Collaborazione
Collaborazione
Servizi sociali

Contributo ABA per diversamente abili, Vito Tupputi: «Legge regionale capestro»

La nota del presidente regionale di Assomeda

«La nuova legge regionale sulla richiesta per ottenere il contributo Aba per le famiglie che ne fanno richiesta è capestro. Toglie la possibilità di scelta alle famiglie e indica ancora una volta che chi legifera non conosce la materia», a dirlo è Vito Tupputi, presidente di Assomeda.

Sono bimbi e ragazzi autistici che ad oggi in Puglia, seguendo le linee guide del Ministero della Salute fanno terapia seguendo il metodo Aba (che implica la presenza di un supervisor e una équipe di specialisti), un metodo non improvvisato, ma scientifico. In Puglia non esiste però alcun centro convenzionato o struttura pubblica che applica il metodo. Le famiglie dunque pagano a loro spese (con esborsi fino a 6/700 euro al mese) terapisti formati. C'è però in Puglia la possibilità di chiedere un rimborso almeno in parte delle spese sostenute.

Ebbene le nuove linee guida della legge 32/22 prevede che, le fatture (a fronte del rimborso) possono essere emesse e dunque riconosciute solo se fatte da personale sanitario specializzato. Questo significa che nei centri dove esistono specialisti siano le figure professionali ad emettere fattura e non il centro stesso che magari ha nel suo organico il professionista. Inoltre chiedere figure sanitarie specializzate significa immaginare che il metodo Aba sia prerogativa solo di psicologi, logopedisti, psicomotricisti, escludendo la figura dell'educatore. Ed è una follia, perché a fronte del corso e delle ore di praticantato che si richiedono, molti sono gli educatori (che non sono figure sanitarie) che applicano il metodo su centinaia di bambini con ottimi profitti. «La norma va cambiata – dice Tupputi – e faremo di tutto perché questo accada.
  • Disabilità
Altri contenuti a tema
Tornano le spiagge libere attrezzate per i cittadini con disabilità Tornano le spiagge libere attrezzate per i cittadini con disabilità La nota dell’amministrazione comunale
Apre a Barletta il centro diurno per disabili "Effatà" Apre a Barletta il centro diurno per disabili "Effatà" Attività socioeducative e riabilitative, servizio mensa e trasporto, nella nuova struttura in via Boito
Eliminazione barriere architettoniche a Barletta, «servono emendamenti in consiglio comunale» Eliminazione barriere architettoniche a Barletta, «servono emendamenti in consiglio comunale» L'annuncio dei referenti di Coalizione Civica
A Barletta la disabilità indossa le ali dell’autonomia A Barletta la disabilità indossa le ali dell’autonomia Avviati con i fondi PNRR percorsi di autonomia per giovani studenti disabili
10 Barriere architettoniche e indifferenza: disagi per i disabili a Barletta Barriere architettoniche e indifferenza: disagi per i disabili a Barletta Due segnalazioni di episodi spiacevoli in città, tra ostacoli e strisce pedonali inesistenti
13 Barletta non è a prova di sedia a rotelle Barletta non è a prova di sedia a rotelle «Non ho potuto godere degli eventi della Disfida in autonomia»: la segnalazione di un barlettano
3 Pass disabili, «in attesa del rinnovo cosa facciamo?» Pass disabili, «in attesa del rinnovo cosa facciamo?» La lettera di un papà barlettano
16 Sulle giostre della festa gratis i ragazzi disabili: una bella iniziativa Sulle giostre della festa gratis i ragazzi disabili: una bella iniziativa Un progetto voluto dal rappresentante dei giostrai Ermanno Bellucci, dagli operatori e dall'associazione ASSOMEDA
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.