roma
La città

Crollo di via Roma, sotto controllo il protocollo per la sicurezza sul lavoro

In Regione il primo incontro di verifica tra Cgil, terzisti manifatturieri e istituzioni

Un momento di confronto necessario per capire lo stato di attuazione del protocollo del 3 ottobre del 2012 siglato in occasione dell'anniversario del crollo di via Roma a Barletta, così come previsto dalla stessa intesa, si è svolto nei giorni scorsi presso l'assessorato al lavoro ed alla formazione professionale su convocazione dell'assessore regionale Sebastiano Leo. Attorno al tavolo, che si è riunito su sollecitazione della Cgil e della Filctem (la categoria dei lavoratori manifatturieri), si sono seduti gli stessi firmatari dell'accordo, ovvero Regione, Comune, sindacati ed il Consorzio 5 Stelle, nato all'indomani della tragedia.

La verifica del protocollo sulla sicurezza sui luoghi di lavoro serve «a fare il punto sullo sviluppo del settore e sulle nuove attività produttive per comprendere come si siano evolute nel tempo le dinamiche occupazionali nel Consorzio e la stabilizzazione del personale, per la lotta e contrasto al sommerso e tutte le forme di dumping contrattuali, che erano poi gli obiettivi stessi del protocollo al fine di promuovere la cultura della legalità e la sicurezza sui luoghi di lavoro», spiega il segretario generale della Cgil Bat, Giuseppe Deleonardis.

«Le imprese, lo ricordiamo, si impegnavano nella fase di start-up delle nuove attività ad assumere il personale con contratto di lavoro a tempo indeterminato part-time con una progressione tale da diventare full-time ed a costruire un asilo nido per le lavoratrici dipendenti. Il Comune di Barletta si impegnava a introdurre ogni utile incentivo e/o agevolazione in favore delle imprese che localizzano nell'area, in materia di trasporto, rifiuti, imposte di pubblicità e a promuovere le procedure finalizzate all'applicazione della "burocrazia zero" ove necessario. Inoltre, le parti si sarebbero dovute incontrare una volta all'anno per monitorare l'andamento dei processi e per concertare programmi di formazione delle lavoratrici, per realizzare progetti che portino al consolidamento del façon di qualità, anche attraverso la costituzione di un marchio proprio di impresa "libera dal lavoro nero"».

«Oltre che prevista nell'intesa riteniamo che la verifica del protocollo sia necessaria per invertire una situazione generale fatta sempre più di illegalità ed evasioni contrattuali come emerso dai dati drammatici dei controlli dell'Ispettorato del Lavoro nel 2016 nella nostra provincia, in cui il settore manifatturiero è interessato fortemente da fenomeni di illegalità, evasioni contrattuali e normative e lavoro nero, si parla del 67 percento. Tornando al protocollo del 3 ottobre, siamo disponibili ad affrontare qualsiasi discussione, inclusa quella del rilancio del marchio che di fatto non è stato mai registrato. Così come siamo pronti ad intercettare finanziamenti per la formazione del personale per dare una risposta alla mancanza di professionalità lamentata dalle imprese nell'incontro con l'assessore Leo in Regione ma tutto deve passare dalla stabilità e dalla qualità del lavoro. Quel protocollo fu una scommessa che noi siamo pronti a rilanciare a patto che si crei sviluppo e sana occupazione».

A conclusione del confronto, l'assessore Leo, proponendo l'aggiornamento del tavolo si è impegnato a convocare un altro incontro alla presenza anche dell'assessore alle attività produttive della Puglia, Loredana Capone.
  • Cgil
  • Lavoro nero
Altri contenuti a tema
Asl Bat, superamento del precariato: «Assunzioni di Oss e infermieri stabili e durature» Asl Bat, superamento del precariato: «Assunzioni di Oss e infermieri stabili e durature» L'intervento della segreteria provinciale della Funzione pubblica Cgil Bat
25 novembre, Lacerenza (Cgil Bat): «Dove sono le politiche per le donne?» 25 novembre, Lacerenza (Cgil Bat): «Dove sono le politiche per le donne?» «È necessario riflettere sulla condizione delle donne ed impegnarsi per un mondo del lavoro più equo»
4 Covid-19, la proposta: «Test rapidi nella Bat come in Alto Adige» Covid-19, la proposta: «Test rapidi nella Bat come in Alto Adige» Biagio D'Alberto (Cgil Bat): «Lo screening di massa permetterebbe di stanare gli eventuali positivi asintomatici»
Blocco degli straordinari, domani sciopero del personale di E-Distribuzione Blocco degli straordinari, domani sciopero del personale di E-Distribuzione «Anche nelle nostre province di Bat e Foggia servono nuove assunzioni di giovani»
Nessun “Covid-Hotel” nella Bat: «Dimenticanza o scelta?» Nessun “Covid-Hotel” nella Bat: «Dimenticanza o scelta?» A sollevare la questione il segretario generale Cgil Bat Biagio D’Alberto
Contratto non rinnovato, il 13 novembre sciopero dei lavoratori del multiservizi Contratto non rinnovato, il 13 novembre sciopero dei lavoratori del multiservizi Un contratto scaduto da oltre 7 anni, Tina Prasti (Filcams Cgil Bat): «Non si può andare avanti così»
Palazzo delle Poste a Barletta, la Camera del lavoro: «Il Comune lo acquisti» Palazzo delle Poste a Barletta, la Camera del lavoro: «Il Comune lo acquisti» Il coordinatore della Cgil cittadina condivide e rilancia la richiesta dell’Anpi
Emergenza Covid: «Saturi gli ospedali di Barletta, Andria e Bisceglie. Servono rinforzi» Emergenza Covid: «Saturi gli ospedali di Barletta, Andria e Bisceglie. Servono rinforzi» Dalla Fp Cgil Bat Remini, Marzano e Matera chiedono interventi urgenti da parte della Direzione Generale della Asl Bat
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.